Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Didattica-Alimentazione  >  Alimenti

Riconoscimenti profScaglione.it

©

Info Utenti

Login

Nickname:
Password:
Login:

 

Social Registration Registrati
Passa da qui se hai già un account su Facebook

Termini di Servizio

Clicca su Accetto Termini Servizio per la loro accettazione e per dichiarare di avere almeno 13 anni: ti compariranno i loghi Social con cui potrai registrarti istantaneamente!


 

Ciao Utente Anonimo



Registrati direttamente qua su profScaglione.it

   Registrati


Hai perso la tua Password?




 

Guarda Lista Membri WebCommunityLab
Utenti

Membri del Sito:
Ultimi Membri Registrati alla WebCommunityLab Ultimo registrato:
     kiara 
Numero totale Membri WebCommunityLab Complessivi: 1670

Persone Online:
Numero degli Ospiti Online in questo momento Ospiti: 32
Numero dei Membri Online in questo momento Iscritti: 0
Numero complessivo utenti online in questo momento Totale: 32

Traffico:



Navigazione Sito

 Ambienti 
 HOME PAGE
 Ambienti
 Info-Statistiche
 Notizie-Scuola
 Didattica-Alimentazione
 Social-Community
 Giochi-Svago
 Aiuto-Risorse
 Info 
 Info-Statistiche
 Dedica Sito
 Chi siamo?
 Riconoscimenti
 Staff
 Contattaci
 Richieste
 Mappa Sito I
 Mappa Sito II
 Raccomanda il Sito
 Progetto_El_Awards2
 Presentazione WebCommunityLab
 Progetti
 Fai Proposte sui Progetti
 Partecipa alla WebCommunity
 Privacy
 TerminiServizio
 Materiali di Servizio
 Attività Didattica
 Bibliografia-Crediti
 Rss Notizie Scuola
 Rss Community
 Rss Enciclopedie Vocaboli
 Rss Ricette Community
 Rss Alimenti Community
 Rss Video YouTube
 Sistema Ricerca Globale
 Statistiche 
 Info-Statistiche
 I Video più Visti
 Ricette più Viste
 Ricette più Votate
 Alimenti più Visti
 Alimenti più Votati
 Statistiche Forum
 Sondaggi
 Top Ten
 Sistema Ricerca Globale
 News Scuola 
 Notizie-Scuola
 News Scuola
 Argomenti Notizie Scuola
 News Ctg Prof
 News Ctg Stud-Prof
 News Ctg Studenti
 News Ctg Genitori-Stud
 News Ctg Presidi
 News Ctg Scuole
 News Ctg ATA
 News Ctg IPSSAR Nembro
 News Ctg Tutti
 Archivio Notizie Scuola
 Tags Scuola
 Forum Esami di Stato
 Forum Nuovi IPSSAR
 Video Ufficiali
 Post-it Mail
 Rss Scuola
 Sistema Ricerca Globale
 Didattica 
 Didattica-Alimentazione
 News Alimentazione
 Argomenti Alimentazione
 News Ctg Classi 1^
 News Ctg Classi 2^
 News Ctg Classi 3^
 News Ctg Classi 4^
 News Ctg Classi 5^
 News Ctg Tutte le Classi
 News Novità Sito
 Archivio News Alimentazione
 Materiali
 Enciclopedie
 Prove Strutturate
 Interrogatore
 Forums
 Mappa Ipertestuale Alimentazione Classe 5^
 Tags Alimentazione
 Ricette
 Alimenti
 Milionario-Alimentazione
 Cruciverba-Alimentazione
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Gallery Classi 3^
 Calcolo I.M.C.
 Fabbisogni Energia
 Equivalenze
 Classifica Membri WCL
 Acronimi
 Le Scienze I
 Rss Alimentazione
 Rss Ministero Salute
 Expose
 Sistema Ricerca Globale
 Social-Community 
 Social-Community
 Fan-Facebook-Twitter
 Bacheca Membri
 Sms
 Messenger
 The Wall - Muro
 Messaggi Privati
 Lista Utenti
 Chat
 Lista Utenti
 Classifica Membri WCL
 Video You Tube
 Compleanni
 Poesie
 Racconti Narrativa
 Guestbook Sito
 Proponi Download
 Cartoline Virtuali
 Citazioni
 Accadde Oggi
 Barzellette
 Sistema Ricerca Globale
 Giochi 
 Giochi-Svago
 Tris
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Scacchi
 MasterMind
 Sudoku
 Coloku
 Cruciverba-Alimentazione
 Cerca Parole
 Milionario-Alimentazione
 Giochi in Flash
 Sala Giochi
 Crea Avatar
 Sistema Ricerca Globale
 Svago e Relax 
 Giochi-Svago
 Video You Tube
 I Tuoi Video
 Ultimi Video
 Top Ten Video
 Ultimi Commenti Video
 Barzellette
 Gazzetta dello Sport
 Rss La Repubblica
 Rss Corriere Sera
 Le Scienze I
 Le Scienze II
 Ricette
 Citazioni
 Accadde Oggi
 Cani
 Gatti
 Pesci
 Uccelli
 Rettili
 Automobili
 FIFA World Cup
 CalcioEuropei 2008
 Sistema Ricerca Globale
 Aiuto 
 Aiuto-Risorse
 Come_Registrarsi
 Aiuto Online
 Contattaci
 Invio Files Materiali
 Richieste
 MyTutoriaUp
 Sistema Ricerca Globale
 Cerca in Eventi Storici
 Cerca in Acronimi
 Cerca in Barzellette
 Cerca in Poesie Amore
 Cerca in Altre Poesie
 Cerca Utenti
 Cerca Notizie Scuola
 Cerca News Community
 Cerca nei Forums
 Cerca in Ricette
 Cerca in Alimenti
 Cerca in Enciclopedia Alimenti
 Cerca in Enc. TSPC-TSPS
 Cerca in Gallery Multimediale
 Cerca nei Downloads
 Cerca in Rss
 Risorse 
 Aiuto-Risorse
 Invia Articolo o Ricerca
 Downloads
 Proponi Download
 Crea Password
 Post-it Mail
 Codice Fiscale
 Crea Tuo SitoWeb
 Crea Tua WebPage
 Whois
 Nuke Generator
 GUIstuff
 Nuke Tools
 PHP-Nuke Tools
 Flash Tools
 Style Tools
 Crea Bottoni
 Creazione Banner
 Testo Scorrevole
 Testo 3d
 Convertitore Date Unix
 Byteconverter
 Sistema Ricerca Globale
 Partecipa 
 Partecipa alla WebCommunity
 News Alimentazione
 Invia Articolo Scuola
 Invio Files Materiali
 Invia Vocabolo Enciclopedia
 Invia Ricetta
 Invia Alimento
 Invia Video YouTube
 Invia Tua Data Compleanno
 Invia Tuo Muro
 Invia Tua Poesia
 Invia Indovinello
 Invia Barzelletta
 Invia Citazione
 Invia Evento Storico
 Proponi Download
 Invia Compleanno
 Invia Img x Gallery
 Fai Proposte sui Progetti
 Segnala o Consiglia
 Sistema Ricerca Globale

Enciclopedie

Enciclopedia Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Fenilbutazone
 Mitocondri
 Microrganismo
 Molecola
 Estere

Enciclopedia Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Criollo
 Temperaggio
 [Semi di cacao]
 Grado alcolico
 Filtrare

Concetti Alimentazione

Ricerca Globale





Social

Condividi WebCommunityLab su
Facebook e Twitter


la WebCommunityLab è su Facebook!

Diventa Fan della WebCommunityLab:


la WebCommunityLab è su Twitter!


Guarda il canale wcl su YouTube!

Vai alla pagina della WebCommunityLab su YouTube

 

Count Down

Alla Fine della Scuola mancano .....
3 anni, 106 giorni, 20 ore, 29 minuti fa


WebCommunityLab Mobile

WebCommunityLab di profScaglione.it è anche Mobile: le ultime 10 `News del Sito` e le ultime 10 `News della WebCommunityLab`, direttamente da cellulari, palmari e smartphone, attraverso delle pagine `leggere` create appositamente per questo scopo! Da non usare con il normale pc!
Questo è il link da digitare sul tuo Cellulare:
www.profscaglione.it/mobile

Video Casuale Alimentazione

Acronimo casuale



V.B.

Significa
valore biologico

  
 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help


Condividi su Facebook WebCommunityLab



 



_RECIPESWP


Alimenti - Ingredienti



Home Alimenti | Cerca | I più letti | I più votati


 

GUARDA TUTTI|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z
Categoria
Categoria
1 Alimenti Primo Gruppo INRAN
1 Alimenti Primo Gruppo INRAN
(6)
2 Alimenti Secondo Gruppo INRAN
2 Alimenti Secondo Gruppo INRAN
(2)
3 Alimenti Terzo Gruppo INRAN
3 Alimenti Terzo Gruppo INRAN
(3)
4 Alimenti Quarto Gruppo INRAN
4 Alimenti Quarto Gruppo INRAN
(0)
5 Alimenti Quinto Gruppo INRAN
5 Alimenti Quinto Gruppo INRAN
(1)
Bevande alcoliche
Bevande alcoliche
(0)
Bevande analcoliche
Bevande analcoliche
(0)
Carni conservate
Carni conservate
(0)
Carni fresche
Carni fresche
(1)
Cereali e Derivati
Cereali e Derivati
(3)
Dolci
Dolci
(2)
Erbe e Spezie
Erbe e Spezie
(0)
Formaggi Latticini
Formaggi Latticini
(0)
Frattaglie
Frattaglie
(0)
Frutta
Frutta
(0)
Latte Yogurt
Latte Yogurt
(2)
Legumi
Legumi
(1)
Oli e Grassi
Oli e Grassi
(1)
Prodotti Pesca
Prodotti Pesca
(1)
Prodotti Vari
Prodotti Vari
(0)
Uova
Uova
(0)
Verdure e Ortaggi
Verdure e Ortaggi
(2)
Ritorna a Elenco Alimenti

Pagina stampabilePagina stampabile


Formaggio



Categoria: 2 Alimenti Secondo Gruppo INRAN

Nome:

Formaggio

Categoria:

Formaggi e latticini

Stagionalità:

Tutto l`anno

Costo al kg o l:

Variabile: dipende da molti fattori (tipo, provenienza, produzione...)

Gruppo I.N.R.A.N.:

II

Nutrienti principali:

Acqua, proteine, lipidi, sali minerali, vitamine













Generalità (definizione, aspetti storici, produzione, consumi, aspetti merceologici).
Caratteri fisici ed organolettici.




Col nome di Alimenti: FormaggioFormaggio o Cacio si indica il prodotto solido o semisolido che si ricava dal Alimenti: Lattelatte intero, parzialmente o totalmente scremato, o dalla crema di Alimenti: Lattelatte in seguito a coagulazione acida ad opera dei lattobacilli,microorganismi presenti nel Alimenti: Lattelatte, che lo acidificano, o a coagulazione presamica, aggiungendo cioè il caglio,o presame,ricco di Enciclopedia: Enzimienzimi proteolitici, al Alimenti: Lattelatte ad una temperatura di 30-37°C, anche impiegando fermenti e sale da cucina.
Alimento dalle origini antiche, il Alimenti: FormaggioFormaggio risale alle origini della pastorizia e ai primi metodi elaborati per risolvere il problema della conservazione del cibo.
La scoperta del Alimenti: FormaggioFormaggio fu probabilmente frutto del caso; l’origine è ancora incerta ma, grazie a fonti archeologiche, riconosciamo che era già presente sulla tavola egizia e, secondo quanto ci tramanda l’Odissea, anche su quella greca: infatti il primo “caciaro” dell’umanità fu il mitico pastore Aristeo ed è una leggenda che ha un suo fondamento storico essendo la pastorizia una delle prime attività umane, che precedette l’agricoltura e la preparazione dei Formaggi.

Tuttavia saranno i Romani a perfezionare la tecnica ed a diffondere questo alimento nelle loro colonie. (Non è un caso se il termine oggi in uso deriva dal latino “formaticum”, ossia “Alimenti: Lattelatte coagulato dentro una forma”).
Difatti, Varrone trattò delle proprietà nutritizie e della digeribilità dei vari formaggi; della stagione più favorevole (da metà maggio ad agosto) per produrli; della quantità di caglio da usare e per primo, accenna all’impiego di aceto come coagulante. Alla mensa romana il Alimenti: Formaggioformaggio è il protagonista: viene servito a colazione, a pranzo e a cena, accompagnato da aglio, sale Alimenti: Pescepesce e uova. Fu proprio questo popolo già a sviluppare varietà di formaggi a pasta dura come il Parmigiano e il Pecorino.

Il Alimenti: Formaggioformaggio rimane un cibo amato e ricercato anche nel medioevo: la leggenda vuole che Attila, re degli unni, solesse farsi preparare un Alimenti: Formaggioformaggio speciale con Alimenti: Lattelatte umano. I Monaci benedettini e cistercensi divennero in questo periodo importanti centri di produzione dei Formaggi, fra i quali molti in Francia, che tutt’ora riportano i nomi come Livarot o Munster.

Nel corso del XII secolo la produzione dette vita a varietà a denominazioni destinate ad un “futuro successo”: Parmigiano, Mozzarella, Gorgonzola e Pecorino ne sono esempi illustri.

Nelle corti italiane del Rinascimento, tra gli addetti alla cucina esisteva una figura oggi decaduta, il “maestro di taglio”. Il lavoro di questo maitre dei latticini, consisteva nel tagliare in tavola differenti varietà di Alimenti: Formaggioformaggio, nel rispetto di gusto ed estetica. La presentazione in tavola del Alimenti: Formaggioformaggio era considerata una vera e propria arte.

In tempi più recenti, una ricerca della fine degli anni ’80 ha rivelato che in Italia producono correntemente circa 400 differenti varietà di formaggi, ciascuna con le proprie caratteristiche e i propri estimatori.

Produzione

Principalmente, il Alimenti: Formaggioformaggio si produce per mezzo della maturazione della cagliata.
Descriviamone i processi.
Il Alimenti: Lattelatte, giunto nel caseificio, va trattato in modo idoneo per il tipo di lavorazione che dovrà effettuare; può esser però fatto riposare per ottenere la voluta acidificazione(col riposo si ha anche l'affioramento della crema che, secondo il tipo di Alimenti: Formaggioformaggio in produzione, può essere asportata o meno).
Il processo utilizzato può essere la pastorizzazione(a 72°C circa) mediante riscaldamento in caldaie con agitatori, o la termizzazione, trattamento termico più leggero tra i 45-65°C. Precisiamo però che i formaggi DOP di qualità dovrebbero sempre mantenere la flora lattica “originale”,segno di tipicità.

Successivamente, il Alimenti: Lattelatte viene condotto mediante raffreddamento o riscaldamento alla temperatura ottimale di coagulazione diversa da Alimenti: Formaggioformaggio a Alimenti: Formaggioformaggio (tale temperatura dipende anche dalle caratteristiche del Alimenti: Lattelatte in lavorazione).

Si procede poi,di norma, all'aggiunta dell'innesto.
Nel caso di formaggi crudi si tratta di lattofermo, fermenti lattici puri al fine di evitare la formazione di flora anticasearia ( Enciclopedia: Batteribatteri gasogeni, ecc...); nel caso di formaggi cotti o semicotti si usa il sierofermento, fermenti lattici in siero.

Ha poi luogo l'aggiunta del caglio per produrre la coagulazione della caseina del Alimenti: Lattelatte, cioè la cagliata.
Col termine caglio si intende, quando non viene precisato, quello ottenuto dallo stomaco (più precisamente dal ventriglio o abomaso,l'ultimo dei quattro sacchi costituenti lo stomaco dei ruminanti) di vitelli, agnelli e capretti, ancora lattanti.
Generalmente,qui in Italia, viene adoperato come principale agente coagulante il caglio animale, ad esempio il ventriglio fresco, chiamato cagliolo, o secco, il pellette. L'agente coagulante specifico del caglio è l'enzima chimosina o chinasi.
La qualità del caglio che si aggiunge dipende dal tempo di coagulazione che si vuole ottenere e varia secondo i tipi di formaggi.

La rottura della cagliata può essere condotta a mano o meccanicamente. In ogni caso segue un periodo di riposo, favorendo così l'eliminazione del serio abbondante che si separa dalla parte solida.
Si hanno tre casi fondamentali di rottura:
a) per i formaggi a pasta molle, la cagliata viene rotta in grosse fette o in blocchi notevoli di diverse dimensioni;
b) per i formaggi semiduri, la rottura porta alla formazione di frammenti simili a piselli, con la conseguenza di una maggiore espulsione di siero, favorita da un leggero riscaldamento fino a 45°C;
c)per i formaggi duri, la cagliata è spinta fino ad ottenere le dimensioni di un chicco di Alimenti: Risoriso, certamente evitando un eccessivo sminuzzamento.

Si procede poi alla Enciclopedia: Cotturacottura della cagliata con temperature che vanno dai 46-48°C ai 55-58°C. Spesso in questa fase si procede anche alla spinatura, cioè ad un'agitazione della massa che favorisce lo spurgo e facilita la separazione della parte acquosa. Ultimata la Enciclopedia: Cotturacottura si procede alla formatura; le forme o “fascere” vengono prima sgocciolate e successivamente compresse negli stampi che determinano dimensione e marchio del Alimenti: Formaggioformaggio.

La fase successiva è la salatura. Può effettuarsi a secco, cioè cospargendo di sale la superficie delle forme, o per salamoia, ossia immergendo le forme in una soluzione crescente in sale, dal 16 al 24%, per tempi, da poche ore ad alcune settimane,e temperature, da 4-5 ai 18°c, che variano secondo i tipi di Alimenti: Formaggioformaggio. È un’operazione importantissima perché, entro certi limiti, regola lo sviluppo dei Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi che intervengono nella fase finale della maturazione, favorendo la conservazione.

Fase conclusiva della produzione è la maturazione o stagionatura. Può da pochi giorni a diversi mesi e viene condotta a temperature e umidità ben controllate in appositi locali che variano in base al tipo di Alimenti: Formaggioformaggio. La temperatura in modo particolare modifica direttamente l’attività microbica ed enzimatica: 8-10°C per la pasta molle, 10-12°C per la semidura e fino a 20°C per la pasta dura.
Di fondamentale importanza per determinare la tipicità del prodotto, è proprio grazie a questa che si sviluppano processi biochimici che prevedono l’eliminazione graduale dei Enciclopedia: Grassigrassi, delle proteine e dell’acido lattico.

Acquisto e consumi

L’estrema quantità di formaggi presenti sul mercato consentono di acquisire questi prodotti sia come antipasti, contorni, che come base per i primi e i secondi piatti, come per farcire e ricoprire carni o Alimenti: Ortaggiortaggi, o spuntini, per esempio spalmati sul Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane, o ancora come ingredienti principali di alcuni dessert.

Con il Alimenti: Formaggioformaggio si fanno le fondute valdostana e piemontese, varie preparazioni salate (salse, crocchette, pizza, crepe, soufflé, raclette, toast e omelette) o dolci (budini, torte bignè); in pasticceria si usa soprattutto il Alimenti: Formaggioformaggio fresco (la Enciclopedia: Ricottaricotta si usa in molte torte o l’ingrediente principale del tiramisù). Accompagnano pasta o Alimenti: Risoriso, i formaggi vengono alcuni prevedono anche l’unione con Alimenti: Mielemiele o marmellata di frutta.
Un aspetto che ci riguarda da vicino è il consumo di formaggi nella dieta mediterranea e oltre: difatti, secondo la piramide alimentare, è di 50g per gli stagionati e 100g per i latticini ( come i formaggi freschi), vivamente scandita in 4 porzioni a settimana.

Nonostante il mercato dei formaggi sia tra i più grandi nell’Galleria: Universouniverso alimentare, il consumo mostra ancora degli incrementi. Il dato di fondo è che l’importanza dei formaggi nella dieta degli italiani, già rivelante, è in continuo aumento.

Sotto il profilo distributivo, esistono ancora oggi rivenditori capaci di selezionare ed affinare una notevole varietà di formaggi: difatti ci sono sempre nuovi assortimenti e qualità per favorire un miglior servizio ai consumatori e stimolare gli acquisti, attrezzandosi con i cosiddetti banchi di formaggi o con aree self-service contenenti prodotti tagliati e confezionati con pellicola e vassoi etto (formaggi “pretagliati”).

A questo proposito, è utile segnalare alcune buone norme per poter agevolare gli acquisti:

1. rivolgersi preferibilmente a un fornitore di fiducia, in grado di offrire un assortimento ampio e selezionato di formaggi. E’ importante precisare che la variegata scelta di prodotti in vendita e il loro aspetto rivelano cure ed attenzioni che il Alimenti: Formaggioformaggio ha ricevuto prima dal produttore e poi dal rivenditore;
2.evitare di acquistare formaggi già grattuggiati, anche se chiusi in sacchetti, perchè vengono di solito preparati con qualità scadenti, per meglio dire gli scarti;
3.si eviti di acquistare formaggi ambulanti, non solo per motivi igienici ( i prodotti vengono esposti all'aperto e all'aria inquinata), ma anche perchè non se ne conosce l'esatta provenienza e quindi l'esatta composizione;
4.diffidare dai formaggi troppo salati,perchè spesso il sale nasconde sapori poco gradevoli;
5.acquistare il Alimenti: Formaggioformaggio nella dose giusta a seconda delle esigenze.
Acquisti piccoli e frequenti evitano di dover conservare per molto tempo avanzi più o meno abbondanti, che, inevitabilmente, si modificheranno nel gusto e nell'aroma.


Aspetti merceologici

Per classificare i formaggi, molti sono i criteri adottabili.
Le caratteristiche di un Alimenti: Formaggioformaggio dipendono dalla sua composizione, dalla sua consistenza (che a sua volta dipende dalla % di acqua e di umidità), dalla tecnologia di produzione, dal periodo di maturazione.
In base al contenuto di grasso si possono differenziare in :
formaggi preparati con Alimenti: Lattelatte intero, il cui contenuto di grasso deve essere superiore al 35% della sostanza secca (fatta eccezione per quelli DOC e per i tipici che restano regolati dalle rispettive norme di produzione);
formaggi leggeri, quando il contenuto di grasso varia tra il 20 e il 35% della sostanza secca;
formaggi magri, preparati con Alimenti: Lattelatte scremato, con contenuto di grasso inferiore al 20% della sostanza secca (esempio: il toma piemontese).
I contenuti di sostanza grassa devono essere valutati in rapporto alla sostanza secca (ciò che resta dopo l'allontanamento dell'acqua) e non sul Alimenti: Formaggioformaggio così com'è, poiché la legge non si pronuncia in merito al contenuto di acqua del Alimenti: Formaggioformaggio che, potendo variare, altererebbe le percentuali.
In base al tipo di Alimenti: Lattelatte utilizzato: di mucca ( ad esempio l'asiago), di capra( il caprino), di pecora(il pecorino romano), di bufala
(mozzarella di bufala).
In base alla consistenza che, ovviamente, è in stretta correlazione con il contenuto di acqua,si distinguono:
formaggi a pasta molle (esempio: il Bel Paese), con un contenuto di acqua superiore al 45% e si possono ulteriormente suddividere in freschi,stagionati e fermentati;
formaggi a pasta semidura, se il contenuto d'acqua è compreso tra il 40 e il 45%;
formaggi a pasta dura(tipico esempio il parmigiano reggiano), quando il quantitativo di acqua è inferiore al 40%, classificabili in crudi, semicotti e cotti: a pasta cruda, quando la cagliata non subisce alcun riscaldamento; formaggi a pasta semicotta, quando il riscaldamento della cagliate non supera i 48°C; formaggi a pasta cotta, se ottenuti riscaldando la cagliata oltre i 48° C.
I formaggi a pasta filata, caratterizzati da una filatura della cagliata in acqua calda, possono rappresentare un gruppo a sé stante. Non stagionati, sono ottenuti per impastatura e stiramento della cagliata che perde acqua fino ad ottenere la consistenza voluta. Questo procedimento conferisce loro una soffice consistenza. Ne fanno aprte la mozzarella, la scamorza,il provolone, i bocconcini e la caciotta.
In base al periodo di stagionatura, i formaggi possono essere suddivisi in:
formaggi freschi, quando non subiscono stagionatura e vengono consumati entro pochi giorni dalla produzione:fior di Alimenti: Lattelatte, mozzarella formaggi stagionati a maturazione breve; la cui stagionatura non supera il mese:caciotta, crescenza
formaggi stagionati a maturazione breve :non si supera il mese
formaggi stagionati a maturazione media quando il periodo di stagionatura non supera i 6 mesi: caciocavallo, fontina
formaggi stagionati a maturazione lenta, dai 6 mesi di stagionatura in poi;grana padano (1-2 anni), Enciclopedia: Parmigiano Reggianoparmigiano reggiano (1-3 anni; poi, in base alla qualità, abbiamo le categorie “Scelto”, “1”, “2”, “3”, accertati da battitura).



Etichettatura

Nella scelta dei formaggi da acquistare il consumatore deve sapere che nei negozi può trovare le seguenti diciture:
assenza di marchio e/o indicazione di chi li ha fabbricati;
con marchio d'impresa individuale o collettiva, che è specifico per quella ditta o per quel gruppo di produttori. Questo marchio viene deposto presso la Camera del Commercio;
a “Denominazione di origine controllata” e a “Denominazione tipica” che hanno un loro marchio caratteristico.
I formaggi con denominazione di origine controllata (DOC) sono quelli prodotti in determinate aree geografiche, osservando usi locali veri e costanti e le cui caratteristiche merceologiche derivano prevalentemente dalle condizioni proprie dell'ambiente di produzione.
I formaggi tipici o a denominazione tipica sono,invece, quelli prodotti nel territorio nazionale, tenendo sempre in considerazione gli usi ma le caratteristiche merceologiche dipendono da particolari metodi derivati dalla tecnica di produzione.
Sia gli uni che gli altri possono essere fabbricati e messi in commercio con un apposito marchio e etichetta, purchè sia stata emesso il relativo Decreto presidenziale di riconoscimento.
Già nel 1995 sono state riconosciute le Denominazioni tipiche dei formaggi: Asiago,Caciocavallo,Fiore sardo, Montasio,Pressato, Provolone,Taleggio e nel 1996 la Denominazione di origine protetta (DOP) dei formaggi: Fontina,Gorgonzola,Grana Padano,Enciclopedia: Parmigiano ReggianoParmigiano Reggiano, Pecorino,Pecorino sardo, e poi successivamente molti altri come l'Asiago, il Fiore sardo e il Taleggio, che sono stati inseriti anche in questa categoria.
Per quanto riguarda i formaggi bergamaschi, nella Denominazione di origine sono presenti momentaneamente il Taleggio e il Formai de Mut.
La vigilanza sulla produzione e sul commercio dei formaggi è affidata secondo la legge ai Consorzi di produzione, che devono effettuare opportuni e scrupolosi controlli, prima di applicare sulle forme gli appositi marchi,dal momento che sono marchi di garanzia. In tal modo il consumatore ha la certezza di aver acquistato prodotti di ottima qualità, per i quali ovviamente è disposto a pagare prezzi più alti.


Caratteri fisici ed organolettici

I vari formaggi si presentano al consumatore con caratteristiche organolettiche (aroma, sapore) di aspetto della forma, della crosta e della pasta peculiari per ogni tipo di Alimenti: Formaggioformaggio.
Ogni Alimenti: Formaggioformaggio viene generalmente descritto dal punto di vista produttivo oppure nei testi di merceologia definendo: la forma, lo scalzo, la crosta e l’occhiatura. Infatti, l’impatto visivo dei formaggi è il più immediato, ed è quello che permette di effettuare una scelta d’acquisto indipendentemente dalle altre caratteristiche organolettiche.

Nella prospettiva visiva, si valuta la crosta per aspetto (sottile, spessa, liscia, netta, a buccia d’arancia, a corteccia, rugosa, secca, umida, chiazzata, fessurata e ammuffita) e colore (bianco, bianco gesso, bianco Alimenti: Lattelatte, bianco Alimenti: Pannapanna, avorio, bianco-paglierino, giallo cera, giallo arancio, nocciola, ocra, erborinato con prevalenza verde, grigia, blu, ecc…) e consistenza (liscia, burrosa, pastosa, gessosa, gessosa - friabile, granulosa, graniticina, graniticina-scagliosa, spugnosa, secca, colante sotto crosta, con occhiatura accennata, fine, grande, ecc…).

La consistenza permette di qualificarlo come Alimenti: Formaggioformaggio da tavola oppure da grattugia. Il Alimenti: Formaggioformaggio da tavola si serve prima del dolce o della frutta. Tipi diversi di Alimenti: Formaggioformaggio si presentano su un vassoio o su un Enciclopedia: Taglieretagliere di legno accompagnati da cibi che ne esaltino il profumo e l’aroma.
Contrariamente a quanto si crede il gusto di un Alimenti: Formaggioformaggio dipende soprattutto dal suo aroma, valutabile in tantissime sensazioni e non dal sapore che è definibile solo da 4 sensazioni (dolce, salato, acido e amaro).

L’aroma di un Alimenti: Formaggioformaggio dipende ovviamente da sostanze odorose che si formano durante la sua maturazione.
L’esame olfattivo valuta l’intensità e la qualità delle sensazioni odorose, tenendo conto che non bisogna limitarsi al riconoscimento degli odori dominanti.
Dopo un po’ verranno fuori gli odori complementari, che sono alla base dell’originalità di alcuni formaggi. Si possono rintracciare odori di: Alimenti: Pannapanna, latticello, Enciclopedia: Acetoneacetone, Alimenti: Burroburro, grasso, rancido, fiori bianchi, erbe, fieno, Alimenti: Mielemiele, nocciola, mandorle, acidulo, agro, brusco, legno, cantina, cotto, fumo, bruciato, muffe nobili, fungo, tartufo bianco, cavolo (verdura), cipolla, aglio.

Nel caso in cui si avverte come odore dominante l’ Enciclopedia: Ammoniacaammoniaca, il Alimenti: Formaggioformaggio ha superato la soglia di maturazione. Altri indicatori di una situazione critica sono il rancido e l’Enciclopedia: Acetoneacetone, ma possono ancora rientrare in un certo quadro organolettico di maturazione avanzata, L’Enciclopedia: AmmoniacaAMMONIACA MAI!!!

Le sensazioni gustative del Alimenti: Formaggioformaggio hanno molte ramificazioni, questo grazie alle sapide e ai tattili. Le sapide ci permettono di percepire il gusto dolce, salato, acido oppure amaro degli alimenti; mentre i tattili sono quelle che ci permettono di definire la morbidezza, la durezza, la palpabilità, l’untuosità, percepibili sia attraverso il cavo orale e sia attraverso polpastrelli delle dita. Distinguiamo le sensazioni generali (dolce, sapido, salato, fresco, vivo, bruciante, duro, rotondo, grasso, ecc) , (debole, intenso, potente, elegante, netto, particolare, lattico, amaro), i sentori gustativi – aromatici percepiti, riconoscendo ad esempio note di: burroso, butirrico tendente all’acidulo, latticello, agro, amarognolo, castagna, nocciola, Alimenti: Mielemiele cotto, tostato fieno aglio cipolla, viticcio, secco, piccante o pungente, muffa o fungo, rancido.

Occorrerà poi valutare se i sentori percepiti sono in equilibrio tra di loro e quale sensazione armonica il Alimenti: Formaggioformaggio suscita. Infine occorrerà valutare due caratteristiche molto importanti ai fini della valutazione qualitativa di un formaggio: la lunghezza retro gustativa e la suadenza. La lunghezza retro gustativa comprende tutte quelle caratteristiche modificabili in sede di caseificazione. Ad esempio salato, piccante, ecc…
La suadenza invece esprime valori qualitativi ed evidenzia una ricchezza aromatico – gustativa molto ampia e pervasiva.

Nella valutazione uditiva del Alimenti: Formaggioformaggio, è importante sottolineare che come battendo sullo scalzo o sulle facce delle forme con le nocche delle dita o con speciali martelli, sia possibile capire e valutare la struttura della pasta e la sanità della forma. Ma questa valutazione rimane di competenza delle persone esperte.

In base alla consistenza, in correlazione con il tenore in acqua (umidità) i formaggi si distinguono in:
FORMAGGI A PASTA DURA: sono ottenuti da cagliate sia crude che cotte. La pasta è asciutta e la crosta è secca. La pezzatura e medio - grande. Deriva da una cagliata con granulo molto piccolo e molto impoverito di siero. Ne fanno parte di questo gruppo: la Grana, il Pecorino Romano, Fiore Sardo, ecc…


MOLLI: all’interno di questo gruppo possono ulteriormente essere distinti i formaggi molli con o senza crosta.
I formaggi molli senza crosta presentano quindi una pasta molle, dolce e priva di crosta. In questa categoria rientra il Pannerone dall’occhiatura pronunciata e dalla pasta senza sale.
I formaggi molli con crosta possiedono una crosta tenera. La struttura della pasta è morbida e a volte spalmabile. I formaggi che appartengono a questo gruppo sono tutti caratterizzati da un feltro superficiale di color bianco, causato dalla presenza di muffe. Appartengono a questa categoria: Caciotte, Italico, Camembert, Brie, Taleggio, Robiola, ecc…

FORMAGGI FRESCHI: hanno una struttura molle, pasta friabile, acida e liscia. Sono formaggi che necessitano di essere consumati poche ore o, dopo qualche giorno della fine del processo produttivo. Non essendo sottoposti a stagionatura, non presentano mai crosta ne patine superficiali. Esempi: I caprini freschi, i Tomini e il Quark…

FORMAGGI ERBORINATI: sono formaggi dalla caratteristica fungina all’interno della pasta con striature azzurre, verdastre o brune. L’azione enzimatica di queste muffe permette di ottenere formaggi fortemente aromatici. Possono essere a pasta dura o morbida. Gorgonzola (nella foto sottostante), in Francia troviamo il Roquefort, il Bleu de Bresse, Bleu de Jussac...

PASTE PRESSATE: sono compatte o cosparse da occhiatura regolar. Sono tutti caratterizzati dalla presenza di una crosta ben definita. I formaggi a pasta pressata si suddividono in paste crude, lavate e semicotte. comprendono numerosi formaggi tra cui fontina, montasio, asiago, formai de mut.

PASTE FILATE STAGIONATE: presentano una massa fibrosa plastica e una certa consistenza. I principali formaggi stagionati a pasta filata sono il provolone del Monaco, il ragusano e i caciocavalli.


Guarda la Mappa Concettuale Guarda la Mappa Concettuale





Composizione chimica e valore nutrizionale.




Il Alimenti: Formaggioformaggio è composto da acqua, proteine e sostanze grasse, rispettivamente in proporzione di 50:25:25. Tali proporzioni variano a seconda della tipologia e del periodo di maturazione. Il Alimenti: Formaggioformaggio è detto perciò molto energetico, tanto è vero che 100g apportano in media 300 kcal.
Le proteine al suo interno sono altamente digeribili, grazie all 'idrolisi delle caseine e all 'aumento della solubilità frazionaria. I formaggi sono privi di carboidrati: il Enciclopedia: Lattosiolattosio presente in soluzione nel siero, è contenuto solo in piccole quantità. Il Alimenti: Formaggioformaggio è quindi ben tollerato anche da chi non digerisce il Enciclopedia: Lattosiolattosio. va abbinato con alimenti amilacei, come Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane, pasta e Alimenti: Risoriso per completare il profilo nutrizionale.
Il Alimenti: Formaggioformaggio è particolarmente ricco in Enciclopedia: Calciocalcio, fosforo, Enciclopedia: Vitamina Avitamina A, d e Enciclopedia: Vitaminevitamine del gruppo B. il Sodio ( Na ) viene apportato in quantità più o meno rilevanti indipendentemente dal tipo di salatura effettuata.
I formaggi sono adatti per integrare una dieta a scarso contenuto di proteine Enciclopedia: Animalianimali e Enciclopedia: CalcioCalcio. L 'associazione con i derivati dei cereali ed in particolare con il Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane e la pasta, rappresenta una buona combinazione nutrizionale.
Rapportato ad altri cibi, 100g di Alimenti: Formaggioformaggio ( parmigiano ) corrispondono, in valore nutritivo a
126g di Alimenti: Carnecarne di bue senza osso;
375g di Alimenti: Carnecarne di vitello senza osso;
270g di Alimenti: Carnecarne magra di maiale senza osso;
532g di Alimenti: Lattelatte di vacca, a 97 di pasta alimentare;
509g di patate novelle da sbucciare;
4 uova di gallina.
Il Alimenti: Formaggioformaggio al pari della Alimenti: Carnecarne e del Alimenti: Pescepesce, deve essere considerato un secondo piatto e non uno sfizio da consumare a fine pasto.
Il valore nutritivo dei formaggi, a causa delle numerose trasformazioni nel corso della caseificazione, è caratterizzato da un notevole concentrato nutrizionale e calorico.
I formaggi, specie quelli secchi, rappresentano un ottimo alimento, perché molto ricchi di proteine.
Tuttavia, occorre sempre tener presente il loro contenuto in grassi: anche i latticini contengono sempre una certa quota di Enciclopedia: Grassigrassi. In altre parole, non esiste un Alimenti: Formaggioformaggio veramente “povero di grassi”.
Per il loro elevato contenuto in Proteine, Enciclopedia: CalcioCalcio e Enciclopedia: GrassiGrassi, i formaggi sono adatti a ogni persona, specie ai ragazzi nel periodo dello sviluppo e agli anziani. Per i bambini più piccoli sono preferibili i formaggi di consistenza cremosa.
Essendo privi di Enciclopedia: Zuccherizuccheri e Amidi, i formaggi risultano un alimento ideale per i diabetici; i prodotti stagionati invece, dato il loro alto contenuto in Sodio, sono sconsigliati a chi soffre di reni e di ipertensione arteriosa.
L 'apporto energetico va messo in relazione soprattutto al suo contenuto in Enciclopedia: Grassigrassi che sono di tipo saturo e spesso in quantità notevoli. Il consumo di molti Enciclopedia: Grassigrassi saturi può scatenare l 'insorgenza dell 'aterosclerosi, una delle cause principali delle malattie cardio-vascolari.
I latticini ( Mozzarella, Fior di Alimenti: Lattelatte, Ovoline, Scamorza ) sono formaggi a bassissima fermentazione: la loro pasta filata, attaccata con difficoltà dal succo gastrico risulta “pesante” per chi soffre di Ipocloridria ( scarsa produzione di succo gastrico ) e nell 'ulcera gastro-duodenale.
I formaggi fermentati, specie se a pasta dura e non grassa, come il Parmigiano, sono facilmente digeribili anche per i dispeptici, proprio per merito della Enciclopedia: Fermentazionefermentazione.
I formaggi molto fermentati ( Gorgonzola, Roquefort ) sono di difficile digestione e mal tollerati dai dispeptici.
I formaggi molto piccanti e aromatici sono invece sconsigliati a chi soffre di calcoli biliari e di colon irritabile.
Infine, in alcuni soggetti il consumo dei formaggi può scatenare mal di testa ( emicrania ), a causa della presenza di Tiramina, derivato dall 'amminoacido Tirosina si possono, inoltre, verificare reazioni allergiche in individui sensibili.





Tecnologia.
Alterazioni, conservazione (industriale e domestica) e Frodi.




Tecnologia della caseificazione
ALTERAZIONI

Il Alimenti: Formaggioformaggio essendo una sostanza organica è soggetto a mutazioni della composizione chimica e nutrizionale.
Nei formaggi a pasta molle i difetti che si possono verificare sono

a) la colatura della pasta molle, che si manifesta con la fessurazione della crosta e la fuoriuscita di pasta con sapore alterato, tendente all 'amaro. Questa Enciclopedia: Alterazionealterazione è da ricondurre ad un eccesso di peptonizzazione della caseina, causato dallo sviluppo, facilitato da insufficiente salatura, di un organismo.

b) la gessosa, cosi detta per l 'abnorme consistenza che il Alimenti: Formaggioformaggio assume, dovuto all 'eccessiva acidità, spurgo non corretto o per via di una stufatura condotta a temperature eccessiva.

c) l 'amaro, rilevabile al gusto, avviene a causa di una modesta o insufficiente acidità o
a spurgo difettoso, è favorito da Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi peptonizzanti e da tracce di Enciclopedia: Ferroferro;

d) i difetti di colore, oltre che a cessioni da parte dei materiali metallici degli impianti di
lavorazione, possono essere di origine batterica: tipico il caso delle macchie rosa-
rosse che possono insorgere nel Gorgonzola per azione dei Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi eritogeni.

Nei formaggi a pasta cotta o semicotta i difetti possono, assai più frequentemente e pesantemente che nei formaggi molli, condurre a danni marcati e all 'incommerciabilità del prodotto. Sotto questo aspetto il difetto più temuto è il gonfiore, tardivo o precoce. Il gonfiore precoce si manifesta, appunto con abnormi gonfiori delle forme già 12 ore dopo la coagulazione. Il gonfiore tardivo si manifesta durante la maturazione con occhiatura abnorme e diffusa nella pasta o con la formazione di grosse sacche, dette vescicotti. È conseguenza dell 'abnorme Enciclopedia: Metabolismometabolismo dell 'acido lattico ad opera di Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi gasogeni, quali i Enciclopedia: Batteribatteri propionici e butirrici.


CONSERVAZIONE

E' bene innanzitutto distinguere fra stagionatura e conservazione, che sono due processi diversi e consequenziali: la stagionatura, ad eccezione per i formaggi freschi, è parte integrante e indifferibile della fabbricazione del Cacio; la conservazione invece è un atto dovuto a necessità accessori che il più delle volte può essere nocivo alla buona tenuta organolettica dl prodotto, per cui deve essere ridotto il più possibile.
La conservazione viene effettuata, nella maggior parte dei casi, su delle fette o comunque porzioni di prodotto, per cui entrano in gioco altri processi chimici. Il Alimenti: Formaggioformaggio si ossida velocemente in superficie conferendo imbrunimento alla pasta, altrettanto possono essere i raggi ultravioletti della luce che degradano le sostanze grasse e le Enciclopedia: Vitaminevitamine.

Il problema della conservazione casalinga del Alimenti: Formaggioformaggio può essere risolto in parte all 'inizio: acquistando un Alimenti: Formaggioformaggio di fiducia in piccole porzioni che possano essere consumate nel giro di pochi giorni. I formaggi umidi si conservano meno a lungo di quelli stagionati, perché il periodo di conservazione è collegato al tasso di umidità.

I formaggi freschi e quelli erborinati durano 7-10 giorni in Galleria: Frigoriferofrigorifero, nella propria confezione o in un contenitore ermetico;

I formaggi a pasta molle durano poco una volta raggiunta la maturazione;

I formaggi semiduri possono conservarsi più settimane in Galleria: Frigoriferofrigorifero, ben avvolti con pellicola per alimenti;

I formaggi duri si mantengono più a lungo in carta alluminio.

Tutti i formaggi possono essere conservati in Galleria: Frigoriferofrigorifero. Avvolgerli con cura in una pellicola per alimenti o carta alluminio e collocarli nella sezione più fredda ( alcuni tra i formaggi a pasta molle, perdono sapore se sono conservati a temperature non adeguate ).
I formaggi possono anche essere conservati a temperature comprese tra 10 e 12°C. Quelli stagionati in superficie ( crosta fiorita, crosta lavata ) non devono essere confezionati sottovuoto o in confezioni a chiusura ermetica.
È sconsigliabile estrarre i formaggi dal Galleria: Frigoriferofrigorifero almeno 30 min. prima di consumarli. Bisogna evitare di tenerli a lungo a temperatura ambiente, perché potrebbero asciugarsi e deteriorarsi.

Se un Alimenti: Formaggioformaggio duro ha sviluppato della muffa in superficie, per sicurezza asportarne 1-2 cm intorno alla parte deteriorata e cambiare la carta d 'imballaggio. I formaggi freschi e a pasta molle ammuffiti non dovranno essere consumati, perché potrebbero provocare intossicazioni.

La congelazione è possibile ma non è consigliabile, perché compromette il sapore dei formaggi, che inoltre diventano friabili. Congelarli eventualmente a fette spesse 2cm e del peso non superiore a 500g. i formaggi asciutti sopportano meglio la congelazione di quelli umidi. ( i formaggi a pasta fresca non si congelano!!! ). se ben confezionati, si conservano 2-3 mesi nel congelatore. Scongelare i formaggi in Galleria: Frigoriferofrigorifero può limitare le modificazioni di struttura e riservarli a usi di cucina.
Tuttavia occorre ricordare che conservazione casalinga è influenzata dal ciclo stagionale nei mesi estivi, quando la temperatura e l 'umidità possono raggiungere livelli di guardia l 'uso del Galleria: Frigoriferofrigorifero è indispensabile.

FRODI

Le sofisticazioni dei formaggi riguardano soprattutto la produzione e la vendita dei formaggi con titolo in grasso inferiore al minimo legale; la presenza in formaggi di:
Enciclopedia: GrassiGrassi estranei, diversi dal grasso di Alimenti: Lattelatte, cioè l 'aggiunta fraudolenta di minerali ( talco, bentonite ) o di fecole e farine per aumentare il peso e facilitarne la ritenzione d 'acqua. Oppure la produzione dei formaggi con Alimenti: Lattelatte ottenuto per dispersione di polvere di Alimenti: Lattelatte in acqua ( Alimenti: Lattelatte rigenerato );

Enciclopedia: PectinePectine e gomme per viniliche per accrescere la compattezza l 'uniformità dei formaggi molli;

Antibiotici come la nisina ( ammessa solo per alcune qualità ) o formaldeide ( ammessa entro certi limiti per il grana e nei provoloni ) per favorirne la conservazione;

L 'impiego di polifosfati nei formaggini in quantità superiori all' 1,5%;

Utilizzazione di altre sostanze non comprese nella lista degli Enciclopedia: Additiviadditivi ammessi.

Gli illeciti scontrati nel settore lattiero-caseario sono aumentati del 33%, e il maggior numero di frodi commerciali sono state riscontrate nel nord Italia ( soprattutto in Emilia Romagna ) a carico dell 'etichettatura dei prodotti.
Le irregolarità riscontrate erano soprattutto di conservazione o al contenuto nel prodotti di sostanze chimiche non consentite o addirittura dannose per la salute. Un caso recentissimo è quello avvenuto in Veneto a maggio 2010; i Nas hanno sequestrato ben 12 mila forme di “Grana Padano”, perfettamente marchiate col simbolo del Consorzio, ma rigorosamente false!

La Mozzarella è il Alimenti: Formaggioformaggio più amato nel nostro paese; secondo un 'indagine, il consumo di questa in Italia si aggira intorno alle 156mila tonnellate all 'anno. Purtroppo, per via delle sue caratteristiche, anche prodotto molto esposto alle frodi e alle contraffazioni, con problematiche anche ti tipo sanitario.
Ricordiamo l 'episodio della mozzarella “blu” di produzione tedesca. Dopo moltissime raffinate analisi si insinua che la colorazione blu sia dovuta alla presenza di particolari sostanze prodotte dai Enciclopedia: Batteribatteri stessi. Sta di fatto che queste odorose. mozzarelle erano di lunga scadenza, e nonostante questo erano tutt 'altro che prive di Enciclopedia: Microrganismimicrorganismi. Quindi si consiglia al consumatore di guardarsi dalle truffe riguardanti la Mozzarella di Bufala. È molto attenzione a prestata alle mozzarelle provenienti dall 'estero.

Si consiglia quindi al consumatore di evitare di acquistare formaggi e derivati che toppo bene si prestino ad essere oggetto di frodi alimentari. Ad esempio i formaggi filanti, le salsine a base di Alimenti: Formaggioformaggio e i formaggi grattugiati.
Se proprio non se ne può far a meno, cercare di evitare le marche a basso costo!!!





Valutazione della freschezza.
Caratteristiche gastronomiche e impieghi culinari.




CARATTERISTICHE GASTRONOMICHE E IMPIEGHI CULINARI

Il Alimenti: Formaggioformaggio è usato in molte preparazioni della nostra cucina. Grattugiato, a scaglie, fuso è un alimento più o meno saporito spesso protagonista di molte ricette.
Gli chef che si approcciano a piatti con un simile protagonista devono sapere che:
nel risotto o nella pasta non deve mai essere unito durante la Enciclopedia: Cotturacottura, ma solo alla fine, al momento del servizio, contribuendo alla mantecatura e alla cremosità
sono spesso sapidi, quindi la quantità di sale va ridotta e corretta se necessita nella fase finale di Enciclopedia: Cotturacottura;
si grattugiano solo i formaggi a pasta cruda, come il Enciclopedia: Parmigiano Reggianoparmigiano reggiano o il pecorino romano.
una volta grattugiati si potranno conservare per una settimana circa in Galleria: Frigoriferofrigorifero;
accompagnarli con il tipo più adatto di frutta, verdura o dolce, che permetterà di apprezzarne al meglio le diversità di gusto e di aroma;
nel servirlo in tavola, dovrebbe presentare generalmente almeno sei varietà: una per ciascuno dei tre principali tipi di Alimenti: Lattelatte ( vaccino, ovino e caprino ): un Alimenti: Formaggioformaggio molle e saporito, un Alimenti: Formaggioformaggio stagionato, un tipo di Alimenti: Formaggioformaggio dal gusto erborinato.

Nella cultura gastronomica italiana gli abbinamenti sono innumerevoli, uno fra i tanti il simbolo stesso della cucina mediterranea : pomodoro e mozzarella o anche detta “insalata caprese”. Il Alimenti: Formaggioformaggio cotto sulla brace è ancora oggi una gustosa preparazione, per la quale si utilizza spesso la scamorza affumicata a fette piuttosto larghe, oppure la “mozzarella in carrozza”, dove la mozzarella affettata viene posta tra due fette di Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane sbattute nell 'uovo e poi fritte in padella.
Un uso particolare del Alimenti: Formaggioformaggio in cucina è, inoltre, l 'unione al dolce: note sono le pere con i formaggi semi stagionati , come ad esempio il Provolone, oppure Pecorino e Alimenti: Mielemiele amaro. Con prodotti come il mascarpone o la Enciclopedia: Ricottaricotta, grazie alla loro consistenza cremosa, si preparano dolci tipici, quali il “tiramisù” e i “cannoli siciliani”.

Un viaggio in Europa
Vediamo alcuni formaggi particolari oltre paese:

INGHILTERRA:
A lungo conosciuto come il “Re dei formaggi”, Blue Stilton è uno dei pochi tradizionali formaggi britannici con Denominazione Protetta, prodotti esclusivamente nelle tre regioni del Debyshire, Leicestershire e Notthingamshire in seguito a un rigoroso percorso di produzione. E ' un Alimenti: Formaggioformaggio erborinato e cremoso, prodotto con Alimenti: Lattelatte pastorizzato, tipico per le sue striature blu.
Può essere consumato in vari modi: con le verdure, nelle creme di legumi, nelle zuppe oppure spalmato su cracker, biscotti e Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane.
Ricetta:
Insalata di pere, Blue Stilton e petto di anatra
Ingredienti per 4 persone:
1 mazzetto di crescione
1 mazzetto di barbabietole rosse
4 pere coscia private dei torsolo e tagliate a fettine sottili
2 petti di anatra affumicati e affettati finemente
180 gr. di Blue Stilton
80 ml di vinaigrette
mezzo cucchiaino di aceto, senape e limone

FRANCIA
Dall ' Alsazia alla Normandia, dalla Bretagna ai Pirenei, dalla Provenza alla Corsia. La Francia in ogni angolo è ricca di formaggi che molto spesso si abbinano alla cucina italiana: per esempio un Emmental o un Comtè possono sostituire la fontina in una fonduta.
Ecco un esempio:
Ricette: PolentaPolenta pasticciata ai quattro formaggi
Ingredienti per 8 persone:
600 gr. Di farina di Ricette: Polentapolenta
2 L di acqua
formaggi che fondono facilmente : fontina, emmental, groviera, stracchino e gorgonzola q.b.
Alimenti: Burroburro se necessario
sale q.b.

Composizione Chimica
per 100 g di P.E. di Fontina
Q.tà
Codice alimento: 162020
% Parte Edibile (P.E.)

100

ACQUA (g)

41,1

PROTEINE (g)

24,5

Enciclopedia: LipidiLIPIDI (g)

26,9

Enciclopedia: CarboidratiCARBOIDRATI DISPONIBILI (g)

0,8

- di cui Enciclopedia: AmidoAMIDO

0

- di cui Enciclopedia: ZuccheriZUCCHERI SOLUBILI

0,8

Enciclopedia: FibraFIBRA ALIMENTARE (g)

0

Enciclopedia: ColesteroloCOLESTEROLO (mg)

 

Alcool (g)

 

ENERGIA  
- espressa in (Kcal)

343

- espressa in (Kj)

1436

Sodio - Na (mg)

686

Potassio - K (mg)

 

Enciclopedia: FerroFerro - Fe (mg)

0,3

Enciclopedia: CalcioCalcio - Ca (mg)

870

Fosforo - P (mg)

561

Enciclopedia: TiaminaTiamina - Vit.B1 (mg)

0,01

Riboflavina - Vit. B2 (mg)

0,45

Enciclopedia: NiacinaNiacina - Vit. PP (mg)

0,20

Enciclopedia: Vitamina AVitamina A - Enciclopedia: Retinoloretinolo eq. (micro-g)

420

Vitamina C - Acido ascorbico (mg)

0

Enciclopedia: Vitamina EVitamina E - alfa tocoferolo (mg)

0,62



Composizione Chimica
per 100 g di P.E. di Stracchino
Q.tà
Codice alimento: 167250
% Parte Edibile (P.E.)

100

ACQUA (g)

53,5

PROTEINE (g)

18,5

Enciclopedia: LipidiLIPIDI (g)

25,1

Enciclopedia: CarboidratiCARBOIDRATI DISPONIBILI (g)

tr

- di cui Enciclopedia: AmidoAMIDO

0

- di cui Enciclopedia: ZuccheriZUCCHERI SOLUBILI

tr

Enciclopedia: FibraFIBRA ALIMENTARE (g)

0

Enciclopedia: ColesteroloCOLESTEROLO (mg)  
Alcool (g)

 

ENERGIA  
- espressa in (Kcal)

300

- espressa in (Kj)

1255

Sodio - Na (mg)

 

Potassio - K (mg)

 

Enciclopedia: FerroFerro - Fe (mg)

0,3

Enciclopedia: CalcioCalcio - Ca (mg)

433

Fosforo - P (mg)

328

Enciclopedia: TiaminaTiamina - Vit.B1 (mg)

 

Riboflavina - Vit. B2 (mg)

0,22

Enciclopedia: NiacinaNiacina - Vit. PP (mg)

 

Enciclopedia: Vitamina AVitamina A - Enciclopedia: Retinoloretinolo eq. (micro-g)

482

Vitamina C - Acido ascorbico (mg)

0

Enciclopedia: Vitamina EVitamina E - alfa tocoferolo (mg)

0,62


SVIZZERA
Quando nominiamo questo paese, tutti pensano a un solo formaggio: l' Emmental.
E' il più noto fra i formaggi svizzeri, caratteristico per i buchi nella pasta prodotti dall'anidride carbonica presente durante la Enciclopedia: Fermentazionefermentazione. Prende il nome dalla valle dell'Emme, nel cantone di Berna, zona di origine di questo Alimenti: Formaggioformaggio che oggi viene prodotto non solo in altre zone della Svizzera ma anche in altre nazioni.
E' un Alimenti: Formaggioformaggio da tavola, generalmente servito da solo o assieme ad altri formaggi. In cucina può essere utilizzato in aggiunta ad un'insalata oppure sul Ricette: PaneEnciclopedia: Panepane.

Ricetta:
Farfalle gialle con emmental

Ingredienti per 4 persone:
350g di farfalle
200g di Emmental
200g di Enciclopedia: Ricottaricotta
100g di pancetta a cubetti
1 porro
Alimenti: Olioolio extra vergine di oliva
Alimenti: Pannapanna da cucina
1 cipolla
30g di Alimenti: Burroburro
1 bustina di zafferano
sale e pepe

 

Composizione Chimica
per 100 g di P.E. di Emmental
Q.tà
Codice alimento: 161610
% Parte Edibile (P.E.)

100

ACQUA (g)

34,6

PROTEINE (g)

28,5

Enciclopedia: LipidiLIPIDI (g)

30,6

Enciclopedia: CarboidratiCARBOIDRATI DISPONIBILI (g)

3,6

- di cui Enciclopedia: AmidoAMIDO

0

- di cui Enciclopedia: ZuccheriZUCCHERI SOLUBILI

3,6

Enciclopedia: FibraFIBRA ALIMENTARE (g)

0

Enciclopedia: ColesteroloCOLESTEROLO (mg)

 

Alcool (g)

 

ENERGIA  
- espressa in (Kcal)

403

- espressa in (Kj)

1686

Sodio - Na (mg)

450

Potassio - K (mg)

107

Enciclopedia: FerroFerro - Fe (mg)

0,3

Enciclopedia: CalcioCalcio - Ca (mg)

1145

Fosforo - P (mg)

700

Enciclopedia: TiaminaTiamina - Vit.B1 (mg)

0,01

Riboflavina - Vit. B2 (mg)

0,45

Enciclopedia: NiacinaNiacina - Vit. PP (mg)

0,10

Enciclopedia: Vitamina AVitamina A - Enciclopedia: Retinoloretinolo eq. (micro-g)

343

Vitamina C - Acido ascorbico (mg)

1

Enciclopedia: Vitamina EVitamina E - alfa tocoferolo (mg)

 


Alimenti: FormaggioFormaggio e vino
Contrariamente a quanto si pensa, l'abbinamento vini e formaggi è piuttosto classico perchè sono stati consumati insieme per migliaia di anni. Infatti gli antichi greci erano solito grattugiare il Alimenti: Formaggioformaggio direttamente nei loro calici di vino.
L' associazione tra vini e formaggi non si deve limitare a migliore il sapore del vino, ma anche la percezione del Alimenti: Formaggioformaggio stesso. E' una vera e propria arte che segue una buona regola: accompagnare cibi regionali con vini che provengono dalla stessa zona, evitando accompagnamenti azzardati.
Nello specifico:
Formaggi freschi: dovrebbero essere accompagnati da vini bianchi e leggeri, o rosè, che non coprono il sapore delicato. Se serviti con albicocche fresche, ciliege, fragole, Enciclopedia: Uvauva o frutta candita, il vino più adatto sarà un Moscato, da dessert.
Formaggi grassi: sono necessari vini che esaltino il gusto burroso, ad esempio un bianco aromatico o un rosso deciso. I frutti alchenchengi sono perfetti per questa tipologia.
Formaggi morbidi e delicati : vini bianchi e rossi leggeri sono gli ideali. Sono deliziosi accompagnati con fragole, Enciclopedia: Uvauva, Alimenti: Mielemiele, frutta candita e frutta secca.
Formaggi morbidi e saporiti : è una varietà di formaggi sapida che viene esaltata da vini rossi robusti e pastosi, ma anche da bianchi secchi e profumati. Prugne, susine e Alimenti: Mielemiele di castagno sono i sapori che più si adattano ad accompagnare questi formaggi.
Formaggi forti e piccanti : vini rossi secchi, marmellata di fragole e Alimenti: Mielemiele sono gli ideali accompagnatori per questi tipi di formaggi.
Formaggi forti e stagionati : andrebbero gustati con vini rossi, secchi e corposi e possono anche essere accompagnati con kaki, pere e pesche.
Formaggi alle erbe : hanno un gusto molto deciso e si accompagnano molto bene con i vini da dessert come il Porto o il Malvasia. Dovrebbero essere serviti con Enciclopedia: Uvauva, sedano o noci.
Caprini: possono essere serviti sia con i vini bianchi che con quelli rossi, purchè siano leggeri e molto freschi.






- Fonti e Autori -


- Formaggi - ingredienti e ricette della cucina italiana- Mondadori;
- Dizionario pratico degli alimenti e dell'alimentazione- Luciano Sterpellone, Mondadori
- Gli Alimenti nella Ristorazione - Corso di alimenti e alimentazione - Silvano Rodato - editore Clitt
- Latte e Formaggi - Prodotti bergamaschi di qualità - Nuova edizione rivenduta e aggiornata a cura di Giuliano Oldrati e Silvano Gherardi
- Grande Enciclopedia della Gastronomia - Mondadori
- Il grande libro degli aliment i-Tourning Club Italiano

Collaboratori: Jummy95 & C.
Supervisione: Webprof

 

Contributo di: Jummy95 - martedì, 08 maggio 2012 alle ore 19:57:37


Argomenti:


Vota questo Alimento
Media voti: 5.521087 ()

Indecente: 1

Nulla: 2

Gravemente Insufficiente: 3

Decisamente Insufficiente: 4

Insufficiente: 5

Sufficiente: 6

Discreta: 7

Buona: 8

Ottima: 9

Eccellente: 10


Commenti

"Formaggio" | _LOGINCREATE | 0 commenti
Threshold
I commenti sono di proprietà dell'autore del post. Non siamo responsabili del loro contenuto.


_NOANONCOMMENTS

 





* Prove Strutturate Alimentazione *


Prove Strutturate Alimentazione


Tutte le Categorie:

 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Conservazione Classi 3^ Alim.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Dietologia Classi 3^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Merceologia Classi 3^ Alim.ne - Merceologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Qualità Classi 3^ Alim.ne - Qualità
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Ricette Classi 3^ Alim.ne - Ricette
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Dietologia Classi 5^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz. Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz.


Tutte le Classi:



Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community




Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 


 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 1.582 secondi (178)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine