Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Didattica-Alimentazione  >  Alimenti

Riconoscimenti profScaglione.it

©

Info Utenti

Login

Nickname:
Password:
Login:

 

Social Registration Registrati
Passa da qui se hai già un account su Facebook

Termini di Servizio

Clicca su Accetto Termini Servizio per la loro accettazione e per dichiarare di avere almeno 13 anni: ti compariranno i loghi Social con cui potrai registrarti istantaneamente!


 

Ciao Utente Anonimo



Registrati direttamente qua su profScaglione.it

   Registrati


Hai perso la tua Password?




 

Guarda Lista Membri WebCommunityLab
Utenti

Membri del Sito:
Ultimi Membri Registrati alla WebCommunityLab Ultimo registrato:
     kiara 
Numero totale Membri WebCommunityLab Complessivi: 1670

Persone Online:
Numero degli Ospiti Online in questo momento Ospiti: 12
Numero dei Membri Online in questo momento Iscritti: 0
Numero complessivo utenti online in questo momento Totale: 12

Traffico:



Navigazione Sito

 Ambienti 
 HOME PAGE
 Ambienti
 Info-Statistiche
 Notizie-Scuola
 Didattica-Alimentazione
 Social-Community
 Giochi-Svago
 Aiuto-Risorse
 Info 
 Info-Statistiche
 Dedica Sito
 Chi siamo?
 Riconoscimenti
 Staff
 Contattaci
 Richieste
 Mappa Sito I
 Mappa Sito II
 Raccomanda il Sito
 Progetto_El_Awards2
 Presentazione WebCommunityLab
 Progetti
 Fai Proposte sui Progetti
 Partecipa alla WebCommunity
 Privacy
 TerminiServizio
 Materiali di Servizio
 Attività Didattica
 Bibliografia-Crediti
 Rss Notizie Scuola
 Rss Community
 Rss Enciclopedie Vocaboli
 Rss Ricette Community
 Rss Alimenti Community
 Rss Video YouTube
 Sistema Ricerca Globale
 Statistiche 
 Info-Statistiche
 I Video più Visti
 Ricette più Viste
 Ricette più Votate
 Alimenti più Visti
 Alimenti più Votati
 Statistiche Forum
 Sondaggi
 Top Ten
 Sistema Ricerca Globale
 News Scuola 
 Notizie-Scuola
 News Scuola
 Argomenti Notizie Scuola
 News Ctg Prof
 News Ctg Stud-Prof
 News Ctg Studenti
 News Ctg Genitori-Stud
 News Ctg Presidi
 News Ctg Scuole
 News Ctg ATA
 News Ctg IPSSAR Nembro
 News Ctg Tutti
 Archivio Notizie Scuola
 Tags Scuola
 Forum Esami di Stato
 Forum Nuovi IPSSAR
 Video Ufficiali
 Post-it Mail
 Rss Scuola
 Sistema Ricerca Globale
 Didattica 
 Didattica-Alimentazione
 News Alimentazione
 Argomenti Alimentazione
 News Ctg Classi 1^
 News Ctg Classi 2^
 News Ctg Classi 3^
 News Ctg Classi 4^
 News Ctg Classi 5^
 News Ctg Tutte le Classi
 News Novità Sito
 Archivio News Alimentazione
 Materiali
 Enciclopedie
 Prove Strutturate
 Interrogatore
 Forums
 Mappa Ipertestuale Alimentazione Classe 5^
 Tags Alimentazione
 Ricette
 Alimenti
 Milionario-Alimentazione
 Cruciverba-Alimentazione
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Gallery Classi 3^
 Calcolo I.M.C.
 Fabbisogni Energia
 Equivalenze
 Classifica Membri WCL
 Acronimi
 Le Scienze I
 Rss Alimentazione
 Rss Ministero Salute
 Expose
 Sistema Ricerca Globale
 Social-Community 
 Social-Community
 Fan-Facebook-Twitter
 Bacheca Membri
 Il Tuo Account
 Sms
 Messenger
 The Wall - Muro
 Messaggi Privati
 Lista Utenti
 Chat
 Lista Utenti
 Classifica Membri WCL
 Video You Tube
 Compleanni
 Poesie
 Racconti Narrativa
 Guestbook Sito
 Proponi Download
 Cartoline Virtuali
 Citazioni
 Accadde Oggi
 Barzellette
 Sistema Ricerca Globale
 Giochi 
 Giochi-Svago
 Tris
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Scacchi
 MasterMind
 Sudoku
 Coloku
 Cruciverba-Alimentazione
 Cerca Parole
 Milionario-Alimentazione
 Giochi in Flash
 Sala Giochi
 Crea Avatar
 Sistema Ricerca Globale
 Svago e Relax 
 Giochi-Svago
 Video You Tube
 I Tuoi Video
 Ultimi Video
 Top Ten Video
 Ultimi Commenti Video
 Barzellette
 Gazzetta dello Sport
 Rss La Repubblica
 Rss Corriere Sera
 Le Scienze I
 Le Scienze II
 Ricette
 Citazioni
 Accadde Oggi
 Cani
 Gatti
 Pesci
 Uccelli
 Rettili
 Automobili
 FIFA World Cup
 CalcioEuropei 2008
 Sistema Ricerca Globale
 Aiuto 
 Aiuto-Risorse
 Come_Registrarsi
 Aiuto Online
 Contattaci
 Invio Files Materiali
 Richieste
 MyTutoriaUp
 Sistema Ricerca Globale
 Cerca in Eventi Storici
 Cerca in Acronimi
 Cerca in Barzellette
 Cerca in Poesie Amore
 Cerca in Altre Poesie
 Cerca Utenti
 Cerca Notizie Scuola
 Cerca News Community
 Cerca nei Forums
 Cerca in Ricette
 Cerca in Alimenti
 Cerca in Enciclopedia Alimenti
 Cerca in Enc. TSPC-TSPS
 Cerca in Gallery Multimediale
 Cerca nei Downloads
 Cerca in Rss
 Risorse 
 Aiuto-Risorse
 Invia Articolo o Ricerca
 Downloads
 Proponi Download
 Crea Password
 Post-it Mail
 Codice Fiscale
 Crea Tuo SitoWeb
 Crea Tua WebPage
 Whois
 Nuke Generator
 GUIstuff
 Nuke Tools
 PHP-Nuke Tools
 Flash Tools
 Style Tools
 Crea Bottoni
 Creazione Banner
 Testo Scorrevole
 Testo 3d
 Convertitore Date Unix
 Byteconverter
 Sistema Ricerca Globale
 Partecipa 
 Partecipa alla WebCommunity
 News Alimentazione
 Invia Articolo Scuola
 Invio Files Materiali
 Invia Vocabolo Enciclopedia
 Invia Ricetta
 Invia Alimento
 Invia Video YouTube
 Invia Tua Data Compleanno
 Invia Tuo Muro
 Invia Tua Poesia
 Invia Indovinello
 Invia Barzelletta
 Invia Citazione
 Invia Evento Storico
 Proponi Download
 Invia Compleanno
 Invia Img x Gallery
 Fai Proposte sui Progetti
 Segnala o Consiglia
 Sistema Ricerca Globale

Enciclopedie

Enciclopedia Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Fenilbutazone
 Mitocondri
 Microrganismo
 Molecola
 Estere

Enciclopedia Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Criollo
 Temperaggio
 [Semi di cacao]
 Grado alcolico
 Filtrare

Concetti Alimentazione

Ricerca Globale





Social

Condividi WebCommunityLab su
Facebook e Twitter


la WebCommunityLab è su Facebook!

Diventa Fan della WebCommunityLab:


la WebCommunityLab è su Twitter!


Guarda il canale wcl su YouTube!

Vai alla pagina della WebCommunityLab su YouTube

 

Count Down

Alla Fine della Scuola mancano .....
3 anni, 106 giorni, 6 ore, 37 minuti, 30 secondi fa


WebCommunityLab Mobile

WebCommunityLab di profScaglione.it è anche Mobile: le ultime 10 `News del Sito` e le ultime 10 `News della WebCommunityLab`, direttamente da cellulari, palmari e smartphone, attraverso delle pagine `leggere` create appositamente per questo scopo! Da non usare con il normale pc!
Questo è il link da digitare sul tuo Cellulare:
www.profscaglione.it/mobile

Video Casuale Alimentazione

Acronimo casuale



H.A.C.C.P.

Significa
Hazard Analysis and Critical Control Points O Analisi dei rischi e dei punti critici di controllo

  
 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help


Condividi su Facebook WebCommunityLab



 



_RECIPESWP


Alimenti - Ingredienti



Home Alimenti | Cerca | I più letti | I più votati


 

GUARDA TUTTI|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z
Categoria
Categoria
1 Alimenti Primo Gruppo INRAN
1 Alimenti Primo Gruppo INRAN
(6)
2 Alimenti Secondo Gruppo INRAN
2 Alimenti Secondo Gruppo INRAN
(2)
3 Alimenti Terzo Gruppo INRAN
3 Alimenti Terzo Gruppo INRAN
(3)
4 Alimenti Quarto Gruppo INRAN
4 Alimenti Quarto Gruppo INRAN
(0)
5 Alimenti Quinto Gruppo INRAN
5 Alimenti Quinto Gruppo INRAN
(1)
Bevande alcoliche
Bevande alcoliche
(0)
Bevande analcoliche
Bevande analcoliche
(0)
Carni conservate
Carni conservate
(0)
Carni fresche
Carni fresche
(1)
Cereali e Derivati
Cereali e Derivati
(3)
Dolci
Dolci
(2)
Erbe e Spezie
Erbe e Spezie
(0)
Formaggi Latticini
Formaggi Latticini
(0)
Frattaglie
Frattaglie
(0)
Frutta
Frutta
(0)
Latte Yogurt
Latte Yogurt
(2)
Legumi
Legumi
(1)
Oli e Grassi
Oli e Grassi
(1)
Prodotti Pesca
Prodotti Pesca
(1)
Prodotti Vari
Prodotti Vari
(0)
Uova
Uova
(0)
Verdure e Ortaggi
Verdure e Ortaggi
(2)
Ritorna a Elenco Alimenti

Pagina stampabilePagina stampabile


Carne



Categoria: Carni fresche

Nome:

Carne

Stagionalità:

Tutto

Nutrienti principali:

Glucidi, Protidi, Acqua, Vitamine, Sali Minerali, Sostanze Azotat













Generalità (definizione, aspetti storici, produzione, consumi, aspetti merceologici).
Caratteri fisici ed organolettici.




La parola Alimenti: CarneCarne indica la massa muscolare degli Enciclopedia: Animalianimali. In ambiti alimentari, il termine si riferisce a tutte le parti commestibili degli Enciclopedia: Animalianimali da macello. La Alimenti: Carnecarne è costituita dalle masse muscolari striate e dai tessuti che vi aderiscono: i nervi, Il tessuto connettivo e il grasso, di ogni animale macello, intendendo per Enciclopedia: Animalianimali da macello: i bovini, i bufalini, gli ovini, i caprini, i suini e gli equini, rientrano anche gli Enciclopedia: Animalianimali da cortile, la selvaggina, le frattaglia, le animelle, la trippa ed il sangue fresco.

Aspetti storici
Secondo la genesi ad Adamo ed Eva era vietato nutrirsi dalle altre creature viventi, sulle quali solo Dio aveva diritto di vita e di morte. Si dovrà attendere il diluvio universale, con l’inizio di una nuova era, perché all’uomo venga consentito cibarsi di carne: non si tratta però di un segno di benevolenza, ma di accettazione  della debolezza. Questa visione religiosa evidenzia anche la Enciclopedia: Famefame di Alimenti: Carnecarne che accompagnerà la storia dell’uomo.
Sulle tavole degli antichi Romani le carni più diffuse erano quelle di agnello, capretto, montone, maiale, coniglio e pollame, non mancava la selvaggina, mentre raro come in tutto il mondo antico era il consumo di Alimenti: Carnecarne bovina. I bovini infatti erano troppo preziosi come forza lavoro e come produttori di Alimenti: Lattelatte per essere destinati al macello. Solo in età avanzata vacche e buoi potevano finire in Galleria: PentolaEnciclopedia: Pentolapentola, quando le loro carni erano ormai coriacee e fibrose, sicuramente poco appetitose. Solo i ricchi potevano permettersi il lusso di portare in tavola un tenero capretto da Alimenti: Lattelatte. Forse proprio per questo motivo i Romani avevano l’abitudine di bollire anche la Alimenti: Carnecarne destinata a una successiva Enciclopedia: Cotturacottura arrosto perché in questo modo acquistava una migliore consistenza.
Con la crisi dell’impero, il modello di Enciclopedia: Alimentazionealimentazione subisce un radicale cambiamento. Le popolazioni barbariche premono ai confini di Roma e portano con sé usi e abitudini diversi. La centralità che la Alimenti: Carnecarne rivestiva nella dieta dei barbari era dovuta in grande parte  a un rapporto favoribile tra lo spazio da destinare al bestiame e il numero, relativamente ridotto, della popolazione. Simbolo di potere e di forza la Alimenti: Carnecarne era ritenuta l’alimento essenziale per l’uomo.
Nelle campagne d’Europa si afferma l’abitudine ancora attuale in molte regioni di crescere nei cortili e nelle aie maiali, polli, oche e conigli, in questo modo i contadini potevano contare su una piccola produzione di cibo destinata  all’autoconsumo, che si aggiungeva all’offerta dell’orto.

Produzione
Il settore dell’avicoltura dà un contributo notevole alla soluzione del problema proteico alimentare, mettendo  a disposizione sia Enciclopedia: Animalianimali da Alimenti: Carnecarne che uova da consumo. L’incremento della zootecnia è comunque legato, nelle sue varie branche, alla disponibilità di mangimi ed alla loro efficienza nutritiva.
L’allevamento degli Enciclopedia: Animalianimali è quindi favorito dal basso costo dei cereali e quando, come in Italia, tale costo è elevato, ci si trova di fronte ad un ostacolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia. Per questo e per altri motivi, sia ambientali che economici, fra cui quello dell’immobilizzo di un capitale più elevato che nel ciclo produttivo agricolo, la zootecnia in Italia ha uno sviluppo insufficiente rispetto alle necessità. Contemporaneamente, oltre al potenziamento dell’efficienza dell’attrezzatura frigorifera e del servizio di distribuzione per il rifornimento dei grossi centri e delle zone decentrate, anche gli allevamenti zootecnici per la produzione di Alimenti: Carnecarne alternative si sono sviluppati.
L’approvvigionamento sui mercati Enciclopedia: Esteriesteri è anche inevitabile
Per il rifornimento delle industrie conserviere, le quali, con la preparazione di Alimenti: Carnecarne cotte, inscatolate e sterilizzate, come manzo, lingua ed anche cucinate in vario modo pronte per l’uso, hanno contribuito ad estendere l’uso della Alimenti: Carnecarne in strati di popolazione non abituati al suo consumo, per condizioni economiche ed ambientali.
Accanto alla Alimenti: Carnecarne sterilizzata in scatola, Alimenti: Carnecarne secca, Alimenti: Carnecarne congelata, Alimenti: Carnecarne refrigerata Alimenti: Carnecarne salata e Alimenti: Carnecarne affumicata, l’industria conserviera produce sia semplici prodotti salati, come prosciutti, che prodotti salati ed insaccati, in genere aromatizzati, come salumi, coppe, avendo come sottoprodotti lardo, pancetta, Enciclopedia: Grassigrassi veri e propri come quelli di bue, di cavallo e di maiale.
L’industria di trasformazione delle carni è ripartita in due settori principali: quello dei prodotti conservati per salatura o salumi, cui è destinata la maggior parte dei 250 stabilimenti italiani, e quello delle carni cotte e sterilizzate in scatola, che è effettuato in un rispetto gruppo  di modernissimi stabilimenti, meno di una ventina, localizzati prevalentemente in Lombardia
Il patrimonio zootecnico cui attingono i due settori è formato prevalentemente da suini Enciclopedia: Grassigrassi per i salumi, con modesto contributo di carni di altri Enciclopedia: Animalianimali, e da bovini magri per il secondo, da ciò un diverso aspetto nell’economia zootecnica.
Inoltre i salumi fanno impegno tradizionale di Alimenti: Carnecarne suina fresca e solo recentemente si è applicato di Alimenti: Carnecarne congelata in alcuni prodotti, specie per quelli soggetti a Enciclopedia: Cotturacottura come mortadelle e cotechini, un promettente incremento si ha per salumi di alta qualità, a base di Alimenti: Carnecarne bovine o di caprini bradi di valle alpine. L’industria delle conserve di Alimenti: Carnecarne in scatola fornisce un ampio contributo all’Enciclopedia: Alimentazionealimentazione nelle zone continentali più industrializzate, è noto anche il grande consumo di esse che viene fatto negli U.S.A e nel Regno Unito.

Consumo
Con il passare degli anni il consumo  di Alimenti: Carnecarne è aumentato. Una regola Igenico-Alimentare vuole che la Alimenti: Carnecarne sia consumata in una quantità stimata dall’INRAN ( Istituto Nazionale della ricerca per gli alimenti e la nutrizione) intorno ai 60-80g giornalieri per persona con preferenza per le carni bianche che sono più leggere e magre delle rosse, ricche di proteine e Enciclopedia: Vitaminevitamine del complesso B e oligoelementi come Enciclopedia: Ferroferro, rame e zinco.
La nostra Enciclopedia: Alimentazionealimentazione è basata sul consumo delle carni: bovine, suine, equine, caprine, ovine, vengono poi le Alimenti: Carnecarne di polleria, la Alimenti: Carnecarne di conigli, ecc.
Nell’Italia settentrionale si consumano carni di tutti gli Enciclopedia: Animalianimali citati: in minore quantità quelle ovine e caprine. Nell’Italia centrale si consumano tutte le carni con una certa prevalenza di carni ovine e caprine. Nell’Italia meridionale il consumo è dato specialmente delle Alimenti: Carnecarne ovine, mentre non si mangiano le carni equine. Invece in Sardegna si consumano carni ovine, caprine, suine, bovine.
Le carni bovine sono le migliori, seguono quelle suine che sono molto gustose, poi le ovine e caprine e infine le carni equine.
La Alimenti: Carnecarne rappresenta il migliore alimento proteico. Il fabbisogno carneo dell’uomo è legato alla necessita del ricambio delle sostanze azotate delle cellule.

Aspetti merceologici
La carcassa dell’animale  viene macellata, dissanguata, eviscerata, privati dalla loro pelle, testa e piedi ( zampe) delle mammelle nelle femmine e dei testicoli.
Si ottengono cosi le carcasse, queste nei bovini si dividono longitudinalmente in due parti che vengono chiamate mezzene, la carcassa del vitello si divide anche perpendicolarmente alla colonna vertebrale fra la sesta e la settima costola ottenendo una parte anteriore o busto ed una posteriore o sella.
Le mezzene dei bovini si dividono in quarti e abbiamo quarto anteriore o quarto anteriore industriale e quarto posteriore o pistola detto anche pera. Abbiamo anche un quinto quarto alimentare formato da frattaglie e quinto quarto industriale formato dalla pelle e dalle parti cornee.
Il valore commerciale della Alimenti: Carnecarne riguarda sempre alla categoria, all’età e al sesso dell’animale.
Le carni macellate fresche devono essere contraddistinte da un bollo che indichi per estero la categoria degli  Enciclopedia: Animalianimali da cui provengono le carni cioè :
per i bovini: vitello, vitellone, manzo, bue, vacca, toro
per i bufalini : bufalo, annutolo
per gli equini: categoria unica equino
per i suini: suino(maschi e femmine castrate), scrofa, verro
per gli ovini: agnello, castrato montone pecora
Per i caprini: capretto, capra, becco.
Le carni costituite da solo tessuto muscolare, con poco Enciclopedia: Tessuto adiposotessuto adiposo o di tessuto connettivo sono le più pregiate, mentre quelle in cui sono presenti i tendini, legamenti, cartilagini e tessuto osseo sono meno pregiate.
Per lo tanto le carni si dividono in categorie:
1° categoria: localizzata nella coscia e nella regione lombare e sono adatti a cotture arrostite al salto e alla griglia.
2° categoria: si trovano invece nella spalla, nella regione costale e nella parte bassa della coscia, si prestano a cotture arrostite o in umido.
3° categoria: petto e pancia adatta a cotture bollite e in salse.
La qualità finale della Alimenti: Carnecarne dipende da diverse fattori come la razza, il genere, le condizioni di vita e di Enciclopedia: Alimentazionealimentazione, la quantità di muscolo e di tessuto connettivo presente. C’è tuttavia un aspetto particolare che viene spesso sottovalutato che è la frollatura, un processo naturale che consiste in una graduale trasformazione delle strutture muscolari, volta a ottenere carni più tenere, succose e saporite. Il tempo di frollatura varia in base a diversi fattori, al temperatura da conservare e la specie dell’animale.
A una temperatura di 2°C sono necessarie 3giorni per pollame,tacchino e coniglio, 6 per il agnello e il maiale, 8 per il vitello, mentre il bovino adulto necessita i circa 16 giorni. Durante questo intervallo di tempo la Alimenti: Carnecarne subisce un calo di peso dell’ordine del 3-4% per tanto i commercianti tendono a Enciclopedia: Ridurreridurre il minimo i tempi di riposo.

Caratteri Fisici
 Una osservazione piuttosto superficiale indurrebbe a pensare che il colore delle carni sia in stretta relazione con la quantità o qualità del sangue degli Enciclopedia: Animalianimali. Nulla di più errato, il colore è dato invece dalla Enciclopedia: Mioglobinamioglobina, la cui concentrazione dipende dalla razza, dall’età e dal sesso. Gli Enciclopedia: Animalianimali giovani hanno quindi una quantità inferiore di Enciclopedia: Mioglobinamioglobina rispetto agli adulti e di conseguenza carni meno colorite.
Gli Enciclopedia: Animalianimali da macello si possono suddividere in due grandi categorie, in base al colore dello loro carni: Enciclopedia: Animalianimali a Alimenti: Carnecarne bianca abbiamo vitello, suino, agnello, capretto, pollame, tacchino e coniglio e Enciclopedia: Animalianimali a Alimenti: Carnecarne rossa e a Alimenti: Carnecarne nera abbiamo bovino adulto, ovino e caprino adulti, equini, bufalini, anatra, faraona, oca, piccione, struzzo e tutta la selvaggina.

Caratteri organolettici
Dai caratteri organolettici, si può avere indizio sulla integrità delle carni osservandone il colore, l’odore e la consistenza. Durante la Enciclopedia: Cotturacottura si avranno elementi probativi dall’odore, rilevandone le caratteristiche all’inizio dell’ebollizione, avendo tenuto chiuso fino ad allora il recipiente e del sapore del brodo.
La reazione della Alimenti: Carnecarne deve essere acida od anfotera, un reazione spiccatamente alcalina si ha nelle carni in putrefazione.

 
 
 
 
Mappa Concettuale sulla Carne






Composizione chimica e valore nutrizionale.




Composizione chimica
La Alimenti: Carnecarne è composta chimicamente da tre gruppi principali di sostanze organiche che formano la base di ogni buon alimento (sostanze azotate, Enciclopedia: Grassigrassi e glucidi). Quindi la composizione chimica della Alimenti: Carnecarne fresca di bovino è: acqua 72%, materia secca 28%. La materia secca comprende: sostanze azotate 20%; grasso 5-6%; Enciclopedia: Glucidiglucidi, Enciclopedia: Glicogenoglicogeno, Galleria: CellulosaEnciclopedia: Cellulosacellulosa 1-2% ; Enciclopedia: Sali mineralisali minerali come sodio, potassio, Enciclopedia: Ferroferro, Enciclopedia: Calciocalcio,ecc 1%; e Enciclopedia: Vitaminevitamine che sono in prevalenza del gruppo B ( B1, B2, PP o B12). Fra le sostanze azotate troviamo: l’albumina, i peptoni, la miosina, l’elastina, la creatina, la carnina, e l’Enciclopedia: Emoglobinaemoglobina. Tra le sostanze grasse: gli acidi stearico, palmitico, butirrico, oleico, lattico, acetico, formico, ecc. combinati come Enciclopedia: Gliceridigliceridi. Certamente queste sostanze variano entro certi limiti: nelle carni bovine, caprine ed equine troviamo una percentuale di grasso minore: nelle carni equine una notevole maggior percentuale di Enciclopedia: Glucidiglucidi ( glicogeno). Troviamo quindi rappresentati tutti i gruppi chimici dell’alimento completo ed in questo caso il valore nutritivo è assoluto. La Alimenti: Carnecarne di buona qualità è compatta, soda, consistente al tatto; si taglia facilmente in sezioni regolari; ha una colorazione chiara, ma non troppo, con una sfumatura al rosso.
Valore nutrizionale
La Alimenti: Carnecarne è fonte di proteine ( in media dal 15-30%) ad alto valore biologico in quanto ricche di Enciclopedia: Amminoacidiamminoacidi essenziali; come abbiamo già detto contiene acqua, Enciclopedia: Lipidilipidi, glicidi, Enciclopedia: Sali mineralisali minerali e Enciclopedia: Vitaminevitamine, queste sostanze possono variare anche considerevolmente in base all’età, la specie, lo stato d’ingrassamento dell’animale ed al taglio muscolare interessato. E’ da precisare che il Enciclopedia: Ferroferro della Alimenti: Carnecarne viene assorbito meglio dall’intestino umano rispetto a quello contenuto nelle verdure e nei legumi.
Il coefficiente di utilizzazione digestiva (C.U.D) per la Alimenti: Carnecarne magra è superiore al 95%. In genere si può dire che la digeribilità della Alimenti: Carnecarne diminuisce con l’aumento dei Enciclopedia: Lipidilipidi presenti, i quali sono a loro volta responsabili del maggiore apporto calorico. I Enciclopedia: Grassigrassi provocano una riduzione della digeribilità perché coprono le fibre muscolari che rivestono, rendendole cosi più difficilmente attaccabili dagli Enciclopedia: Enzimienzimi digestivi.
I Enciclopedia: Grassigrassi possono essere viscerali (es. attorno al rene), di copertura (es. lardo dei suini) o di infiltrazione, questo ultimo parla anche di Enciclopedia: Grassigrassi invisibili e le carni si distinguono in: venate (con poco grasso) , marezzate (mediamente grasso ) e prezzemolate (con alto contenuto di grasso).
I Enciclopedia: Grassigrassi sono costituiti soprattutto da Enciclopedia: Trigliceriditrigliceridi con acidi saturi. Il consumo di carni grasse aumenta il livello di Enciclopedia: Colesterolocolesterolo. Il Enciclopedia: Colesterolocolesterolo varia mediamente tra i 60-70 mg ogni 100 g di Alimenti: Carnecarne.

 Mappa Concettuale Carne
 





Tecnologia.
Alterazioni, conservazione (industriale e domestica) e Frodi.




Esistino prodotti che si fanno con la Alimenti: Carnecarne, ad esempio: i salumi, che in genere si suddividono in due grandi categorie:
1. salumi insaccati
2. prodotti salati non insaccati
I salumi insaccati
Sono prodotti ottenuti da una miscela di Alimenti: Carnecarne triturata con grasso, sale e spezie varie che costituiscono la concia. Questa miscela viene quindi insaccata in un involucro che può essere artificiale o naturale. Tutti gli insaccati devono avere il bollino metallico, applicato alla spago di legatura che riporta la sigla delle specie animale a cui appartengono le carni impiegate.
Per esempio: S = suino, B = bovino, O = ovino, E = equino, SB = suino e bovino, e cosi via.
I salumi insaccati si suddividono in:
Insaccati freschi: salsicce di vario tipo, salamini freschi di bovino.
Insaccati stagionati: salame tipo Milano, Felino, Fabriano, napoletano, Varzi, cacciatorino, nostrano, coppa
Insaccati cotti: mortadella, wurstel.
Cotechino e zampone sono insaccati precotti venduti come freschi.
La concia che si aggiunge all’impasto di Alimenti: Carnecarne macinata e tritata è costituita da vari ingredienti come: sale, glutammato monosodico, nitriti e nitrati, polvere di Alimenti: Lattelatte, vino , Enciclopedia: ZuccheroAlimenti: Zuccherozucchero , pepe e altre spezie, acido ascorbico.

I prodotti salati non insaccati
Sono prodotti che in genere si ottengono da altri tagli interni di Alimenti: Carnecarne e normalmente, ma non sempre non hanno bisogno di alcun confezionamento. Se si esclude la bresaola che è di Alimenti: Carnecarne bovina risultano preparati per lo più da cerne di maiale cosciotto o spalla sottoposta ai seguenti trattamenti:
1. Salatura
2. Essicazione
3. Aromatizzazione
4. Stagionatura
Tra i vari prodotti di questo gruppo ricordiamo:
Prosciutto crudo, che è conosciuto di suino salato a secco o per iniezione e stagionato.
Prosciutto cotto, che è cosciotto di maiale lasciato 30 giorni in salamoia e cotto
Bresaola
Culatello
Spalla cotta
Pancetta
Speck
L’azione degli Enciclopedia: Additiviadditivi aggiunti
Il sale ( NaCl) si può considerare come l’Enciclopedia: Antisetticoantisettico meno tossico tuttavia la sua azione battericida è molto debole. Considerati i limiti della salatura si impiegano spesso altri metodi come la Enciclopedia: Cotturacottura, la stagionatura e l’aggiunta di Enciclopedia: Additiviadditivi vari che aumentano la conservazione ed il miglioramento delle caratteristiche organolettiche dei salumi.
I nitrati e nitriti di sodio e potassio svolgono tre importanti funzioni:
a) hanno la capacità di selezionare la microflora tipica della Enciclopedia: Fermentazionefermentazione e quindi de avviare la maturazione.
b) creano un ambiente sfavorevole alla crescita ed all’attività del Clostridium botulinum.
c) conferiscono alla Alimenti: Carnecarne un bel colore rosso vivo.
L’aspetto negativo dell’impiego di questi Enciclopedia: Additiviadditivi è dovuto al fatto che una volta ingeriti si possono legare con le Enciclopedia: Ammineammine ( gruppo amminico dell’amminoacido ) per formare le nitrosammine, sostanze riconosciute cancerogene in quanto favoriscono la formazione di tumori.
Acido ascorbico svolge la funzione di antiossidante.
Lo Enciclopedia: ZuccheroAlimenti: Zuccherozucchero serve per favorire lo sviluppo dei Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi di maturazione.
La polvere di Alimenti: Lattelatte viene impiegata alla scopo di dare compattezza all’impasto.
Spezie, sostanze aromatiche e glutammato monosodico servono per arricchire gradevolmente i sapori e gli Enciclopedia: Aromiaromi dei prodotti di salumeria.

La produzione del prosciutto crudo
1. La coscia del maiale va isolata della mezzena e rifilata
2. La salagione è una fase importante che può essere fatta a mano per aspersione. I prosciutti rimangono in salagione per 15-20 giorni, in cui segue un periodo di sosta per 30-40 giorni in apposite celle.
3. L stuccatura effettuata sulla coscia con un impasto di grasso, acqua, farine e pepe serve per impedire gli attacchi parassitari e di Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi che colpiscono i prosciutti vicino all’osso femorale.
4. Segue la fase molto delicata della stagionatura che può essere fatta in due sottofasi: la prima in condizioni di aria calda e secca e la seconda in condizioni di maggiore umidità in modo che si formi una leggera pellicola vellutata dovuta alla sviluppo di alcune muffe bianche.
5. Le analizzi organolettiche dei prosciutti vengono fatte con appositi aghi-sonda alla scopo di definire la qualità del prosciutto, si analizza soprattutto l’odore e l’aroma.

Alterazioni

Divideremo le carni alterate in tre categorie principali: carni anormali, carni malate, carni alterate.
Le carni anormali sono quelle che non hanno normali i caratteri ordinari della Alimenti: Carnecarne, cioè colore , odore, consistenza. Sono carni sane, anche se non molto Enciclopedia: Nutrientinutrienti, pero con facilità si alterano ulteriormente e sono quindi utilizzate subito, appartengono a questo gruppo le carni immature, fetali, troppo magre, itteriche, strapazzate.
Le carni malate sono quelle che provengono da bestiame ammalato e specialmente di malattia infettiva ( es. carbonchio ematico, carbonchio sintomatico, edema maligno, peste bovina). Sono carni da distruggere perché non sono commestibili. Le carni infestate di parassiti contengono in genere trichine e tenie.
Le carni alterate sono quelle che troviamo profondamente modificate in alcuni caratteri, come odore, colore, ecc. Le modificazioni possono avvenire per le cattiva conservazione. Le cause sono odori e sapori disgustosi che possono provenire dall’animale o dall’ambiente in cui le carni sono state collocate e conservate ; fosforescenza che è propria della Alimenti: Carnecarne aventi una tinta verdognola, giallo-rossiccia (questa colorazione e dovuta alla presenza di alcuni Enciclopedia: Batteribatteri cromogeni); ammuffimento in seguito al quale le carni presentano con uno straterello di muffa verde o bianche sulla superficie: invasioni di insetti, che si osservano specialmente nell’estate e quando le carni sono abbondante in un locale aperto. Sopra questa carni si sono fermate le mosche deponendo le uova: putrefazione in cui la crani si presentano molli, flaccide, con odore nauseante, disgustoso, la putrefazione è dovuta all’azione di Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi. Sono carni pericolose e da non consumare.


Conservazione

• Carne refrigerata. Ridotto l’animale in quarti, questi vengono portati nelle celle frigorifere. L’azione del freddo ha o scopo di conservare le carni ostacolando lo sviluppo dei microbi della putrefazione. Le temperature adottate nei refrigeranti vanno da 0 a -1 °C e se la temperatura scende a -3°C le carni acquistano una colorazione scura. Possono stare in refrigerante fino 30-40 giorni, le carni di bue, fino 20 giorni e le carni suine e di vitello in genere si conservano per 10-12 giorni.
Le carni refrigerate vengono vendute nei negozi alla temperatura da 5 a 10 °C. le carni refrigerate devono essere usate sollecitamente ed appena portate a casa bisogna perciò metterle in luogo fresco, non umido, oppure cucinarle subito.

• Carne congelata. Proviene da paesi d’oltreoceano e propriamente dall’Argentina e Brasile. Questi paesi sono dotati di un forte patrimonio zootecnico, sono in grado di macellare un gran numero di capi di bestiame bovino e suino. I quarti delle bestie, per la loro conservazione e per la comodità di trasporto, vengono sottoposti a Enciclopedia: Congelamentocongelamento. Li si ottiene in quattro giorni circa per le carni bovine, a temperature che scendono gradualmente da -5 a -10 fino a -20 °C. Ottenuto il Enciclopedia: Congelamentocongelamento completo le carni vengono conservate ad una temperatura da -2 a -5°C . Questa temperatura assicura la conservazione per mesi e mesi. Per l’uso la Alimenti: Carnecarne deve essere fatta disgelare lentamente.

• Carne in scatola. L’utilizzazione della Alimenti: Carnecarne in scatola è in questi anni molto aumentata. Difatti questa Alimenti: Carnecarne è bene accettata dai consumatori perché è già cotta, saporita, gustosa e ha modico prezzo. La Alimenti: Carnecarne in scatola rappresenta nei viaggi una ottima comodità, è poco ingombrante si ha in qualunque ora della giornata, un alimento sano e nutriente e subito pronto.

• Questo metodo consiste nel porre la Alimenti: Carnecarne cotta e disossata in scatole di latta o di lamiera verniciata, chiuse con aggraffatura e scaldate a 100-120°C, temperatura sufficiente ad uccidere i microbi ma anche le spore. La chiusura deve essere ermetica e i tondelli devono essere concavi per la depressione interna dovuta al raffreddamento : i tondelli convessi sono indice di sviluppo di gas conseguente ad Enciclopedia: Alterazionealterazione della Alimenti: Carnecarne.

• Carne secca. L’essicazione della Alimenti: Carnecarne si fa tagliandola in frette sottili ed esponendola al sole (metodo in uso nell’America meridionale) od al calore . Essendo l’acqua ridotta a una percentuale molto limitata, i microorganismi della putrefazione non possono svilupparsi. L’essiccazione però modifica piuttosto sensibilmente la Alimenti: Carnecarne che non riprende più per azione dell’acqua, le stesse caratteristiche originali.

• Carne affumicata. Le carni vengono esposte, talvolta dopo lieve salatura, al fumo di legna verde (faggio, quercia, ecc), ricco di vapori fenolici che vengono assorbiti della Alimenti: Carnecarne, la quale nel frattempo perde anche una parte dell’acqua. Il fumo, oltre ad avere funzione antisettica, ha anche azione aromatizzante, cosi da dare alla Alimenti: Carnecarne profumo e gusto gradevole. Così si conservano prosciutti, salumi, pesci, ecc. Nessun Enciclopedia: Antisetticoantisettico è consentito dalla legge per la conservazione della Alimenti: Carnecarne perché avrebbe azione nociva anche nel nostro organismo.

Frodi

Prima che la vendita della Alimenti: Carnecarne ed il controllo igenico-sanitario venissero regolamentati con apposite disposizioni di legge, molte frodi commerciali avvenivamo vendendo carni di Enciclopedia: Animalianimali di specie e di categorie diverse; ad esempio cavallo per manzo e bue per vitello, o tagli di carni diversi da quelli richiesti dal consumatore. I maggiori controlli sanitari, la quasi scomparsa di certi Enciclopedia: Animalianimali (cavallo, asino, bue) a seguito della macellazione nei trasporti ed in agricoltura, i nuovi orientamenti di mercato ( per cui è più facile il riconoscimento del taglio che viene preparato) , hanno limitato questo tipo di frodi.
Sono ancora frequenti i casi in cui viene spacciata per fresca Alimenti: Carnecarne congelata, oppure per sana di bassa macelleria; sono carni di Enciclopedia: Animalianimali abbattuti o morti per malattia, traumi o altra causa che se riconosce idonee al consumo dal veterinario, vanno vendute in locali destinati allo scopo.
Una frode è anche l’aggiunta nelle carni fresche di Enciclopedia: Additiviadditivi illegali (nitrati, nitriti e solfito di sodio) che ravviano il colore.
Purtroppo è ormai un fatto acquisito l’impiego di Enciclopedia: Additiviadditivi chimici nel mangime degli Enciclopedia: Animalianimali da Alimenti: Carnecarne allo scopo di favorire una maggiore e più precoce crescita. Fra queste sostanze è diffuso l’uso degli estrogeni (ormoni sessuali), soluzione economicamente vantaggiosa in quanto gli Enciclopedia: Animalianimali trattati hanno un incremento in peso di circa il 15%; tali sostanze sono vietate per legge a causa degli effetti negativi sulla salute umana.





















































 





Valutazione della freschezza.
Caratteristiche gastronomiche e impieghi culinari.




Valutazione della freschezza
Un’attenta osservazione del colore della Alimenti: Carnecarne ci può aiutare al momento dell’acquisto, una colorazione vivace, lucida e brillante è in genere un segnale positivo. Un altro aspetto da valutare è il colore del grasso, eventuali striature rossicce o rosate presenti negli alimenti di taglia grande sono segnali di dissanguamento imperfetto o di cattiva salute dell’animale.
Valutazione della freschezza dei seguenti animali:
• la Alimenti: Carnecarne di toro deve avere un colore rosso-nero, una consistenza soda, dura, un odore fresco che ricorda l’origine.
Valutazione della freschezza, Caratteristiche gastronomiche e impieghi culinari Valutazione della freschezza Un’attenta osservazione del colore della Alimenti: Carnecarne ci può aiutare al momento dell’acquisto, una colorazione vivace, lucida e brillante è in genere un segnale positivo. Un altro aspetto da valutare è il colore del grasso, eventuali striature rossicce o rosate presenti negli alimenti di taglia grande sono segnali di dissanguamento imperfetto o di cattiva salute dell’animale. Valutazione della freschezza dei seguenti animali: • la Alimenti: Carnecarne di toro deve avere un colore rosso-nero, una consistenza soda, dura, un odore fresco che ricorda l’origine. • quella di bue deve avere un colore rosso-vivo, consistenza soda, ma che diventa presto tenera ed untuosa, odore fresco, debolmente aromatico. • quella di vacca un colore rosso-vivo, una consistenza soda più densa di quella del bue e un odore fresco, ricorda il Alimenti: Lattelatte, meno aromatico che nel bue. • il vitello deve avere un colore bianco o roseo, una consistenza tenera un odore fresco che accenna spesso all’Enciclopedia: Inacidimentoinacidimento. • la Alimenti: Carnecarne di cavallo deve avere un colore rosso- bruno consistenza soda, un odore poco sensibile nei soggetti sani. • la Alimenti: Carnecarne di capra invece deve avere un colore rosso-nero, ha una consistenza soda, dura, coriacea, odore fresco muschiato. • la Alimenti: Carnecarne di agnello deve avere un colore bianco o rosso, la consistenza molle e un odore debole che ricorda il Alimenti: Lattelatte, accenna spesso all’Enciclopedia: Inacidimentoinacidimento. • il maiale deve avere un colore bianco roseo più o meno scuro, una consistenza molle e generalmente untuosa e un odore nullo o debole che ricorda l’origine. Caratteristiche gastronomiche e impieghi culinari Come abbiamo già detto ci sono 3 categorie di taglio (1° cat. Coscia e regione lombare, 2° cat. Spalla, regione costale e parte bassa della coscia, 3°cat. Pancia e petto) in base a questi dobbiamo sapere come li cuociamo . Tagli del bovino adulto, (tra parentesi è segnalata la categoria del taglio). 1. Geretto o muscolo (3°) presente sia nell’anteriore sia nel posteriore, è un taglio molto ricco di tessuto connettivo: per questo richiede una Enciclopedia: Cotturacottura lenta, in umido oppure bollita 2. Pesce o campanello(2°) taglio composto da diversi muscoli, separati da evidenti strati di tessuto connettivo, è utilizzato per la preparazione di stufati, stracotti e bolliti, da questo taglio si possono ottenere anche saporite bistecche. 3. Fesa o rosa o scannello(1°) parte centrale interna della coscia, di forma rotondeggiante, molto voluminosa,generalmente utilizzata per roast beef, bistecche alla griglia, scaloppine, Alimenti: Carnecarne alla tartara 4. Scamone o culaccio(1°) parte alta della coscia, ricoperta di un strato sottile di grasso, è un muscolo a Enciclopedia: Cotturacottura rapida che si presta alla preparazione di ottimi arrosti e bistecche 5. Fianchetto o piccione(2°)piccolo taglio triangolare di Alimenti: Carnecarne situato sopra la noce, particolarmente tenero e saporito, si utilizza per bistecche da cuocere al sangue. 6. Noce(1°)parte anteriore della coscia, situata lungo il osso del femore, ha gli stessi metodi di Enciclopedia: Cotturacottura della fesa 7. Girello o lacerto o magatello (1°) situato nella parte posteriore della coscia, per roast beef e brasati 8. Sottofesa o fetta di mezzo (1°) è la parte più voluminosa della coscia, viene in genere lardellata e brasata oppure cotta bollita 9. Filetto(1°)è la parte più nobile dell’animale, si utilizza per bistecche e filetto la Enciclopedia: Cotturacottura deve essere breve 10. Controfiletto o lombata(1°) è la parte posteriore del muscolo dorsale, costituisce la famosa “bistecca alla fiorentina”. Può anche essere cotto intero per ottenere un ottimo roast beef. 11. Costata o lombata (1°)è la massa muscolare che ricopre le ultime costole della schiena e ha quindi la caratteristica forma arcuata preparata intere per ottenere un ottimo roast beef, tagliata con l’osso per formare la costata, da cuocere alla griglia o in padella 12. Pancia(3°)taglio piatto e allungato, con strati di muscoli alternati a striati di Enciclopedia: Grassigrassi, dal buon sapore , viene utilizzato per brasati e bolliti 13. Scalfo o tasto(3°)comprende i muscoli laterali dell’addome, da cuocere in umido oppure bollito 14. Biancostato o doppione(3°)oltre all’osso ha una buona presenza di grasso che lo rende tenero e saporito dopo una Enciclopedia: Cotturacottura prolungata. 15. Biancostato della croce o spuntatura(2°) Alimenti: Carnecarne magra, saporita che richiede una lunga Enciclopedia: Cotturacottura 16. Petto(3°)taglio molto grasso e tenero, adatto per la Enciclopedia: Cotturacottura bollita 17. Coppa o reale(2°) è un buon taglio magro e piuttosto fibroso ricavato dalla parte sovrastante la spalla, richiede una Enciclopedia: Cotturacottura lunga e lenta 18. Sottospalla(2°)è la parte che rimane dopo aver asportato la spalla, il collo e la coppa, oltre al muscolo è presente una parte della prime costole, si utilizza prevalentemente per cotture in umido 19. Collo(3°) Alimenti: Carnecarne muscolosa, ricca di tessuto connettivo, che richiede una lunga Enciclopedia: Bolliturabollitura per risultare tenera e saporita 20. Brione o Enciclopedia: Polpapolpa di spalla(2°) taglio di media qualità della spalla, richiede una lenta Enciclopedia: Cotturacottura in umido 21. Frisone di spalla o Enciclopedia: Polpapolpa di spalla(2°)taglio della spalla piuttosto magro e largo utilizzato generalmente per bistecche , involtini, scaloppine e arrostiti 22. Cappello del prete o copertina(2°)muscolo centrale della spalla, venato de grasso, è molto apprezzato bollito oppure cotto in umido 23. Girello di spalla o fusello(2°)muscolo affusolato e magro della spalla, è consigliabile lardellarlo prima della Enciclopedia: Cotturacottura, che può essere i umido, arrostita, al salto 24. Copertina di sotto o traversino (2°) piccolo taglio interno della spalla che ricopre completamente l’osso, è saporito e tenero, si utilizza per preparare bistecche e involtini. Tagli al minuto del bovino adulto è vene conoscere i principali tagli al minuto del bovino adulto. • Battuta: ampia fetta sottile della fesa o della noce, del peso di 120-140g in genere cotta alla griglia. • Chateubriand: trancio alto 6-10cm del cuore del filetto(per 2-3 porzioni), che pesa 350-500g. • Costata: trancio di lombata senza filetto, del peso di 220-350g • Entrecote: trancio di lombata disossata senza filetto, che pesa 150-180g • Filets mignons: 4-5 fettine della coda del filetto che pesano comprensivamente 120-150g • Fiorentina: trancio di lombo con osso e filetto, il cui peso può variare tra 350 e 700g • Fondue bourguignonne: dadolini della coda del filetto o della fesa che pesano complessivamente 150g • Rosette o nocette: due fette sottile di forma ovale della fesa o della noce che pesano complessivamente 100-120g • Rumteak: trancio spesso dello scamone d cuocere alla griglia, che pesa 150-450g, da servire per 1-3 porzioni • Scaloppa: fetta sottile di forma ovale, di taglio tenero, del peso di circa 100-120g • Steak: trancio della testa del filetto che pesa 120-150g • Steak tartare: Alimenti: Carnecarne macinata della testo o della coda del filetto, della fesa o della noce che pesa complessivamente 1230g • Tournedos: trancio del cuore o della prima parte della coda del filetto, che pesa 120-150g. Tagli dell’ovino adulto. È importante conoscere i nomi dei taglia dell’ovino adulto per scegliere quello ideale per ogni preparazione. 1. Cosciotto. È il taglio più pregiato per la Enciclopedia: Cotturacottura arrostita o bolliti. È ottimo anche per la preparazione di brasati, oppure tagliato a fette cotto alla griglia 2. Lombata. È la parte posteriore della schiena, dalla lombata singola si ottengono i nodini da cuocere alla griglia con la bavetta arrotolata all’interno e fermata con uno spiedino 3. Costolette. Parte anteriore della schiene cotta in forno intera, ma più spesso è taglia in costolette da cuocere alla griglia o in padella. 4. Collo. Alimenti: CarneCarne saporita leggermente grassa che si presta a preparazioni a Enciclopedia: Cotturacottura lenta, in umido 5. Petto e spuntatura della costa. Taglio saporito e grasso che ha numerose cotture. Può essere cotto in forno intero o disossato e farcito. Tagliato a pezzi può essere cotto brasato o stufato. 6. Spalla. Si presta agli stessi tipi di Enciclopedia: Cotturacottura del cosciotto, la Alimenti: Carnecarne è più ricca di Enciclopedia: Collagenecollagene e un po’ meno tenera. Bibliografia • INOSTRI ALIMENTI CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE E NUTRITIVE DEI PRODOTTI ALIMENTARI SECONDA EDIZIONE RIFATTA E AUMENTATA EDITORE ULRICO HOEPILI MILANO • LA GRANDE CICINA CORRIERE DELLA SERA CARNI BIANCHE EDIZIONE SPECIALE PER IL CORRIERE DELLA SERA 2004 RCS QUOTIDIANI S.p.A. I MANUALI DEL CORRIERE DELLA SERA • LE CARNI SAPORI E PROFUMI NELLA CUCINA DI 12 CHEF EDIZIONE GRIBAULO • LA GRANDE CUCINA CORRIERE DELLA SERA CARNI ROSSE EDIZIONE SPECIALE PER IL CORRIERE DELLA SERA 2004 RCS QUOTIDIANI S.p.A. I MANUALI DEL CORRIERE DELLA SERA • quella di bue deve avere un colore rosso-vivo, consistenza soda, ma che diventa presto tenera ed untuosa, odore fresco, debolmente aromatico.
• quella di vacca un colore rosso-vivo, una consistenza soda più densa di quella del bue e un odore fresco, ricorda il Alimenti: Lattelatte, meno aromatico che nel bue.
• il vitello deve avere un colore bianco o roseo, una consistenza tenera un odore fresco che accenna spesso all’Enciclopedia: Inacidimentoinacidimento.
• la Alimenti: Carnecarne di cavallo deve avere un colore rosso- bruno consistenza soda, un odore poco sensibile nei soggetti sani.
• la Alimenti: Carnecarne di capra invece deve avere un colore rosso-nero, ha una consistenza soda, dura, coriacea, odore fresco muschiato.
• la Alimenti: Carnecarne di agnello deve avere un colore bianco o rosso, la consistenza molle e un odore debole che ricorda il Alimenti: Lattelatte, accenna spesso all’Enciclopedia: Inacidimentoinacidimento.
• il maiale deve avere un colore bianco roseo più o meno scuro, una consistenza molle e generalmente untuosa e un odore nullo o debole che ricorda l’origine.

Caratteristiche gastronomiche e impieghi culinari
Come abbiamo già detto ci sono 3 categorie di taglio (1° cat. Coscia e regione lombare, 2° cat. Spalla, regione costale e parte bassa della coscia, 3°cat. Pancia e petto) in base a questi dobbiamo sapere come li cuociamo .
Tagli del bovino adulto, (tra parentesi è segnalata la categoria del taglio).
1. Geretto o muscolo (3°) presente sia nell’anteriore sia nel posteriore, è un taglio molto ricco di tessuto connettivo: per questo richiede una Enciclopedia: Cotturacottura lenta, in umido oppure bollita
2. Pesce o campanello(2°) taglio composto da diversi muscoli, separati da evidenti strati di tessuto connettivo, è utilizzato per la preparazione di stufati, stracotti e bolliti, da questo taglio si possono ottenere anche saporite bistecche.
3. Fesa o rosa o scannello(1°) parte centrale interna della coscia, di forma rotondeggiante, molto voluminosa,generalmente utilizzata per roast beef, bistecche alla griglia, scaloppine, Alimenti: Carnecarne alla tartara
4. Scamone o culaccio(1°) parte alta della coscia, ricoperta di un strato sottile di grasso, è un muscolo a Enciclopedia: Cotturacottura rapida che si presta alla preparazione di ottimi arrosti e bistecche
5. Fianchetto o piccione(2°)piccolo taglio triangolare di Alimenti: Carnecarne situato sopra la noce, particolarmente tenero e saporito, si utilizza per bistecche da cuocere al sangue.
6. Noce(1°)parte anteriore della coscia, situata lungo il osso del femore, ha gli stessi metodi di Enciclopedia: Cotturacottura della fesa
7. Girello o lacerto o magatello (1°) situato nella parte posteriore della coscia, per roast beef e brasati
8. Sottofesa o fetta di mezzo (1°) è la parte più voluminosa della coscia, viene in genere lardellata e brasata oppure cotta bollita
9. Filetto(1°)è la parte più nobile dell’animale, si utilizza per bistecche e filetto la Enciclopedia: Cotturacottura deve essere breve
10. Controfiletto o lombata(1°) è la parte posteriore del muscolo dorsale, costituisce la famosa “bistecca alla fiorentina”. Può anche essere cotto intero per ottenere un ottimo roast beef.
11. Costata o lombata (1°)è la massa muscolare che ricopre le ultime costole della schiena e ha quindi la caratteristica forma arcuata preparata intere per ottenere un ottimo roast beef, tagliata con l’osso per formare la costata, da cuocere alla griglia o in padella
12. Pancia(3°)taglio piatto e allungato, con strati di muscoli alternati a striati di Enciclopedia: Grassigrassi, dal buon sapore , viene utilizzato per brasati e bolliti
13. Scalfo o tasto(3°)comprende i muscoli laterali dell’addome, da cuocere in umido oppure bollito
14. Biancostato o doppione(3°)oltre all’osso ha una buona presenza di grasso che lo rende tenero e saporito dopo una Enciclopedia: Cotturacottura prolungata.
15. Biancostato della croce o spuntatura(2°) Alimenti: Carnecarne magra, saporita che richiede una lunga Enciclopedia: Cotturacottura
16. Petto(3°)taglio molto grasso e tenero, adatto per la Enciclopedia: Cotturacottura bollita
17. Coppa o reale(2°) è un buon taglio magro e piuttosto fibroso ricavato dalla parte sovrastante la spalla, richiede una Enciclopedia: Cotturacottura lunga e lenta
18. Sottospalla(2°)è la parte che rimane dopo aver asportato la spalla, il collo e la coppa, oltre al muscolo è presente una parte della prime costole, si utilizza prevalentemente per cotture in umido
19. Collo(3°) Alimenti: Carnecarne muscolosa, ricca di tessuto connettivo, che richiede una lunga Enciclopedia: Bolliturabollitura per risultare tenera e saporita
20. Brione o Enciclopedia: Polpapolpa di spalla(2°) taglio di media qualità della spalla, richiede una lenta Enciclopedia: Cotturacottura in umido
21. Frisone di spalla o Enciclopedia: Polpapolpa di spalla(2°)taglio della spalla piuttosto magro e largo utilizzato generalmente per bistecche , involtini, scaloppine e arrostiti
22. Cappello del prete o copertina(2°)muscolo centrale della spalla, venato de grasso, è molto apprezzato bollito oppure cotto in umido
23. Girello di spalla o fusello(2°)muscolo affusolato e magro della spalla, è consigliabile lardellarlo prima della Enciclopedia: Cotturacottura, che può essere i umido, arrostita, al salto
24. Copertina di sotto o traversino (2°) piccolo taglio interno della spalla che ricopre completamente l’osso, è saporito e tenero, si utilizza per preparare bistecche e involtini.

Tagli al minuto del bovino adulto
è vene conoscere i principali tagli al minuto del bovino adulto.
• Battuta: ampia fetta sottile della fesa o della noce, del peso di 120-140g in genere cotta alla griglia.
• Chateubriand: trancio alto 6-10cm del cuore del filetto(per 2-3 porzioni), che pesa 350-500g.
• Costata: trancio di lombata senza filetto, del peso di 220-350g
• Entrecote: trancio di lombata disossata senza filetto, che pesa 150-180g
• Filets mignons: 4-5 fettine della coda del filetto che pesano comprensivamente 120-150g
• Fiorentina: trancio di lombo con osso e filetto, il cui peso può variare tra 350 e 700g
• Fondue bourguignonne: dadolini della coda del filetto o della fesa che pesano complessivamente 150g
• Rosette o nocette: due fette sottile di forma ovale della fesa o della noce che pesano complessivamente 100-120g
• Rumteak: trancio spesso dello scamone d cuocere alla griglia, che pesa 150-450g, da servire per 1-3 porzioni
• Scaloppa: fetta sottile di forma ovale, di taglio tenero, del peso di circa 100-120g
• Steak: trancio della testa del filetto che pesa 120-150g
• Steak tartare: Alimenti: Carnecarne macinata della testo o della coda del filetto, della fesa o della noce che pesa complessivamente 1230g
• Tournedos: trancio del cuore o della prima parte della coda del filetto, che pesa 120-150g.


Tagli dell’ovino adulto.
È importante conoscere i nomi dei taglia dell’ovino adulto per scegliere quello ideale per ogni preparazione.
1. Cosciotto. È il taglio più pregiato per la Enciclopedia: Cotturacottura arrostita o bolliti. È ottimo anche per la preparazione di brasati, oppure tagliato a fette cotto alla griglia
2. Lombata. È la parte posteriore della schiena, dalla lombata singola si ottengono i nodini da cuocere alla griglia con la bavetta arrotolata all’interno e fermata con uno spiedino
3. Costolette. Parte anteriore della schiene cotta in forno intera, ma più spesso è taglia in costolette da cuocere alla griglia o in padella.
4. Collo. Alimenti: CarneCarne saporita leggermente grassa che si presta a preparazioni a Enciclopedia: Cotturacottura lenta, in umido
5. Petto e spuntatura della costa. Taglio saporito e grasso che ha numerose cotture. Può essere cotto in forno intero o disossato e farcito. Tagliato a pezzi può essere cotto brasato o stufato.
6. Spalla. Si presta agli stessi tipi di Enciclopedia: Cotturacottura del cosciotto, la Alimenti: Carnecarne è più ricca di Enciclopedia: Collagenecollagene e un po’ meno tenera.
























































 





- Fonti e Autori -


 Bibliografie

• i nostri alimenti caratteristiche merceologiche e nutritive dei prodotti alimentari
seconda edizione rifatta e aumentata editore Ulrico Hoepli Milano 
• enciclopedia Motta
enciclopedia generale con voci in ordine alfabetico 
1968 Federico Motta editore Milano 
• gli alimenti nella ristorazione 
corsi di alimenti e alimentazione 
Silvano Rodatov
• i nostri alimenti
carateristiche merceologiche e nutritive dei prodotti alimentari
seconda edizione rifatta e aumentata
editore Ulrico Hoepili Milano
• la grande cucina
corriere della sera 
carni bienache
edizione especiale per il corriere della sera 
2004 rcs quotidiani s.p.a
i manuali del corriere della sera
• le carni
sapori e profumi nella cucina di 12 chef
edizione gribaulo
• la grande cucina
corriere della sera
carni rosse
edizione especiale per il corriere della sera
2004  rcs quotidiano s.p.a
i manuali del corriere della sera


 

Contributo di: cristinags - lunedì, 07 maggio 2012 alle ore 19:08:57


Argomenti:


Vota questo Alimento
Media voti: 5.507401 ()

Indecente: 1

Nulla: 2

Gravemente Insufficiente: 3

Decisamente Insufficiente: 4

Insufficiente: 5

Sufficiente: 6

Discreta: 7

Buona: 8

Ottima: 9

Eccellente: 10


Commenti

"Carne" | _LOGINCREATE | 0 commenti
Threshold
I commenti sono di proprietà dell'autore del post. Non siamo responsabili del loro contenuto.


_NOANONCOMMENTS

 





* Prove Strutturate Alimentazione *


Prove Strutturate Alimentazione


Tutte le Categorie:

 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Conservazione Classi 3^ Alim.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Dietologia Classi 3^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Merceologia Classi 3^ Alim.ne - Merceologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Qualità Classi 3^ Alim.ne - Qualità
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Ricette Classi 3^ Alim.ne - Ricette
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Dietologia Classi 5^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz. Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz.


Tutte le Classi:



Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community




Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 


 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 1.399 secondi (178)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine