Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Didattica-Alimentazione >  News WebCommunityLab

 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help

 
 


Studenti Classi quinte:

Metodi di conservazione

Articolo scritto da: 41C_Cri il Sabato, 1 Dicembre 2012 (16:55:00)

-Conservazione




Sistemi di conservazione degli alimenti. Conservare un alimento correttamente è estremamente importante per evitare la proliferazione batterica e quindi portare alla formazione di tossine, che in alcuni casi possono essere mortali ( es. Clostridum Botulinum ).





facebook diggita blink it segnalo tag on del.icio.us furl it search technorati Wi Live Save to YahooMyWeb reddit this oknotizie digg this   





I metodi di conservazione si suddividono in fisici, chimici, chimico – fisici e biologici.

I metodi fisici di conservazione si suddividono a loro volta, in base all’ utilizzo delle alte, basse temperature, alla sottrazione di acqua e all’ utilizzo di radiazioni.

Il primo caso riguarda la pastorizzazione e la sterilizzazione. La pastorizzazione è un trattamento, che distrugge tutti i microrganismi, tranne quelli termofili e le spore e quindi questo metodo viene solitamente associato ad un altro, come nell’ esempio dei succhi di frutta, che dopo essere stati sottoposti a questo trattamento di conservazione ne subiscono un altro: la concentrazione. Esistono tre tipi di pastorizzazione: bassa, alta, rapida. Quella bassa avviene a temperature di 60/65°C per 30’ e viene utilizzata per alimenti quali la birra, il Alimenti: Lattelatte destinato alla caseificazione e al vino. Quella alta avviene a 75/85°C per 2 – 3’ anche se oggi e stata sostituita da quella HTST o rapida che avviene a 75/85°C per 15 – 20’’. Quest’ ultima viene utilizzata per i prodotti liquidi, come il Alimenti: Lattelatte e a differenza di quella alta comporta una minore esposizione alle alte temperature e quindi l’ alimento subisce un minor danno a livello nutrizionale. Il prodotto dopo essere stato pastorizzato viene sottoposto all’ abbattimento che avviene a 3° per evitare la proliferazione batterica. La pastorizzazione, come la sterilizzazione è un metodo microbicida perché distrugge i batteri patogeni. Con la sterilizzazione vengono uccise tutte le forme microbiche comprese le spore. Si divide in: classica, che avviene a 100/120°C per 20’ , UHT diretto e UHT indiretto a 140/150°C per pochi secondi. L’ uperizzazione o UHT diretto avviene sul prodotto sfuso per iniezione di vapore, che porta l’ alimento a 140/150°C in pochi secondi e poi viene sottoposto al sotto vuoto parziale dove il vapore viene riceduto, mentre per quanto riguarda il metodo diretto,il calore viene ceduto all’ alimento tramite degli scambiatori di calore. Il prodotto può essere sterilizzato anche quando è già confezionato: si parla così di appertizzazione. L’ alimento in questo caso viene preparato e quindi lavato, tagliato … viene poi confezionato( questo è importante che avvenga in condizione asettiche ) ed infine sottoposto al trattamento termico.
La scottatura è un trattamento che consiste nel portare l’ alimento ad alte temperature e poi raffreddarlo per riportarlo a temperatura ambiente. Questo metodo diminuisce la carica microbica, ma non è sufficiente a garantire la conservazione e quindi deve essere abbinato ad un altro trattamento. Rimuove l’ aria contenuta nei tessuti dell’ alimento, fissa il colore e attenua i sapori e gli odori troppo forti, riduce il volume e con l’ utilizzo di acqua e aceto si abbassa il pH.
La pastorizzazione, la sterilizzazione e la scottatura possono essere effettuate anche tramite le microonde. Queste penetrano nell’ alimento agitando le molecole polari scaldandolo. Con questo metodo la pastorizzazione e la sterilizzazione avvengono rispettivamente a 75/121°C per alcuni minuti, l’ igienicità è più sicura perché avviene sul prodotto confezionato, i tempi sono ridotti e quindi c’ e anche un risparmio energetico e le caratteristiche nutrizionali del prodotto ne risentono di meno, mentre per quanto riguarda la scottatura sono ridotte le perdite di nutrienti.

Con le basse temperature gli enzimi vengono bloccati, le reazioni degradative enzimatiche e chimiche vengono rallentate. Per conservare l’ alimento è importante che le temperature si mantengano al di sotto delle temperature minime di accrescimento che variano in base al tipo di microrganismo:per i patogeni sono al di sopra degli 0°C, mentre per gli psicrofili è di -10°C. I metodi dove viene utilizzato il freddo sono la refrigerazione, il congelamento e la surgelazione.
La refrigerazione viene effettuata per mezzo dei frigoriferi e questa consente di prolungare la durata dei prodotti freschi. La refrigerazione può avvenire anche modificando l’ atmosfera. Il sistema di controllo dell’ atmosfera può essere effettuato in depositi refrigerati a tenuta stagna o in contenitori. Nel primo caso si parla di conservazione in atmosfera controllata: i valori di ossigeno e anidride carbonica sono mantenuti costanti da sistemi automatici di controllo. L’ atmosfera è composta per il 92-95% da azoto, per il 2-4% da anidride carbonica e per il 3-4% da ossigeno. Nel caso della conservazione in atmosfera modificata è l’ alimento, che con i suoi processi respiratori cambia la composizione dell’ aria e quando questa cambia troppo viene immessa nell’ ambiente dell’ altra aria. Nel secondo caso si parla di confezionamento in atmosfera modificata. Vengono immessi i gas nella confezione e questa con il passare del tempo non cambia a meno che il contenitore non sia impermeabile. Un altro metodo consiste nell’ eliminare tutta l’ aria presente ( confezionamento sotto vuoto spinto ) o solo una parte ( confezionamento sotto vuoto parzialmente spinto ). In questo caso il prodotto è sicuro igienicamente, si riduca il volume e quindi si risparmia anche lo spazio. La conservazione in “croyac” fa anch’ essa parte della refrigerazione con modifica dell’ atmosfera. Il “croyac” è una pellicola trasparente, che aderisce perfettamente sull’ alimento perché viene immerso in acqua a 90°C per pochi secondi. Ci sono due tecniche: cook-in strip-of nel quale l’ alimento perde l’ acqua durante la cottura e poi viene riconfezionato e viene utilizzato per prodotti di medio – alta qualità. Il cook–in ship-in viene utilizzato per quei prodotti che non perdono liquidi e vengono messi sul mercato nell’ involucro originale.
Il congelamento è un metodo che consiste nel portare le parti interne dell’ alimento a -10 e -25°C e ne esistono di due tipi: lento e rapido. Il primo avviene a -8/-12°C per lungo tempo. Questo porta alla formazione di macrocristalli che ledono i tessuti e quando l’ alimento viene scongelato rilascia un liquido che porta alla variazione delle caratteristiche nutrizionali dell’ alimento. A differenza, il congelamento rapido avviene a -30/-50 °C per portare l’ alimento a -20/-30°C e porta alla formazione di microcristalli, che a differenza dei macro, non comportano la fuoriuscita di liquido dalle cellule. I metodi di congelamento rapido sono: il congelamento ad aria forzata avviene a -40/-50°C, l’ alimento viene raffreddato da una corrente di aria fredda, che gli sottrae il calore. Una variante di questo è il flofreeze e in questo caso l’ alimento è sospeso dall’ aria che proviene dal basso e trapassa una lastra forata. È importante, che l’ alimento sia di piccole pezzature e una volta congelato viene poi confezionato; il congelamento per contatto con piastre consiste in due piastre nelle quali circola un fluido a -40°C e tra queste viene messo l’ alimento che congela al contatto con queste; per il congelamento con utilizzazione di mezzi criogeni viene usato l’ azoto liquido( raggiunge questo stato a -196°C ) e ciò avviene per immersione o per aspersione, mentre con l’ utilizzo di mezzi criogeni( soluzioni di cloruro di sodio,saccarosio… ) il prodotto viene congelato per immersione o per aspersione, ma è importante che questo sia confezionato con un imballaggio impermeabile.
I surgelati sono prodotti sottoposti ad uno speciale tipo di congelamento. I prodotti vengono sottoposti a tre fasi: il preraffreddamento in locali refrigerati, il congelamento e il sottoraffreddamento per evitare aumenti di temperature nel trasferimento. Il confezionamento deve essere originale e deve presentare la denominazione di vendita con il termine “surgelato”, i modi e i tempi di conservazione, le istruzioni per l’ uso, l’ avvertenza, che il prodotto una volta congelato non deve essere ricongelato. La conservazione e il trasporto sono molto importanti. L’ alimento deve mantenere la temperatura a -18°C èd importante che la catena del freddo non venga interrotta anche se la legge consente un rialzo di 3°C. La presenza di brina sulla confezione è indice di cattiva conservazione. Lo scongelamento può avvenire in Galleria: Frigoriferofrigorifero, a temperatura ambiente ( i prodotti che lievitano:brioche ), sotto acqua corrente, per cottura diretta, in forno ad aria calda o anche tramite l’ utilizzo di microonde e in questo modo il riscaldamento avviene in maniera più uniforme.

La concentrazione è un metodo fisico di conservazione, che consente di eliminare l’ acqua per disidratazione e in questo modo nell’ alimento ne rimane il 30-40%. Per concentrare gli alimenti si possono utilizzare tre metodi: l’ evaporazione, la crioconcentrazione e la filtrazione attraverso membrana. Con l’ evaporazione l’ acqua, che passa dallo stato liquido a quello aeriforme viene allontanata. Il processo viene definito diretto quando il calore è trasmesso per irradiazione, come nel sottovuoto, mentre in quello indiretto il calore viene trasmesso grazie a degli scambiatori di calore. La crioconcentrazione, definita anche concentrazione a freddo, consiste nel congelare l’ acqua che si trova nell’ alimento in modo da separare il ghiaccio dalla soluzione. Le tecniche della filtrazione attraverso membrana sono due: disidratazione osmotica e processi con membrane artificiali ( osmosi inversa e ultrafiltrazione ). L’ osmosi consiste nell’ immergere un prodotto in soluzioni concentrate di Alimenti: Zuccherozucchero in modo da togliere fino al 50% dell’ acqua presente nell’ alimento. Dalla membrana fuoriescono anche zuccheri, Sali minerali e penetra il saccarosio. Tramite processi con membrane artificiali viene applicata una pressione superiore a quella osmotica in modo da far uscire il solvente dalla soluzione. La differenza principale tra ultrafiltrazione e l’ iperfiltrazione è che nella prima la membrana trattiene solo le macromolecole ed è invece permeabile per l’ acqua e i Sali mentre la seconda lascia passare solo l’ acqua. L’ osmosi inversa viene utilizzata per la concentrazione di succhi di frutta, pomodoro per salse… mentre l’ ultrafiltrazione è usata per l’ estrazione di macromolecole da alcuni elementi, come per il Alimenti: Lattelatte di soia, per la chiarificazione di birra, vino… .

Esistono due tipi di essiccamento: naturale e artificiale ed in entrambi i casi nell’ alimento rimane il 10-15% di acqua. Oggi si preferisce utilizzare quella artificiale, perchè a differenza dell’ altro è più igienico, richiede meno manodopera, è più veloce e si ottiene un essiccamento più uniforme. Questo può avvenire in: essiccatoi ad armadio, a tunnel, a letto fluido, a spruzzo,mediante radiazioni e a tamburo ( quest’ ultimo viene utilizzato per disidratare il Alimenti: Lattelatte destinato agli animali ).

La liofilizzazione è il metodo di conservazione con il quale si toglie più acqua dall’ alimento ( ne rimane solo il 5 % ). Il prodotto, dopo essere stato preparato, viene congelato rapidamente. La pressione viene abbassata in modo da far sublimare l’ acqua, in questa fase la temperatura di essiccamento è < o uguale ai -20°C. Con l’ essiccamento secondario viene allontanata sotto forma di vapore, l’ acqua incongelabile ottenendo così una disidratazione quasi totale dell’ alimento. Questi prodotti si conservano a lungo, si rigenerano facilmente aggiungendo dell’ acqua, diminuiscono i costi e lo spazio e non vengono utilizzati additivi. Gli alimenti che vengono principalmente liofilizzati sono: caffè, tè, prodotti per la prima infanzia, dietetici.

Le radiazioni sono un metodo fisico di conservazione e sono emissione di energia elettromagnetica attraverso lo spazio. Nella conservazione sono utilizzati i raggi U.V., X, ß e ?. In Italia gli alimenti sottoposti alle radiazioni sono le patate, l’ aglio, le cipolle e le spezie. I raggi X, ß e ? sono definiti ionizzanti perché si formano gli ioni e i radicali liberi ( quest’ ultimi sono delle specie chimiche reattive che velocizzano i processi di invecchiamento ). La legge stabilisce delle dosi massime, ma non siamo in grado di stabilire i livelli. Non esiste la dose senza effetto perché le radiazioni si accumulano. L’ azione delle radiazioni ionizzanti è influenzata da diversi fattori e in base alla dose assorbita dagli alimenti l’ azione viene definita: radurizzazione ( le dosi sono inferiori a 1 kGy ), radicizzazione ( le dosi arrivano fino a 10 kGy ), radappertizzazione ( le dosi sono superiori a 10 kGy ). I prodotti sottoposti a questo metodo devono riportare la dicitura “irradiato” o “trattato con radiazioni ionizzanti” sull’ etichetta e un simbolo. I metodi chimici di conservazione si basano sull’ utilizzazione di prodotti naturali e/o artificiali.

I conservanti chimici naturali si dividono in quelli addizionati all’ alimento di cui fan parte cloruro di sodio, saccarosio, alcool etilico, Alimenti: Olioolio, aceto, spezie ed erbe aromatiche e in quelli che si formano con le fermentazioni, come l’ acido lattico, l’ acido acetico e l’ alcool etilico.
I conservanti artificiali sono gli additivi.

Il cloruro di sodio ha azione antisettica, batteriostatica e idroscopica in quanto sottrae acqua all’ alimento e diminuisce, quindi l’ acqua libera. La salagione può avvenire a secco o a umido. Nel primo caso il sale grosso viene sfregato sulla superfice dell’ alimento o per sovrapposizione di strati. Questo tipo di salagione viene utilizzata per i salumi. Per quella in umido si utilizzano salamoie e viene fatta per immersione in vasche o per iniezione ed è tipica dei formaggi. Il saccarosio ha azione microbiostatica quando la quantità dello Alimenti: Zuccherozucchero è del 60-70%. Al posto di questo disaccaride si possono utilizzare il glucosio e il fruttosio in quantità meno elevate. Non tutti i microrganismi vengono ostacolati da questa soluzione è il caso dei microrganismi osmofoli e per evitare il loro sviluppo, gli alimenti vengono sottoposti ad altri metodi. L’ alcol etilico ha azione antisettica, distrugge tutti i batteri tranne le spore, provoca la denaturazione delle proteine e la disidratazione delle cellule. L’ Alimenti: Olioolio isola gli alimenti dall’ ambiente esterno proteggendolo dai batteri quindi dallo sviluppo dei microrganismi aerobi e previene le ossidazioni. L’ aceto abbassa il pH. L’ acidificazione è usata anche per le marinate ( considerate semiconserve ) e viene usata per prodotti ittici. Questa sostanza ha azione batteriostatica e antiossidante e favorisce le reazioni chimiche che portano alla maturazione del prodotto. Le spezie e le erbe aromatiche migliorano le caratteristiche organolettiche, sono usate per le loro proprietà conservative e antimicrobiche. L’ additivo alimentare è qualsiasi sostanza, che non conferisce proprietà nutritive all’ alimento e che non viene utilizzato come ingrediente principale. Viene utilizzato per prolungare la durata del prodotto, conservare il valore nutrizionale, migliorare o stabilizzare le proprietà organolettiche.

Additivi. È importante che non interagiscano con i componenti dell’ alimento perché potrebbero formare dei composti altamente tossici per la salute umana. Di ogni additivo si valuta l’ eventuale tossicità e se il rischio è superiore al beneficio in questo caso è meglio evitarne l’ utilizzo ( rapporto rischio-beneficio ). Gli additivi comprendono: i conservanti e gli antiossidanti. I conservanti prolungano la durata di conservazione dell’ alimento. I più comuni sono: acido benzonico, acido scorbico, anidride solforosa, anidride carbonica ( è conservante e antisettico ), nisina, nitrati e nitriti. Gli antiossidanti invece proteggono gli alimenti dalle ossidazioni dei grassi e possono essere classificati in: antiossidanti primari ( si ossidano al posto dell’ alimento proteggendolo ),antiossidanti secondari ( rendono nuovamente idonei quelli primari ), chelanti o sequestranti ( legano i metalli impedendo di svolgere la loro azione ).

Metodi chimico-fisici di conservazione. L’ affumicamento consiste nel sottoporre l’ alimento all’ azione di sostanze antisettiche esplicate dal fumo. Il trattamento può avvenire a basse temperature ( affumicamento a freddo 20-25°C ), ad alte temperature ( affumicamento a caldo 65-80°C ) e l’ affumicamento semifreddo a 25-40°C usato soprattutto della Alimenti: Carnecarne. Con questo metodo si vengono a formare delle sostanze tossiche come la formaldeide, benzo-a-pirene. Per affumicare vengono utilizzati: affumicatoi a circolazione d’ aria naturale, celle di affumicamento e convezione forzata, tunnel continui.

I metodi biologici di conservazione sono rappresentati dalla fermentazione cioè la trasformazione di sostanze organolettiche effettuate da enzimi prodotti da microrganismi, che possono essere utilizzati per ottenere la biomassa ( insieme di cellule ). I microrganismi responsabili dei processi fermentativi appartengono ai batteri ( come i lactobacilli , i clostridi… ) e ai funghi ( come le muffe e i lieviti ). I prodotti della fermentazione incidono su: durata dell’ alimento, migliora la digeribilità, il contenuto di vitamine e amminoacidi migliora, i componenti tossici e i fattori antinutrizionali vengono distrutti. I più importanti processi fermentativi sono quello alcolico( nel vino, birra ), omolattico ( nello Alimenti: Yogurtyogurt, sottaceti, formaggi ), eterolattico ( negli alcolici ) e butirrico ( nei formaggi ). In conclusione la conservazione viene utilizzata moltissimo a livello industriale ed è fondamentale per evitare, che nell’ alimento si producano tossine che possono essere letali per l’ uomo.
 
GUARDA LA MAPPA

Allegati o Link utili:



Fonti/Bibliografia:
 Patrizia Cappelli e Vanna Vannucchi, "Complementi di scienza dell'alimentazione", Zanichelli

Data originaria pubblicazione: 1/12/2012 h 16:55:00





 


Argomenti:

Temi svolti Esame Seconda Prova Alimenti e Alimentazione seconda prova temi tracce maturita` alberghiero temi tracce esami di stato alberghiero M073 A057 maturita temi temi svolti tema svolto alimentazione liofilizzazione essiccamento concentrazione blanching sterilizzazione pastorizzazione congelamento surgelazione refrigerazione metodi biologici metodi chimici metodi fisici conservazione conservanti chimici naturali additivi fermentazioni alimenti affumicamento crioconcentrazione scottatura sotto vuoto metodi fisici di conservazione metodi chimici di conservazione metodi chimico-fisici di conservazione metodi biologici di conservazione simulazione seconda prova alimentazione seconda prova alimentazione esami di stato elaborato simulazione seconda prova Esame di Stato simulazione seconda prova Esame di Stato Alimentazione



Argomenti News Correlati

AdditiviAlimentazione e SaluteConservazioneMicrorganismiPrevenzione Ig. San.Temi svolti Esami di StatoTossinfezioni



Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Se ritieni che il linguaggio sia inopportuno clicca sul link qui sotto e compila il form scrivendo: il tuo Nick, il Testo del Commento o Articolo Non Idoneo, il Nick dell'Autore del Commento, il Titolo dell'Articolo a cui si riferisce il Commento (ndr: Copia e Incolla con il mouse). Grazie per la tua collaborazione.
Segnala a WebprofSegnala Commento o Articolo Non Idoneo a Webprof

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati
Warning: include(modules/News/box_destra.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.profscaglione.it/home/modules/News/article.php on line 562 Warning: include(modules/News/box_destra.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.profscaglione.it/home/modules/News/article.php on line 562 Warning: include(): Failed opening 'modules/News/box_destra.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.profscaglione.it/home/modules/News/article.php on line 562
 

Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 



* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community



 




* Prove Strutturate Alimentazione *


Prove Strutturate Alimentazione


Tutte le Categorie:

 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Conservazione Classi 3^ Alim.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Dietologia Classi 3^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Merceologia Classi 3^ Alim.ne - Merceologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Qualità Classi 3^ Alim.ne - Qualità
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Ricette Classi 3^ Alim.ne - Ricette
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Dietologia Classi 5^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz. Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz.


Tutte le Classi:



Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Calcolo IMC - Fabbisogno Energetico


Calcolo dell' Indice di Massa Corporea (I.M.C.) o Body Mass Index (B.M.I.) e del Fabbisogno Energetico Giornaliero



Calcola l'Indice di Massa Corporea: I.M.C.


Calcola il Fabbisogno Energetico Giornaliero




Forums WebCommunityLab

Ultime dai Forums
Forum
Titolo Topic
AutoreVistoRisposteUltima Risposta

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
ALIMENTI
Semola e semolato di grano duro
6041
2
Amministratore
Webprof

13 Apr 2021 h 17:54:22

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
MICRORGANISMI E TOSSINFEZIONI
Alimenti e salmonella
74243
26
lm1920-1Es-N2...
04 Apr 2020 h 10:15:25

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
MICRORGANISMI E TOSSINFEZIONI
Prevenzione salmonellosi
65535
25
lm1920-1Es-N1...
19 Mar 2020 h 16:16:16

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
VITAMINE ACQUA E SALI MINERALI
Affumicamento
24509
4
cacao19
06 Jun 2019 h 13:10:23

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
CHIMICA ORGANICA
Diidrossiacetone
21215
1
jibooty
04 Jun 2018 h 13:10:43

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
VITAMINE ACQUA E SALI MINERALI
I FOLATI
21348
4
rokytall
01 May 2017 h 06:33:47

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
VITAMINE ACQUA E SALI MINERALI
Additivi alimentari
14521
2
rokytall
19 Apr 2017 h 10:41:59

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
DIETOLOGIA
Dieta equilibrata per adulti
16409
3
lus97
21 Mar 2016 h 17:27:22

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
MICRORGANISMI E TOSSINFEZIONI
Classificazione microrganismi
35123
6
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:39:21

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
PREVENZIONE IGIENICO SANITARIA
igiene
34306
10
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:33:39
Topics 1865 | Posts 11223 | Letture Totali 15170015
Risposte 9362 | Membri 1759
[ Vai ai Forums ]   [ Cerca nei Forums ]

>Guarda Indice Categorie Forums
 
5 Topics Più ConsultatiRisposteLetture
Top Topics: vai al relativo forumColesterolo9299442
Top Topics: vai al relativo forumtorcione5558528
Top Topics: vai al relativo forumFunzioni lipidi5444442
Top Topics: vai al relativo forumFunzioni delle proteine4964991
Top Topics: vai al relativo forumLARN Glucidi4846985

5 Membri Più AttiviGradoPosts
Top Membri WebCommunityLab063C_MirkoronzEccellente576
Top Membri WebCommunityLab062C_Nikyinfa07Buono141
Top Membri WebCommunityLab062G_SemiotBuono134
Top Membri WebCommunityLab51C_Smak91Buono132
Top Membri WebCommunityLab51C_DannyBuono125






Il Milionario di Alimentazione


Gioca al Milionario


Tutte le Classi:





Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Impiccato Alimentazione & Biologia



Classi:


Impiccato Classi Prime


Impiccato Classi Seconde


Impiccato Classi Terze


Impiccato Classi Quarte


Impiccato Classi Quinte




Cruciverba di Alimentazione


Cruciverba Alimentazione


Tutte le Classi:





Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Materiali Didattici Classi



Materiali Classi:


Materiali Classi Prime


Materiali Classi Seconde


Materiali Classi Terze


Materiali Classi Quarte


Materiali Classi Quinte


Materiali Diversi






 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 0.742 secondi (379)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine