Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Didattica-Alimentazione >  News WebCommunityLab

 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help


Condividi su Facebook WebCommunityLab



 
 


Studenti Classi quinte:

Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita

Articolo scritto da: Drummy il Mercoledi, 15 Maggio 2013 (19:50:00)

-Temi svolti Esami di Stato


Dieta nelle diverse condizioni fisiologiche e terapia dietetica. In questo elaborato troverete l'esecuzione della traccia relativa all'anno 2012 (guarda: Tema Maturità Esame di stato - Istituto alberghiero Traccia uscita Seconda prova: Alimenti e Alimentazione M073 anno 2012 A.S. 2011/12 IPSSAR Scuola alberghiera ). Questo lavoro tratta delle varie tipologie di dieta che si dovrebbero seguire in ogni fase della vita partendo dalla nascita fino alla vecchiaia finalizzate al mantenimento del nostro organismo ed alla prevenzione di malattie e carenze energetiche e nutrizionali.





facebook diggita blink it segnalo tag on del.icio.us furl it search technorati Wi Live Save to YahooMyWeb reddit this oknotizie digg this   





La dieta è la variabile dello stile di vita più potente nell’influenzare, nel bene o nel male, lo stato di salute: questo termine è stato affiancato nel corso del tempo da alcuni aggettivi che sono sempre più caratterizzanti ovvero adeguata, sana e ottimale. Con l’aggettivo “adeguata” si intende quel tipo di dieta che previene carenze nutrizionali, fornendo energia e nutrienti necessari alla formazione ed alla crescita dell’organismo e che però non si cura dei rischi per la salute relativi agli eccessi; il termine “sana”indica un regime alimentare che si preoccupa maggiormente del rapporto rischio/beneficio dei vari alimenti mentre una dieta “ottimale” è una dieta a base di cibi vegetali che armonizza l’adeguatezza nutrizionale con l’assunzione di numerose sostanze protettive per l’organismo.
Ebbene la dieta ottimale risulta essere la dieta ideale per tutte le fasi di vita poiché promuove salute e longevità attraverso la riduzione del rischio di malattie croniche, di cui è altresì in grado di favorire l’arresto e la regressione: per le sue caratteristiche, questa dieta deve appunto essere a base di alimenti vegetali, i quali devono però essere consumati il più vicino possibile allo stato naturale e l’assunzione di cibi di origine animale deve essere limitata se non addirittura esclusa.

Una delle fasi di vita senza ombra di dubbio più delicata è quella che va dalla nascita fino al compimento del primo anno di età ed è a sua volta distinto i tre periodi: l’allattamento, lo svezzamento ed il completamento della diversificazione; durante la prima fase l’alimentazione deve essere costituita esclusivamente dal Alimenti: Lattelatte materno, per poi iniziare l’introduzione di nuovi alimenti nella seconda fase e completarla con la terza.
L' introduzione di alimenti solidi complementari è di solito un processo graduale il cui inizio viene stabilito dal singolo neonato e dalla stessa mamma e riflette il fatto che il Alimenti: Lattelatte materno è sufficiente nei primi mesi di vita ma, man mano che il bambino cresce, non è più in grado di fornire, da solo, il nutrimento adeguato. I cereali dovrebbero essere i primi alimenti introdotti nella dieta del neonato poiché essi costituiscono il fondamento di ogni dieta sana, seguiti da passati di verdure, purea di frutta ed eventualmente Alimenti: Carnecarne omogeneizzata. I prodotti che presentano maggiori probabilità di provocare reazioni allergiche nei soggetti sensibili, per esempio l' albume d' uovo e il Alimenti: Pescepesce, non devono essere introdotti nel primo anno. Una considerazione importante relativa al primo anno di vita è la problematica quantità di ferro introdotta con la dieta; l' uso di Alimenti: Lattelatte artificiale o cereali con aggiunta di ferro e l' inserimento di alimenti ricchi di ferro, possono aiutare a prevenire il problema. Dopo il primo anno la dieta deve risultare notevolmente più varia: l’assunzione di alimenti ricchi di proteine va moderatamente aumentata così come quella dei cereali e dei grassi ed è consentito iniziare a somministrare all’infante verdura a pezzi diminuendo gradualmente quella sotto forma di passato, legumi ( preziosissime fonti di proteine ) e frutta ( anch’essa non più in purea ); vanno però evitati i cibi dolci, particolarmente elaborati o ricchi di grassi ed in quanto a bevande è meglio limitarsi all’acqua o al massimo ai succhi di frutta.
Superata questa fase critica, vi è l’età prescolare che è costituita dalla crescente autonomia del bambino e dalla formazione dei gusti che lo accompagneranno per il resto della vita: la regola più importante è quella di prestare almeno 10 minuti ogni mattina ad una colazione ricca e varia che dovrebbe comprendere una moderata dose di zuccheri semplici, ideali per ricaricare l’organismo dopo il digiuno notturno, che vanno distribuiti fra vari alimenti come la frutta, che è un’ottima fonte di fruttosio. Questa fascia d’età è inoltre caratterizzata da una carenza di micronutrienti dovuta alla poca assunzione di frutta e verdura ed all’eccessiva introduzione nell’organismo di prodotti dolciari pertanto bisogna prestare particolare attenzione a quest’aspetto. Successivamente vi è quel periodo che va dai 12 ai 18 anni in cui il ragazzo subisce una vertiginosa accelerazione della velocità della crescita pertanto la quantità dei prodotti consumati dovrà essere incrementata ( soprattutto nei maschi ) senza però intaccare la qualità.

Durante l’età adulta invece, l’alimentazione deve essere finalizzata non più alla crescita ( come nelle precedenti situazioni ) ma a mantenere l’organismo efficiente e libero da malattie attraverso un apporto equilibrato di calorie ( in media 200-2500 al giorno ) e nutrienti ed un corretto stile di vita.
Per quanto riguarda le proteine, esse debbono rappresentare non più del 15% delle calorie totali giornaliere e devono essere introdotte principalmente da fonti vegetali poiché lo strepitio allarmista che viene spesso sollevato su possibili rischi di carenza proteica causati dall’assunzione di cibi singoli contenenti proteine “incomplete” ( ovvero i vegetali, che non sempre contengono tutti gli amminoacidi essenziali ) porta ad un falso problema perché la completezza proteica si valuta sull’insieme degli alimenti assunti nell’arco della giornata, ad esempio: i legumi sono carenti in metionina e i cereali in lisina, ma se si assumono tutti e due gli alimenti nelle giuste proporzioni il fabbisogno sarà comunque soddisfatto poiché ciò che non è contenuto in un alimento è contenuto in un altro; un ulteriore motivo per preferire le proteine vegetali è che i prodotti animali contengono grassi saturi ( e trans ) e colesterolo LDL, che sono le maggiori cause delle malattie degenerative della società occidentale come arteriosclerosi, osteoporosi e cancro.
I grassi invece devono costituire il 30-35% delle calorie totali assunte in una giornata: i cibi naturalmente ricchi di grassi sono: la frutta secca, i latticini e la Alimenti: Carnecarne. Rispetto alle ultime due fonti è da privilegiare la prima poiché al contrario dei prodotti animali è ricca di acidi grassi insaturi, molto più sani rispetto a quelli saturi e trans contenuti nella Alimenti: Carnecarne e nei latticini.
I carboidrati, al contrario dei grassi, costituiscono l’elemento principale di qualunque dieta equilibrata, potendo contribuire fino al 65% delle calorie totali: essi vengono divisi in complessi ( amidi ) e semplici ( zuccheri ): i carboidrati complessi ( contenuti prevalentemente nei cereali ) che derivano da cibi vegetali sono in grado di aumentare in modo lento e stabile la glicemia, evitando le impennate che derivano dall’assunzione di zuccheri; i glucidi sono quindi contenuti prevalentemente nei cibi vegetali.
L’assunzione di vitamine e minerali è garantita solamente con una dieta varia poiché sono diffusi in tutti gli elementi essenziali ma non ugualmente distribuititi. Infine le fibre, che sono degli zuccheri non digeribili dall’intestino umano, sono contenute esclusivamente negli alimenti di origine vegetale e ne esistono due tipi: quelle solubili presenti nella frutta, nei legumi e nell’avena che sono formate da gomme, mucillagini e pectine e quelle insolubili contenute nella verdura ed in alcuni frutti, oppure costituenti l’involucro esterno dei cereali, dei legumi e della frutta e formate essenzialmente da Galleria: Cellulosacellulosa e lignina; la fibra comporta numerosi vantaggi tra cui il fatto che contrasta il sovrappeso, previene la stipsi e riduce l’assorbimento di altri nutrienti. La quantità ottimale di fibre assunte in un giorno è non meno di 30 g.

Per quanto riguarda la terza età invece, le necessità energetiche si riducono del 5% dai 40 sino ai 50 anni e del 10% ogni decade successiva, subendo un drastico calo intorno ai 75: il bisogno di proteine aumenta sensibilmente rispetto a quello dell’adulto, i lipidi dovrebbero costituire il 25% delle calorie totali giornaliere ( ovviamente prevalentemente insaturi ), i carboidrati il 60%, il bisogno di vitamine resta pressoché invariato seppur crescendo lievemente per alcune vitamine del gruppo B, la C e l’acido folico; così come le vitamine, anche la necessità di minerali non varia ad eccezione del calcio e del fosforo le cui dosi vanno aumentate di circa 200 mg/die. Infine aumenta lievemente il fabbisogno di liquidi ( da evitare l’alcol ).

La donna a differenza degli uomini attraversa due fasi vitali la cui alimentazione che le accompagna è estremamente importante: gravidanza ed allattamento. La gravidanza è un periodo delicato poiché se la donna mangia troppo poco va incontro alla gestosi, ad un basso peso corporeo del bambino e dai ritardi di crescita mentre se introduce troppo cibo nell’organismo ciò provocherà diabete, obesità ed un peso troppo elevato nell’infante: durante i primi tre mesi la mamma deve mantenere il peso forma per poi aumentare gradualmente la quantità di calorie e nutrienti assunti fino alla nascita del piccolo ( alcol e fumo sono da evitare ).

Allegati o Link utili:

Indice Temi svolti simulazioni Seconda prova Esami di Stato Alimenti e Alimentazione


 

Fonti/Bibliografia: Complementi di scienza dell' alimentazione, di Patrizia Cappelli e Vanna Vannucchi, editore: Zanichelli.
Data originaria pubblicazione: 12/5/13 h 19:50:00



 





Argomenti News Correlati

Alimentazione e SaluteDietologiaGlucidi o CarboidratiLipidi o GrassiProtidi o ProteineQualita'Sali Minerali e AcquaTemi svolti Esami di StatoVitamine



Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Se ritieni che il linguaggio sia inopportuno clicca sul link qui sotto e compila il form scrivendo: il tuo Nick, il Testo del Commento o Articolo Non Idoneo, il Nick dell'Autore del Commento, il Titolo dell'Articolo a cui si riferisce il Commento (ndr: Copia e Incolla con il mouse). Grazie per la tua collaborazione.
Segnala a WebprofSegnala Commento o Articolo Non Idoneo a Webprof

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita (Voto: 1)
di cocus il Mercoledi, 15 Maggio 2013 (20:37:28)
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Secondo me la fase dell' allattamento potrebbe essere ampliata parlando ad esempio del clorostro, di alcuni dati non inseriti come il peso e l' altezza generale del neonato e di alcuni fabbisogni, nella dieta dell' età evolutiva non è vero che l' alchol è sconsigliato perchè una moderata quantità di vino è un fattore salutare per gli anziani e i fattori delle malattie cardiache vengono ignorati. Dopodiche quando parla delle vitamine non specifica quali sono liposolubili (a,d,e,k) e le idrosolubili, il tema comunque è buono ma non molto approfondito.




Re: Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita (Voto: 1)
di Holly il Sabato, 18 Maggio 2013 (18:15:01)
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Condivido i commenti postati in precedenza, aggiungo solo una cosa riferita alla mappa. Personalmente avrei fatto due mappe separate in modo che tutti potessero comprendere a fondo la traccia dell'elaborato, in sostanza avrei caricato una mappa con la traccia, l'introduzione, la parte centrale e la conclusione e una seconda mappa riferita alle diete ovviamente cercando di inserire solo le informazioni essenziali che poi avrei approfondito nel tema. Trovo che manchi anche la conclusione.




Re: Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita (Voto: 1)
di cocus il Giovedi, 23 Maggio 2013 (22:29:27)
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Scusate ma gli altri elaborati che fine hanno fatto....?




Re: Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita (Voto: 1)
di micia il Venerdi, 24 Maggio 2013 (19:00:32)
(Info Utente | Invia un Messaggio)
è un buon elaborato,anche se non tratta in modo specifico tutte le diete , io mi sarei soffermata di più sull'allattamento e sulla dieta della madre in gravidanza.




Re: Tema Alimentazione: La dieta nelle varie fasi di vita (Voto: 1)
di Francy il Giovedi, 30 Maggio 2013 (15:41:05)
(Info Utente | Invia un Messaggio)
elaborato semplice e chiaro, hai descritto le cose più importanti, però la mappa io l'avrei fatta in modo diverso, cosi è troppo confusionale!





Ricerca
Ricerca:
· Cerca altri articoli nello stesso argomento: Temi svolti Esami di Stato
· Cerca altri articoli dello stesso autore: Webhome
Number One
Articolo più letto relativo a Temi svolti Esami di Stato:
Metodi di conservazione degli alimenti



OPZIONI:
 Invia Articolo a un Amico  Invia Articolo a un Amico

Mi spiace ma queste altre opzioni sono disponibili solo per i membri (quindi registrati) della WebCommunityLab:

  Solo Membri WebCommunityLab: registrati!

 


 

* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community



 




* Prove Strutturate Alimentazione *


Prove Strutturate Alimentazione


Tutte le Categorie:

 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Conservazione Classi 3^ Alim.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Dietologia Classi 3^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Merceologia Classi 3^ Alim.ne - Merceologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Qualità Classi 3^ Alim.ne - Qualità
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Ricette Classi 3^ Alim.ne - Ricette
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Dietologia Classi 5^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz. Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz.


Tutte le Classi:



Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Calcolo IMC - Fabbisogno Energetico


Calcolo dell' Indice di Massa Corporea (I.M.C.) o Body Mass Index (B.M.I.) e del Fabbisogno Energetico Giornaliero



Calcola l'Indice di Massa Corporea: I.M.C.


Calcola il Fabbisogno Energetico Giornaliero




Forums WebCommunityLab

Ultime dai Forums
Forum
Titolo Topic
AutoreVistoRisposteUltima Risposta

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
VITAMINE ACQUA E SALI MINERALI
I FOLATI
36
3
sarettainteri...
27 Apr 2017 h 18:02:29

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
VITAMINE ACQUA E SALI MINERALI
Additivi alimentari
2624
2
rokytall
19 Apr 2017 h 10:41:59

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
DIETOLOGIA
Dieta equilibrata per adulti
3851
3
lus97
21 Mar 2016 h 17:27:22

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
MICRORGANISMI E TOSSINFEZIONI
Classificazione microrganismi
13904
6
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:39:21

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
PREVENZIONE IGIENICO SANITARIA
igiene
10222
10
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:33:39

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
MICRORGANISMI E TOSSINFEZIONI
lieviti
5465
6
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:28:19

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
BIOCHIMICA
legami peptidici
2939
2
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:24:02

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
BIOCHIMICA
cosa sono gli allergeni?
6876
2
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:20:16

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
BIOCHIMICA
glutammina
12380
5
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:11:39

Clicca sul link per vedere l`argomento
  
BIOCHIMICA
idrolisi proteine
2609
4
Paolo Esposit...
10 Sep 2015 h 17:05:17
Topics 1701 | Posts 8432 | Letture Totali 10894645
Risposte 6733 | Membri 1587
[ Vai ai Forums ]   [ Cerca nei Forums ]

>Guarda Indice Categorie Forums
 
5 Topics Più ConsultatiRisposteLetture
Top Topics: vai al relativo forumColesterolo9260502
Top Topics: vai al relativo forumtorcione5539650
Top Topics: vai al relativo forumFunzioni lipidi5429944
Top Topics: vai al relativo forumFunzioni delle proteine4945246
Top Topics: vai al relativo forumLARN Glucidi4833050

5 Membri Più AttiviGradoPosts
Top Membri WebCommunityLab063C_MirkoronzEccellente576
Top Membri WebCommunityLab062C_Nikyinfa07Buono141
Top Membri WebCommunityLab062G_SemiotBuono134
Top Membri WebCommunityLab51C_Smak91Buono132
Top Membri WebCommunityLab51C_DannyBuono125






Il Milionario di Alimentazione


Gioca al Milionario


Tutte le Classi:





Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Impiccato Alimentazione & Biologia



Classi:


Impiccato Classi Prime


Impiccato Classi Seconde


Impiccato Classi Terze


Impiccato Classi Quarte


Impiccato Classi Quinte




Cruciverba di Alimentazione


Cruciverba Alimentazione


Tutte le Classi:





Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







Materiali Didattici Classi



Materiali Classi:


Materiali Classi Prime


Materiali Classi Seconde


Materiali Classi Terze


Materiali Classi Quarte


Materiali Classi Quinte


Materiali Diversi







Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 


 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 1.496 secondi (234)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine