Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Notizie-Scuola  >  News Scuola

Riconoscimenti profScaglione.it

©

Info Utenti

Login

Nickname:
Password:
Login:

 

Social Registration Registrati
Passa da qui se hai già un account su Facebook

Termini di Servizio

Clicca su Accetto Termini Servizio per la loro accettazione e per dichiarare di avere almeno 13 anni: ti compariranno i loghi Social con cui potrai registrarti istantaneamente!


 

Ciao Utente Anonimo



Registrati direttamente qua su profScaglione.it

   Registrati


Hai perso la tua Password?




 

Guarda Lista Membri WebCommunityLab
Utenti

Membri del Sito:
Ultimi Membri Registrati alla WebCommunityLab Ultimo registrato:
     peppelarosa 
Numero totale Membri WebCommunityLab Complessivi: 1687

Persone Online:
Numero degli Ospiti Online in questo momento Ospiti: 27

Traffico:



Navigazione Sito

 Ambienti 
 HOME PAGE
 Ambienti
 Info-Statistiche
 Notizie-Scuola
 Didattica-Alimentazione
 Social-Community
 Giochi-Svago
 Aiuto-Risorse
 Info 
 Info-Statistiche
 Dedica Sito
 Chi siamo?
 Riconoscimenti
 Staff
 Contattaci
 Mappa Sito I
 Mappa Sito II
 Raccomanda il Sito
 Progetto_El_Awards2
 Presentazione WebCommunityLab
 Progetti
 Fai Proposte sui Progetti
 Partecipa alla WebCommunity
 Privacy
 TerminiServizio
 Bibliografia-Crediti
 Rss Notizie Scuola
 Rss Community
 Rss Enciclopedie Vocaboli
 Rss Ricette Community
 Rss Alimenti Community
 Rss Video YouTube
 Sistema Ricerca Globale
 Statistiche 
 Info-Statistiche
 Ricette più Viste
 Ricette più Votate
 Alimenti più Visti
 Alimenti più Votati
 Statistiche Forum
 Top Ten
 Sistema Ricerca Globale
 News Scuola 
 Notizie-Scuola
 News Scuola
 Argomenti Notizie Scuola
 News Ctg Prof
 News Ctg Stud-Prof
 News Ctg Studenti
 News Ctg Genitori-Stud
 News Ctg Presidi
 News Ctg Scuole
 News Ctg ATA
 News Ctg IPSSAR Nembro
 News Ctg Tutti
 Archivio Notizie Scuola
 Tags Scuola
 Forum Esami di Stato
 Forum Nuovi IPSSAR
 Sistema Ricerca Globale
 Didattica 
 Didattica-Alimentazione
 News Alimentazione
 Argomenti Alimentazione
 News Ctg Classi 1^
 News Ctg Classi 2^
 News Ctg Classi 3^
 News Ctg Classi 4^
 News Ctg Classi 5^
 News Ctg Tutte le Classi
 News Novità Sito
 Archivio News Alimentazione
 Enciclopedie
 Prove Strutturate
 Interrogatore
 Forums
 Mappa Ipertestuale Alimentazione Classe 5^
 Tags Alimentazione
 Ricette
 Alimenti
 Cruciverba-Alimentazione
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Calcolo I.M.C.
 Fabbisogni Energia
 Equivalenze
 Acronimi
 Sistema Ricerca Globale
 Social-Community 
 Social-Community
 Fan-Facebook-Twitter
 Il Tuo Account
 Messenger
 The Wall - Muro
 Messaggi Privati
 Chat
 Poesie
 Racconti Narrativa
 Guestbook Sito
 Cartoline Virtuali
 Citazioni
 Barzellette
 Sistema Ricerca Globale
 Giochi 
 Giochi-Svago
 Tris
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Scacchi
 MasterMind
 Sudoku
 Coloku
 Cruciverba-Alimentazione
 Cerca Parole
 Sistema Ricerca Globale
 Svago e Relax 
 Giochi-Svago
 Barzellette
 Ricette
 Citazioni
 Cani
 Gatti
 Pesci
 Uccelli
 Rettili
 Automobili
 FIFA World Cup
 Sistema Ricerca Globale
 Aiuto 
 Aiuto-Risorse
 Come_Registrarsi
 Aiuto Online
 Contattaci
 Invio Files Materiali
 Sistema Ricerca Globale
 Cerca in Acronimi
 Cerca in Barzellette
 Cerca in Poesie Amore
 Cerca in Altre Poesie
 Cerca Utenti
 Cerca Notizie Scuola
 Cerca News Community
 Cerca nei Forums
 Cerca in Ricette
 Cerca in Alimenti
 Cerca in Enciclopedia Alimenti
 Cerca in Enc. TSPC-TSPS
 Cerca in Gallery Multimediale
 Risorse 
 Aiuto-Risorse
 Crea Password
 Codice Fiscale
 Whois
 Nuke Generator
 GUIstuff
 Nuke Tools
 PHP-Nuke Tools
 Flash Tools
 Style Tools
 Crea Bottoni
 Creazione Banner
 Testo Scorrevole
 Testo 3d
 Convertitore Date Unix
 Byteconverter
 Sistema Ricerca Globale
 Partecipa 
 Partecipa alla WebCommunity
 News Alimentazione
 Invio Files Materiali
 Invia Vocabolo Enciclopedia
 Invia Ricetta
 Invia Alimento
 Invia Tuo Muro
 Invia Tua Poesia
 Invia Barzelletta
 Invia Tuo Link
 Invia Img x Gallery
 Fai Proposte sui Progetti
 Segnala o Consiglia
 Sistema Ricerca Globale

Ricerca Globale





La News Scuola più letta del mese

Mi spiace ma in questo mese non sono state pubblicate News

Ci spiace ma in questo mese non sono ancora state pubblicate News

Social

Condividi WebCommunityLab su
Facebook e Twitter


la WebCommunityLab è su Facebook!

Diventa Fan della WebCommunityLab:


la WebCommunityLab è su Twitter!


Guarda il canale wcl su YouTube!

Vai alla pagina della WebCommunityLab su YouTube

 

Tags Cloud Scuola


indicatori dell OCSE indennita` di malattia matematica e informatica terze professionali obiettivi apprendimento educazione fisica biennio compenso regionalizzazione Presidio Istituto Scienze Sperimentali Crema Slavatore Quasimodo materie maturita` 2016 itinerari formativi docenti neoassunti Associazione Italiana Dislessia pubblico impiego divieto utilizzo cellulari quadri orari nuovi istituti alberghieri interruzione progressione di carriera O.M. n.92 del 5 novembre 2007 fasce reperibilita` date prove scritte maturita` 2012 Esami di Stato Progetti Assistiti D.M. n.5669 del 12/7/11 progetto webcommunitylab cinque in condotta programma di Seconda Lingua Straniera formazione in servizio procedimenti disciplinari programma lingua straniera istituti professionali biennio postqualifica domanda ammissione esami stato festival indirizzo ristorativo e turistico parere CNPI

Categorie News Scuola


Studenti Prof
Studenti
Prof Insegnanti
Tutti
Ipssar Nembro
Dirigenti Presidi
Scuole Istituti
Genitori Studenti
ATA Amministrativi Bidelli

Argomenti News Scuola


Ultime
Normativa Scolastica
IPSSAR
Tracce Temi Esami di Stato
Società
Esami di Stato - Maturità
Istituti Professionali
Europa
Diversamente Abili
Orientamento Scolastico
Note Ministero
TIC e Tecnologie Digitali
Sistema Informativo MIUR, AT ex USP
Concorsi Scuola
Istituti Enogastronomia Ospitalita` Alberghiera ex Ipssar
Web Accessibile
Graduatorie Docenti
Istituti Tecnici
Funzione Pubblica

News casuale profscaglione.it


Maturità - Ipssar Sonzogni Nembro Nomina Commissioni, con Commissari esterni e Presidenti di Commissione, Esami di Stato a.s. 2012/13indirizzi tecnico dei servizi ristorativi e tecnico dei servizi  turistici.

Argomento Casuale Scuola

Calcio

Cerca in:
Calcio

Europei di Calcio 2008 - Arrivo degli Azzurri!
L'Italia passa il turno se .....
Mondiali di calcio Germania 2006

News casuali sulla scuola

News casuale scuola
Giovedì, 16 giugno 2016
Tema Maturità Esame di stato - Istituto alberghiero Traccia uscita Seconda prova: Alimenti e Alimentazione M508 anno 2015 A.S. 2014/15 IPSSAR Scuola alberghiera

Lunedì, 29 febbraio 2016
Materie Esami Maturità Esame di stato 2016 Istituto alberghiero Seconda prova scritta Maturita A.S. 2015/16 IPSSAR Scuola alberghiera Enogastronomia Uscite

Giovedì, 18 giugno 2015
Previsioni Traccia Alimentazione Alberghiero Seconda prova scritta IPSSAR 2015 Alimenti e Alimentazione Maturita` Esami di Stato 2014/15

Giovedì, 04 giugno 2015
Commissioni Esami di Stato 2015 Maturità: uscite le commissioni con i commissari esterni e presidenti provincia di Bergamo a.s. 14/15

Giovedì, 29 gennaio 2015
Materie Esami Maturità Esame di stato 2015 Istituto alberghiero Seconda prova scritta Maturita A.S. 2014/15 IPSSAR Scuola alberghiera Maturità prove Uscite Enogastronomia

Archivio

Ultime News Scuola per ogni Categoria

Studenti Prof
Clicca sul link per Leggere la NewsGlobal Junior Challenge 2017 - 8^ edizione
Clicca sul link per Leggere la NewsMaterie Esami Maturità Esame di stato 2017 Istituto alberghiero Seconda prova scritta Maturita A.S. 2016/17 IPSSAR Scuola alberghiera Enogastronomia Uscite

Studenti
Clicca sul link per Leggere la NewsTema Maturità Esame di Stato Istituto Alberghiero Opzione Pasticceria Traccia uscita Seconda prova: Alimenti e Alimentazione M508 A.S. 2014/15 IPSSAR Scuola alberghiera
Clicca sul link per Leggere la NewsTraccia Simulazione Ministero Seconda prova Esami di Stato Alimentazione Alberghiero IPSSAR Enogastronomia 2015

Prof Insegnanti
Clicca sul link per Leggere la NewsDiscipline caratterizzanti i singoli corsi di studio sulle quali si svolgeranno le seconde prove scritte degli Esami di Stato 2014/15 Licei
Clicca sul link per Leggere la NewsDiscipline caratterizzanti i singoli corsi di studio sulle quali si svolgeranno le seconde prove scritte degli Esami di Stato 2014/15 Istituti Tecnici

Tutti
Clicca sul link per Leggere la NewsCaratteristiche WebCommunityLab
Clicca sul link per Leggere la NewsLa didattica nella WebCommunityLab

Ipssar Nembro
Clicca sul link per Leggere la NewsElezioni RSU 2006 IPSSAR Nembro: confronto con il 2003
Clicca sul link per Leggere la NewsScuola chiusa anche domani, sabato 28 gennaio'06

Dirigenti Presidi
Clicca sul link per Leggere la NewsAspetti finanziari, organizzazione, gestione laboratori tecnico pratici cucina e sala Istituti alberghieri IPSSAR >> Istituti Enogastronomia Ospitalita` Alberghiera
Clicca sul link per Leggere la NewsNuove norme in materia disciplinare Dirigenti scolastici: infrazioni, sanzioni e sospensione cautelare di cui al decreto legislativo 27/10/09, n. 150

Scuole Istituti
Clicca sul link per Leggere la NewsEsami di Stato di istruzione secondaria di secondo grado Commissioni di esame Presentazione domande on line - scheda modello ES-1
Clicca sul link per Leggere la NewsAlternanza scuola lavoro nelle classi quinte degli istituti professionali e alberghieri (IPSSAR) attivate nel corrente anno scolastico 2010/11

Genitori Studenti
Clicca sul link per Leggere la NewsIscrizioni Scuole Infanzia e Scuole ogni ordine e grado per anno scolastico 12/13 Scuole secondarie superiori di secondo grado C.M. n. 110 29/12/11
Clicca sul link per Leggere la NewsIscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2011/2012 Scuole secondarie superiori di secondo grado - C.M. n. 101 30/12

ATA Amministrativi Bidelli
Clicca sul link per Leggere la NewsNuove norme in materia disciplinare Personale ATA: infrazioni, sanzioni disciplinari e sospensione cautelare di cui al decreto legislativo 27/10/09, n. 150

Ultime Scuola dal Forum

Forums

posterModalità di svolgimento seconda prova Esami di Stato 2014/15
posterCompenso commissari interni su due commissioni
posterAutorizzazione utilizzo mezzo proprio Commissario Esami
posterProgrammi Ministeriali Italiano e Storia classi 1^ e 2^
posterCompenso commissari esterni non in servizio

Cerca News Scuola

Cerca News Scuola
Ricerca in:



Cerca nelle News-RSS

Cerca nei feed

Indice Downloads


-Classi 1^ (4)

--Esercitazioni di Laboratorio (2)

Materiali Didattici Classi (2)

-Classi 3^ (9)

-Istituti Professionali (4)

-Mobilità personale scuola (1)

-Software Utili (5)

-Verifiche Scritte (7)

Pubblicazioni (4)

Software Didattici (5)

-Software (1)


WebCommunityLab Mobile

WebCommunityLab di profScaglione.it è anche Mobile: le ultime 10 `News del Sito` e le ultime 10 `News della WebCommunityLab`, direttamente da cellulari, palmari e smartphone, attraverso delle pagine `leggere` create appositamente per questo scopo! Da non usare con il normale pc!
Questo è il link da digitare sul tuo Cellulare:
www.profscaglione.it/mobile

Ultimi Video Ufficiali

Count Down

Alla Fine della Scuola mancano .....
6 anni, 236 giorni, 12 ore, 1 minuto, 9 secondi fa


Post-it Mail
Hai letto una scadenza importante? Se sei un membro della Community puoi inviarti in automatico una email uno o più giorni prima con: `Post-it Mail`, servizio gratuito della WebCommunityLab!

Categoria Casuale Video Utili
Utili Webcommunitylab

Utili Webcommunitylab

Argomenti WebCommunityLab


Notizie
Vacanze
Novità
Nuovi Moduli
Nuovi Blocchi
Novità Forum
Nuovi Addon

  
 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help

 


Tutti:

Persona, Tecnologie e Professionalità - Gli Istituti Tecnici e Professionali come scuole dell’innovazione Documento Finale (Roma 3/3/08)


Postato/Ultima modifica il: Lunedi, 9 Febbraio 2009 (13:02:50)
Argomento: Istituti Professionali
-Istituti Professionali




Ministero della Pubblica Istruzione
Commissione Ministeriale per la riorganizzazione degli Istituti Tecnici e Professionali - Persona, tecnologie e professionalità.
Gli Istituti Tecnici e Professionali come scuole dell’innovazione
A cura della Commissione Ministeriale per la riorganizzazione degli Istituti Tecnici e Professionali.




facebook diggita blink it segnalo tag on del.icio.us furl it search technorati Wi Live Save to YahooMyWeb reddit this oknotizie digg this   



PERSONA, TECNOLOGIE E PROFESSIONALITÀ

Gli Istituti Tecnici e Professionali come scuole dell’innovazione

Documento finale

Roma 3 marzo 2008

Commissione ministeriale per la riorganizzazione degli Istituti Tecnici e Professionali

pag. 1


Indice

 

1. VIVERE LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA

La società della conoscenza

Il paradigma della complessità

Per un nuovo umanesimo della scienza e della tecnica

2. RILANCIARE IL RUOLO DELL’ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

L’equivalenza dei percorsi di istruzione secondaria superiore

Formare le nuove competenze per la cittadinanza e il lavoro

Una scuola di grandi tradizioni verso una nuova identità

Gli Istituti Tecnici e Professionali come scuole dell’innovazione

3. VALORIZZARE GLI ATTORI DELLA SCUOLA DELL’INNOVAZIONE

I giovani come protagonisti del proprio futuro

Gli insegnanti come interpreti del cambiamento

L’interazione tra scuola, impresa e territorio

4. RIDISEGNARE I PERCORSI DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

 

 

 

Criteri generali per il riordino

La nuova missione formativa dell’istruzione tecnica e professionale

Il nuovo profilo degli Istituti Tecnici

Il nuovo profilo degli Istituti Professionali

Appendice: composizione della Commissione ministeriale


pag. 2

 

1. VIVERE LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA

La società della conoscenza 

 

Il Consiglio Europeo, riunitosi a Lisbona nel marzo 2000, ha conferito all’Unione un nuovo

ambizioso obiettivo: diventare entro il 2010 "l’economia basata sulla conoscenza più competitiva e

dinamica del mondo". Infatti la conoscenza - oltre a fondare la libertà della persona, la relazione

con l’altro e con il mondo, la costruzione della società - è una risorsa importante per lo sviluppo

dell’economia e della società. Se la conoscenza ha sempre influito nell’evoluzione dei sistemi

produttivi, a partire dalla rivoluzione industriale è diventata forza produttiva fondamentale.

Da quel momento l’utilizzo diffuso e lo sviluppo continuo di macchine sempre più complesse

hanno comportato enormi economie di scala. La novità sostanziale apportata dalla modernità sta nel

fatto che diventa non solo necessario ma anche conveniente - grazie alla natura riproducibile della

conoscenza incorporata - investire in processi di apprendimento. Si comincia a lavorare non per

ripetere operazioni già note, ma per innovare, inventando nuove macchine e nuovi prodotti.

In questi due secoli e mezzo, la propagazione della conoscenza, destinata ad essere riusata in

contesti sempre più ampi, e l’investimento in apprendimento sono diventati delle costanti anche se

di ampiezza sempre maggiore perché nel corso del tempo è cambiato il metodo della propagazione.

La diffusione della conoscenza, infatti, è stata dapprima incrementata dal mercato che ha ampliato il

circuito di vendita delle macchine, poi dall’organizzazione "scientifica" del lavoro - tipica del

fordismo - poi ha trovato un grande veicolo di circolazione nelle tecnologie dell’informazione e

della comunicazione e nelle nuove reti produttive createsi a livello mondiale. Reti che hanno

"liberato" la conoscenza dal suo stretto legame con le realtà materiali (le macchine, l’azienda). In

un’economia che si basa sulla propagazione della conoscenza in un bacino di usi più esteso

possibile, la rete, che assicura canali veloci e globali alla propagazione, non è un accessorio, ma un

ingrediente essenziale. Con internet per la prima volta si ha la possibilità di una propagazione

istantanea e globale, che può aprire ad una inaspettata democratizzazione della conoscenza.

All’inizio degli anni Novanta si è cominciato a parlare di "crescita basata sulla conoscenza" e di

"economia della conoscenza", in cui il lavoro è sempre meno lavoro materiale (uso della forza

muscolare per trasformare fisicamente la materia prima in prodotto finito), e sempre più lavoro

mentale (cognitivo), nel senso che usa le conoscenze di cui si dispone per produrre altre

conoscenze, portatrici di utilità. E questo non riguarda più solo pochi lavori "intellettuali" ma tutti i

pag. 3

lavori, incluso il lavoro operaio; e non investe solo i paesi dell’Occidente industrializzato, ma anche

i paesi in via di sviluppo.

In un contesto così radicalmente cambiato, sopravvive però una certa tradizione scientificotecnologica

- che rischia di non cogliere tutte le implicazioni del nuovo contesto - per cui la

conoscenza coincide con una forma intellettuale ed astratta di sapere, mentre il sapere pratico,

esistente in tutti i lavori e in tutte le attività, non è da considerare una forma di conoscenza, anche se

i suoi contenuti sono innegabilmente cognitivi.

Diventa difficile parlare di "nuove" o "vecchie" professioni: compare un grande numero di

attività professionali, che possono essere del tutto nuove, o semplicemente evoluzione di profili

preesistenti, ma che tutte incorporano competenze specifiche di nuovo tipo, per rispondere meglio a

bisogni già esistenti, o per far fronte a bisogni nuovi. Queste abilità specifiche sono spesso legate al

nascere, al consolidarsi e al sistematizzarsi di ambiti di sapere prima sconosciuti, ma anche

all’esistenza di prescrizioni normative che hanno fatto nascere specialità professionali molto

settoriali, spesso con funzioni di livello superiore, come la consulenza e il controllo.

Nascono lavori che utilizzano la creatività in rete, ma che richiedono una grande familiarità con

le reti telematiche e con i linguaggi che rendono trasferibili a distanza le conoscenze. Si affermano

lavori flessibili o modulari, che sono orientati a specializzazioni molto focalizzate, in cui si impara a

fare un lavoro ben preciso attraverso percorsi formativi brevi, innestati su una base di preparazione

generale abbastanza consistente, finalizzati al possesso di abilità professionali transitorie o

mutevoli, da utilizzare sempre meno in un lavoro destinato a durare tutta la vita e sempre più

"trasferibili" dall’uno all’altro lavoro.

L’evoluzione del mercato del lavoro nella "società della conoscenza" sta pertanto cambiando

radicalmente i modelli culturali e organizzativi dell’accesso al lavoro e delle professioni. Se tutti i

lavori sono "cognitivi", se la conoscenza è il fattore decisivo nella produzione e nell’economia,

l’istruzione e quindi la scuola, rispetto al passato, assumono sempre più rilevanza sul piano

economico e sociale. Società della conoscenza, infatti, significa società dell’apprendimento; per

questo nel nesso tra formazione e professionalità si gioca buona parte del futuro economico e civile

del nostro paese.

pag. 4

Il paradigma della complessità

La scienza moderna è nata nel XVII secolo da una scelta drastica: quella di rinunciare a studiare

la natura come un tutto organico per concentrarsi su fenomeni semplici e quantificabili, isolandoli

da tutto il resto. Questo atteggiamento metodologico, che va sotto il nome di riduzionismo, ha

prodotto impressionanti progressi nella storia della conoscenza della natura, ma ha anche portato a

falsare non poco la prospettiva conoscitiva: si tendeva sempre più a considerare come importanti e

fondamentali soltanto le semplici parti che risultavano dalla scomposizione, ignorando il sistema

complesso da cui venivano isolate. Da metodologia vincente il riduzionismo si trasformava

gradualmente in una visione impoverita.

La revisione critica dell’approccio riduzionista si è sviluppata in questi ultimi decenni con

riflessioni provenienti dalla teoria della complessità assunta come paradigma. Il concetto teorico

che le compete non è più il riduzionismo ma l’"emergenza". Un sistema complesso è composto da

un gran numero di elementi che interagiscono fra di loro; la loro interazione genera dinamiche

d’insieme profondamente diverse da quella delle parti costituenti. Lo studio dell’emergere di queste

nuove proprietà richiede un nuovo approccio scientifico, il che rompe i confini tradizionali fra le

scienze. La sfida che la complessità prospetta alla scienza è soprattutto quella di esplorare e

sviluppare il territorio dell’interdisciplinarità, della multidimensionalità del reale, della

complementarietà dei saperi. Nel nuovo paradigma della complessità, le diverse discipline si

presentano come un sistema a rete, con correlazione e nodi multipli. In questo modo vengono

superate tutte le chiusure disciplinari, tutte le dicotomie che finiscono per paralizzare la ricerca e per

impedire la comprensione e la trasformazione della realtà.

E’ la meccanica quantistica a inizio del ‘900 a mettere in crisi l’interpretazione semplificata di

un altro principio fondante della scienza classica: il principio causa-effetto. Heisenberg, con il suo

principio di indeterminazione, ha dimostrato l’impossibilità di conoscere il presente in tutti i suoi

dettagli e quindi di determinare il futuro. Se la meccanica quantistica ci ha rivelato come sia

impossibile arrivare a conoscere, in modo esaustivo, le cause, la teoria del caos ci spiega come - se

anche le cause fossero conoscibili - gli effetti sarebbero, spesso, imprevedibili, non lineari. La

cibernetica poi ha avuto il merito di introdurre il concetto di retroazione dell’effetto sulla causa,

avanzando il principio della causalità circolare, principio fatto proprio dalla teoria della complessità.

Tale principio considera le diverse cause e i diversi effetti come aspetti interconnessi della realtà,

che formano l’intreccio complesso della vita.

pag. 5

Anche le più recenti ricerche sulle modalità di funzionamento dei nostri processi cerebrali

sottolineano con chiarezza l’improponibilità dello schema classico conoscenza-azione (ovvero

prima conoscenza e poi azione) nella logica causa-effetto, e individuano la natura costruttivistica e

sociale del conoscere. La percezione umana appare immersa nella dinamica dell’azione, per cui

esiste un nesso assai stretto tra percezione, azione e progetto. La comprensione, pertanto, ha una

natura eminentemente pragmatica e le cose e i processi con i quali entriamo in contatto acquistano

per noi un senso funzionale al progetto d’azione che intendiamo attivare e sviluppare. L’azione,

infatti, non costituisce esclusivamente un tentativo di risposta al bisogno immediato, ma contiene e

sviluppa anche la domanda di senso della realtà e dell’essere. Ciò si collega non a caso al

superamento dell’assunto tradizionale della separazione tra mente e corpo e della prevalenza del

pensiero sull’azione.

Per un nuovo umanesimo della scienza e della tecnica

L’insieme di queste acquisizioni (emergenza e causalità circolare) sono interpretabili come

critica radicale ad una concezione del sapere che esalta solo gli indirizzi di studio a carattere teorico

e a quei sistemi scolastici che attribuiscono assoluta prevalenza al pensiero sull’azione, alla teoria

sulla prassi, all’approccio deduttivo su quello induttivo, al sapere sul saper fare, alle attività

intellettuali su quelle pratiche.

Il modello curricolare della scuola secondaria italiana è costruito su una gerarchia dei saperi che

prevede implicitamente la superiorità delle discipline umanistiche su quelle scientifiche, con la

filosofia all’apice dell’intera piramide e con la fisica sopra le altre discipline scientifiche. Questa

concezione ha egemonizzato per quasi un secolo il sistema scolastico del nostro paese e di

conseguenza ha accentuato la dicotomia tra cultura umanistica e cultura scientifica, tra formazione e

lavoro, relegando ad un ruolo subalterno gli istituti tecnici e professionali.

L’istruzione tecnica, e ancor più quella professionale, hanno sofferto del destino sociale a cui

sono state associate. In realtà esistono istituti di grande prestigio che hanno dimostrato, a livello

nazionale e anche internazionale, di saper fornire una preparazione di ottimo livello, aggiornata sul

piano dei contenuti e adeguata alle richieste delle imprese e della società. Sono questi istituti che

hanno mantenuta alta l’identità e il "capitale reputazionale" dell’istruzione tecnica e professionale

nel paese, al punto che a tutt’oggi essa raccoglie circa il 55% di tutti gli iscritti alle scuole superiori.

Se non si va oltre questa gerarchizzazione dei saperi e dei percorsi di studio, si rischia tuttavia di

non riuscire a realizzare quel rilancio dell’istruzione tecnica e professionale di cui il paese ha

pag. 6

bisogno. E’ anzi sempre più richiesto dall’economia e dalla società il superamento di ogni forma di

gerarchia ma anche di separazione, di cristallizzazione delle conoscenze in domini separati.

L’insegnamento della scienza e della tecnica alle giovani generazioni si pone, perciò, entro un

orizzonte generale in cui la cultura va vista come un tutto unitario, dove pensiero ed azione sono

strettamente intrecciati così da formare personalità complete in grado di sviluppare le proprie

prerogative umane nel cogliere le sfide presenti nella realtà e nel dare ad esse risposte utili ma

anche dotate di senso, nella consapevolezza, del resto, che sviluppo o declino economico sono

anche sempre frutto di sviluppo o declino etico, sociale e culturale. In questo modo si possono

valorizzare i talenti e le vocazioni individuali e perseguire il successo scolastico e professionale di

ogni persona.

La scienza, che esprime la potenza della comprensione dei fenomeni naturali attraverso la loro

descrizione formale, e la tecnologia, che rappresenta la potenza dell’uso di quelle descrizioni per

elaborare applicazioni e strumenti, possono essere considerate come facce di una stessa medaglia,

ambiti e approcci che interagiscono costantemente. Le scoperte della scienza provocano una

modifica degli apparati tecnici ma anche gli strumenti della tecnologia possono essere promotori di

accelerazioni improvvise della scienza, essendo parte integrante e determinante del "metodo

scientifico": osservazione, ipotesi, esperienze e validazione.

Dalle coscienze più lucide del nostro tempo, come Edgar Morin, viene l’invito a superare quella

frammentazione e separazione dei saperi che provoca la loro sterilità. E’ dalla connessione tra

scienza e umanesimo che si può realizzare sia lo sviluppo di straordinarie scoperte e geniali teorie,

sia la riflessione sui grandi interrogativi umani. Del resto molti problemi delle diverse scienze e

delle varie tecnologie, mentre non possono essere risolti da una singola disciplina ma richiedono il

concorso di diverse discipline, si avvantaggiano anche delle risorse della stessa cultura umanistica.

Non si dà oggi vera cultura umanistica che non sia intrecciata con conoscenze tecnologiche, se non

altro telematiche, mentre si estende sempre più l’utilizzo del sapere umanistico nell’ambito

produttivo.

pag. 7

2. RILANCIARE IL RUOLO DELL’ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

L’equivalenza dei percorsi di istruzione secondaria superiore

Un sostegno alla equivalenza dei saperi e delle attitudini individuali viene anche dal

superamento della concezione monolitica dell’intelligenza, che ovviamente finiva per valorizzare

solo le intelligenze più capaci di astrazione e di concettualizzazione.

L’acquisizione dell’idea di molteplicità e non gerarchizzazione delle intelligenze ha contribuito

a superare la subordinazione di una forma di intelligenza rispetto alle altre. Così l’allievo dotato di

un’intelligenza maggiormente "naturalistica" o "spaziale" non è né superiore né inferiore ad un

altro dotato di un’intelligenza prevalentemente "linguistica" o "logico-matematica", e la maggior

propensione all’attività pratica o la "passione" per i congegni tecnici non costituiscono una

condizione di inferiorità, ma una risorsa per l’individuo e per la società.

L’equivalenza formativa degli ordini di scuola superiore ha trovato una prima applicazione nel

Nuovo Obbligo di Istruzione, in cui i saperi e le competenze, riferiti ai quattro assi culturali dei

linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico e storico-sociale del primo biennio, "assicurano

l’equivalenza formativa di tutti i percorsi".

In tutti i percorsi, pertanto, va garantito l’intreccio fra conoscenza e azione. Equivalenza però

non significa uniformità; proprio la molteplicità delle intelligenze e degli stili cognitivi, insieme alle

richieste articolate della realtà produttiva, impone la differenziazione degli indirizzi di studio: i licei

strutturati su un’elevata densità teorica, con una formazione ad ampio spettro; l’istruzione tecnica

orientata, nell’ambito di un’educazione integrale dell’allievo, maggiormente alla padronanza dei

processi tecnologici, alla gestione della loro complessità e delle loro trasformazioni; l’istruzione

professionale, sempre nell’ambito dello sviluppo delle diverse dimensioni della personalità

dell’allievo, più strettamente finalizzata all’applicazione delle tecnologie in processi produttivi

collocati in contesti economici mutevoli.

L’istruzione tecnica e professionale sono il luogo specifico di costruzione di una nuova alleanza

tra mondo della scuola e mondo del lavoro, tra cultura generale e professione, tra capacità di

astrazione e di concettualizzazione e attitudini pratiche e operative, superando antistorici steccati e

sempre più incomprensibili diffidenze reciproche.

Su queste basi l’obiettivo di coniugare, all’interno di un percorso formativo, lo sviluppo degli

stili percettivi e cognitivi, da una parte, e le capacità operative e pragmatiche, dall’altra, cioè, in

pag. 8

termini generali, cultura e professione, appare tutt’altro che un’utopia. Questa finalità costituisce il

tratto distintivo dell’istruzione tecnica e professionale e la "dote" di partenza sulla quale impostare

la crescita del suo capitale reputazionale; obiettivo questo che esige un processo di trasformazione

culturale difficile ma non impossibile.

Questa acquisizione ha un’enorme portata sul piano scolastico perché mette fine ad una

didattica solo deduttiva che, partendo dalle definizioni e arrivando alle applicazioni, ha avuto un

ruolo privilegiato nella scuola e ha continuato a ostacolare l’adozione di metodi di apprendimentoinsegnamento

strutturati sull’attività degli alunni e sul loro protagonismo individuale e di gruppo.

Una didattica che ha favorito in misura non piccola la passività, la noia quando non l’estraneità

e l’ostilità di molti alunni nei confronti della cultura scolastica. E ciò nonostante che la ricerca

pedagogica avesse da molto tempo sottolineato il ruolo decisivo del coinvolgimento intellettuale ed

emotivo dell’allievo attraverso l’adozione della pratica dei progetti e della ricerca e l’uso dei

laboratori.

Per questo è necessario, anche nella scuola, porre le basi di una "nuova alleanza" tra linguaggi

della mente e del corpo, tra intelligenza cognitiva e intelligenza emotiva, e così cogliere

l’importanza di una didattica basata sull’esperienza, sulla sperimentazione, sulla pratica.

Dalla manodopera si deve passare alle "menti d’opera", perché in tutte le professioni si

richiedono competenze tecniche, capacità relazionali, creatività. La rivoluzione delle tecnologie

dell’informazione e della comunicazione ha incorporato gli automatismi entro i processi

tecnologici; nel contempo, l’aumento di complessità della società, i mutamenti organizzativi e la

crescita di valore dei fattori immateriali - relazioni, significati, forme estetiche - richiedono a ogni

cittadino il possesso di requisiti più ampi che gli consentano di riconoscere i vari aspetti del reale, di

avere coscienza delle proprie abilità, di cooperare con altre persone dotate di differente bagaglio

culturale, di fronteggiare l’incertezza con una disposizione a trovare risposte utili, ma anche a creare

cultura attraverso il lavoro.

Formare le nuove competenze per la cittadinanza e il lavoro

La "strategia di Lisbona" ha identificato nella coesione sociale, nella crescita sostenibile e nella

cittadinanza attiva per il lavoro gli obiettivi prioritari della Comunità Europea a medio termine.

Questi impegni da un lato sono collegati alla promozione dell’apprendimento permanente lungo

tutto l’arco della vita del cittadino europeo, dall’altro spingono alla convergenza i vari sistemi

pag. 9

nazionali di istruzione, del cui quadro fanno parte integrante quelli finalizzati alla preparazione

tecnica e professionale (Vocational Education and Training - VET). Uno degli obiettivi chiave

dell’Unione Europea indicati dall’agenda di Lisbona è infatti quello di far crescere

significativamente il numero di cittadini in possesso di una qualificazione tecnico scientifica

elevata.

In particolare, il processo di internazionalizzazione del sistema educativo europeo intende

fornire una nuova opportunità ai cittadini europei, facilitandone la mobilità e la formazione anche

fuori dal proprio paese di origine. Ciò richiede tuttavia la messa a punto di accordi e strumenti

relativi alle qualifiche, al riconoscimento e trasferimento dei crediti formativi, alla garanzia

reciproca di qualità. Il riferimento condiviso delle qualifiche e dei titoli di studio è costituito dal

"quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente" (European Qualification

Framework - EQF), in corso di adozione con apposita raccomandazione del Parlamento Europeo e

dal Consiglio. Esso costituisce un framework per facilitare il riconoscimento dei titoli e delle

qualifiche in ambito europeo, l’occupabilità, la mobilità e l’integrazione sociale dei lavoratori e dei

discenti. A ciò si aggiunge il nuovo strumento per il riconoscimento dei crediti del cittadino in

formazione o del lavoratore, denominato European Credits for Vocational Education and Training

(ECVET). I paesi dell’Ue sono quindi impegnati a ripensare i propri sistemi formativi, in particolare

quelli di istruzione tecnica e professionale, in modo coerente con tali dispositivi comunitari.

A fronte di questo scenario, anche l’Italia ha necessità di rilanciare fortemente gli studi tecnici e

professionali per poter reggere adeguatamente la sfida internazionale dell’innovazione e della

competitività. Tale sfida non può essere affrontata infatti attraverso un processo di licealizzazione

della scuola secondaria, ma attraverso una reale diversificazione dei percorsi e delle opportunità di

apprendimento che sappiano catturare l’interesse e la motivazione di tutti i giovani.

Sul versante economico europeo in questi anni si è delineata una politica industriale che ha

ritenuto di individuare campioni europei e piattaforme di eccellenza degni di attenzione e di

valorizzazione prioritaria. Ciò porterà inesorabilmente a definire quali sono le aree tecnologiche in

cui l’Europa si vuole concentrare per eccellere e dove saranno allocati i relativi centri di eccellenza.

Nel fare ciò sarà giocoforza tenere conto delle capacità/competenze esistenti: è quindi chiaro il

pericolo che, in una attribuzione di ruoli e di responsabilità, l’Italia corra il serio rischio di vedersi

confinata alla difesa di qualche fascia del "Made in Italy" senza poter ambire, se non ad un ruolo di

leadership, almeno a quello di comprimario in alcuni dei settori tecnologicamente avanzati.

pag. 10

Sul versante organizzativo occorre rammentare che il successo o la crisi delle aziende, specie

quelle ad alta tecnologia, sono determinati in larga misura dalla capacità di marketing, sviluppo

prodotto, produzione e gestione, competenze che si fondano e si costruiscono attraverso tutto il

processo formativo scolastico ed in particolare in quello medio-superiore. Per questi motivi recenti

provvedimenti governativi hanno incorporato azioni a sostegno dello sviluppo industriale con quelli

a sostegno della formazione tecnico-professionale e della valorizzazione della filiera tecnicoscientifica.

In termini più specifici si richiede ai giovani che entrano nel mercato del lavoro una serie di

competenze fondamentali, che integrino conoscenze, abilità e qualità personali. Tali competenze si

acquisiscono mobilitando le persone ad assumere fin da giovani compiti e responsabilità concreti in

azione, non solo ad apprendere in contesti formali. Tra le competenze da acquisire, si possono

ricordare in particolare:

la conoscenza delle discipline scientifiche e tecniche, sia di base sia specialistiche, che sono

a fondamento delle attività relative all’indirizzo prescelto, senza tuttavia spingere oltre

misura e moltiplicare le specializzazioni; la rapidissima evoluzione delle tecnologie e la

necessità di eccellenza di competenze nello svolgimento delle attività assegnate richiedono

piuttosto una forte capacità di apprendimento e di aggiornamento continuo, nella prospettiva

dell’educazione lungo tutto l’arco della vita;

 

la padronanza della lingua italiana e la capacità di produzione, soprattutto scritta;

la conoscenza fluente della lingua inglese, parlata e scritta, e possibilmente di un’altra lingua

straniera, almeno letta e parlata;

 

la padronanza degli strumenti informatici, con la capacità di impiegare con disinvoltura i

pacchetti software disponibili sul mercato;

la capacità di progettare e realizzare prodotti, anche immateriali, destinati al mercato;

 

la mentalità e la capacità di operare in gruppi anche multidisciplinari a diversi livelli e ruoli

di responsabilità;

 

l’attitudine a lavorare "per obiettivi" e un orientamento alla "cultura del risultato",

imparando a rispettare determinati standard prestazionali, temporali ed economici,

verificando e rispondendo in prima persona del proprio operato, secondo criteri di etica e

deontologia professionale.

Il sistema formativo tecnico e professionale deve saper preparare le basi di tutte queste

competenze, in un rapporto stretto con il mondo del lavoro. Nel fare ciò tuttavia il nostro paese ha

pag. 11

di fronte a sé quattro nodi cruciali da sciogliere: il recupero di una forte cultura scientifica e

tecnologica; una più forte valorizzazione del lavoro in chiave di capitale umano e sociale; una

adeguata differenziazione e insieme integrazione dei percorsi formativi più direttamente orientati

all’entrata nella vita attiva; un rafforzamento delle iniziative di formazione continua.

Del recupero della cultura tecnico-scientifica si è già trattato precedentemente. Per quanto

riguarda la valorizzazione della cultura del lavoro, bisogna ricordare che essa costituisce uno dei

principali veicoli di reputazione dell’istruzione tecnica e professionale; ma vale anche l’inverso:

l’istruzione tecnica e professionale, per quanto è in grado di assumere il lavoro come costitutivo di

un proprio orizzonte di significati, diventa veicolo di una formazione al lavoro inteso come

espressione delle persone e fonte di relazioni di senso. Di qui il richiamo alla valenza etica dei

rapporti di lavoro che fa da riferimento al grande tema della "responsabilità sociale d’impresa". Il

lavoro è infatti anche parte costitutiva dei processi formativi: ci si forma al lavoro (ma non solo),

anche attraverso di esso, all’interno di relazioni più forti e sistematiche con il mondo delle imprese

e del lavoro, di cui viene sempre più assunta oggi la autonoma capacità formativa.

E’ anche decisiva la qualità dell’ambiente di apprendimento che deve porsi come un sistema

integrato di opportunità, con molte possibilità di passaggi e di capitalizzazioni progressive in

funzione di uno sviluppo culturale e professionale a carattere permanente.

Infine gli istituti tecnici e professionali contribuiscono anche ad innalzare i livelli culturali e

professionali degli adulti occupati, ponendosi come istituzioni a sostegno dello sviluppo della

formazione continua dei lavoratori, nel quadro dell’apprendimento permanente.

 

Una scuola di grandi tradizioni verso una nuova identità

Le espressioni scuola "tecnica" e "professionale" sono reciprocamente interdipendenti entro una

prospettiva culturale ampia; se l’aggettivo "tecnica" indica la dotazione da parte della persona di

strumenti che gli consentano di rendere più umana la realtà e nel contempo confacente ai propri

bisogni di realizzazione, l’aggettivo "professionale" indica la declinazione settoriale di tali

competenze tecniche, declinazione che consente di presidiare in modo consapevole e responsabile

ruoli sociali e lavorativi significativi, volti al bene della società.

Storicamente l’istruzione tecnica è nata alla fine dell’Ottocento. L’istruzione professionale è

nata negli anni cinquanta del secolo scorso, forzando una norma del 1939 che consentiva di istituire

"scuole aventi finalità ed ordinamento speciale" nell’ambito dell’istruzione tecnica, con corsi

pag. 12

inizialmente biennali e poi triennali. Quindi, inizialmente essa è stata realizzata come sottosistema

dell’istruzione tecnica e frequentata spesso sia dagli allievi senza troppe possibilità economiche, sia

da quelli scolasticamente più deboli. Tuttavia la dinamica economica del dopoguerra richiedeva

prestazioni professionali sempre più ricche, fino a determinare lo sviluppo di una istruzione

professionale che poneva sul mercato giovani preparati per un inserimento professionale, mentre

l’istruzione tecnica sviluppava conoscenze e competenze che consentivano il proseguimento degli

studi in ambito universitario.

Pur evidenziandone le differenze, va tuttavia sottolineato il fatto che le storie degli Istituti

Tecnici e Professionali di Stato nascono entrambe dalla volontà di "costruire" partendo dall’ambito

in cui si è inseriti: la conoscenza del territorio, il bisogno espresso dalle aziende e dal mercato del

lavoro, coniugato con l’esigenza di trasmettere la tradizione e la cultura delle professioni. Lo

sviluppo locale, nella forma delle piccole e medie imprese e dei distretti produttivi deve molto agli

istituti tecnici e professionali che hanno rappresentato spesso uno dei perni di questo sviluppo,

preparando quadri, ma anche tanti piccoli imprenditori, facendosi custodi del patrimonio cognitivo e

organizzativo del territorio e consentendo la trasmissione dei saperi professionali, rendendo formali

e suscettibili di trasmissione i saperi nati in modo contestuale e informale. Perciò le imprese

sottolineano in modo ricorrente il loro interesse alla salvaguardia e alla valorizzazione di questo

settore di studi.

L’iscrizione della grande maggioranza dei ragazzi alla secondaria superiore ha trasformato poi

questi istituti in canali di autentica scolarizzazione di massa finalizzata all’inserimento

occupazionale. Nonostante ciò, i percorsi tecnico-professionali risultano spesso, negli ultimi anni,

meno attrattivi per gli studenti. Le ragioni di questa situazione sono molteplici e collegate ad una

percezione diffusa, ma in parte distorta, basata ad esempio su: la mancanza del riconoscimento del

ruolo reale che l’istruzione tecnica e professionale ha avuto nello sviluppo sociale ed economico del

paese; il maggiore prestigio attribuito nell’immaginario collettivo al liceo; la carenza di adeguate

azioni di orientamento e di servizi in grado di accompagnare l’allievo nel riconoscere la propria

"vocazione"; la non attualità di molti indirizzi scolastici rispetto alle reali richieste del mondo del

lavoro; il minore prestigio sociale di molte professioni tecniche e artigianali.

Una moderna istruzione tecnica e professionale deve essere parte di un sistema complessivo di

offerta formativa di percorsi professionalizzanti propri del secondo ciclo di studi, collocati entro un

quadro organico e nel contempo poliforme e pluralistico, mirante a fornire ai giovani occasioni di

crescita personale, civica e professionale centrate sulla percorribilità da parte dei giovani destinatari

pag. 13

e sul riconoscimento di ogni apprendimento comunque acquisito, in modo formale, informale e non

formale. Per questo il sistema di offerta deve fondarsi sulla valorizzazione delle culture del lavoro

come occasioni di apprendimento mediante una metodologia attiva, coinvolgente, centrata su

compiti e problemi, interdisciplinare, tramite le quali i giovani possano entrare in un rapporto

personale con la cultura.

Gli istituti tecnici e professionali come scuole dell’innovazione

In tale contesto si percepisce l’attualità della Costituzione della Repubblica, fondata sul lavoro

che, mentre stabilisce quali compiti della Repubblica l’istruzione di tutti i cittadini, la formazione

professionale dei lavoratori e la tutela del lavoro, afferma il diritto-dovere al lavoro e lo connette

strettamente ai diritti di cittadinanza, indicando come fondamentale per la società "l’effettiva

partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese".

Il pieno sviluppo della persona, con la rimozione degli ostacoli che ne bloccano la crescita, è la

finalità centrale del dettato costituzionale: una persona integrata nel tessuto sociale, consapevole dei

propri diritti e dei propri doveri, che nello studio e nel lavoro attua la propria realizzazione e

insieme la crescita dell’intera società.

La formazione di cittadini attivi e responsabili nell’ambito tecnico e scientifico richiede però la

riflessione sul significato umano e sociale della scienza e della tecnica. E’ una riflessione etica ed

epistemologica richiesta da una crescita delle scoperte e delle loro applicazioni che ha prodotto,

insieme a grandi miglioramenti nella vita delle persone, preoccupanti fenomeni di degrado

ambientale, di manipolazione della vita, di rischi per la sopravvivenza della specie.

E’ uno dei compiti della scuola in questo momento storico l’educazione ad un atteggiamento di

responsabilità nell’uso delle scoperte scientifiche e della tecnologia, sviluppando la consapevolezza

della necessità di uno sviluppo equilibrato e sostenibile, che garantisca i "beni comuni" e sia a

vantaggio di tutti gli abitanti di un pianeta sempre più interdipendente.

Il metodo scientifico e il sapere tecnologico, se correttamente applicati, hanno inoltre una

grande valenza formativa perché abituano al rigore, all’onestà intellettuale, alla libertà di pensiero,

alla creatività, alla collaborazione. Tutti valori fondamentali per la costruzione di una società aperta

e democratica. Valori che, insieme ai principi ispiratori della Costituzione, stanno alla base della

convivenza civile: l’eguaglianza, la libertà, il rispetto dell’altro, la tolleranza, la democrazia, la

pace, la solidarietà.

pag. 14

Proprio la riflessione critica sulla scienza, sul suo potere e sui suoi limiti, richiede che

l’istruzione tecnica e professionale affronti le tematiche attualmente più urgenti e si proietti nel

futuro, fornendo quella formazione completa che risponde alla domanda delle famiglie e degli stessi

alunni.

Gli Istituti Tecnici e Professionali, al pari dei licei anche se in modo diverso, preparano i

giovani a misurarsi con i rapidi cambiamenti della tecnologia e con i continui e radicali mutamenti

delle modalità di lavoro, dei mercati, in un contesto mondiale sempre più imprevedibile e

interconnesso con i contesti locali. Essi hanno davanti a sé la grande sfida e la grande opportunità di

diventare le "scuole dell’innovazione" che preparano i giovani alla cultura dell’innovazione; una

cultura che informa oggi il cambiamento in tutte le sue declinazioni: tecnologiche, gestionali,

organizzative, culturali. Istituti per l’innovazione quindi, con studenti destinati a diventare "persone

d’innovazione", ovvero persone che "hanno il futuro nel sangue".

 

 

 

3. VALORIZZARE GLI ATTORI DELLA SCUOLA DELL’INNOVAZIONE

I giovani come protagonisti del proprio futuro

 

Al centro dell’offerta formativa vi devono essere i giovani e la fiducia nei giovani. Essi se da un

lato possono apparire scarsamente motivati allo studio sistematico e processuale e attratti dalle

sensazioni immediate e dal consumo vorticoso di esperienze e di relazioni, nel contempo si

dimostrano alla ricerca di stabilità e di appartenenza. Cresciuti nell’epoca dell’apparenza e

dell’incertezza, sono pronti ad accogliere proposte educative che stimolino la loro curiosità e li

coinvolgano, facendo appello alla loro sensibilità, apertura mentale, socialità, ma tendono a rifiutare

una proposta di istruzione di natura impersonale, che insista su un sapere astratto ed inerte,

rigidamente strutturato per discipline e per sequenze di lezioni e prestazioni didattiche.

L’universo giovanile è attraversato da una grande differenziazione di stili cognitivi,

motivazioni, livelli di apprendimento, lingue, identità personali, in un politeismo dei valori,

generato anche dal superamento delle ideologie e dalla crescita del pluralismo culturale. Per

integrare in una visione sistemica questa cultura del frammento, la scuola deve offrire proposte

interessanti e anche attraenti che rispondano alla domanda di senso dei giovani, trasmettendo saperi

e competenze, ma anche aiutandoli a costruire progetti personali di vita e di lavoro coerenti con le

loro attese.

pag. 15

Le diverse culture che oggi si incontrano nella scuola sono ancora più presenti nell’istruzione

tecnica e soprattutto in quella professionale, dove confluisce la maggior parte dei giovani di origine

straniera: ma queste differenze, interpretate alla luce della pari dignità delle culture e della loro

complementarietà, possono diventare occasioni di crescita per tutti.

Ciò comporta che, a fronte di una pluralità di modi di acquisizione di saperi e competenze, in

base alle caratteristiche personali, sia necessario diversificare i percorsi formativi, garantendo una

loro sostanziale equivalenza. Il processo di personalizzazione permette di tenere conto della

pluralità dei fattori in gioco, introducendo l’idea che ogni studente ha propri tempi e modalità di

apprendimento, oltre che attitudini personali e propensioni da sviluppare e potenziare.

Il ruolo della famiglia in questo senso resta centrale nella formazione dei giovani, e non solo

perché è in essa che matura, per lo più, la scelta, del percorso di studi, ma perché è al suo interno

che si determinano gli atteggiamenti verso il lavoro e le decisioni sul futuro professionale e sulla

vita, sia pure modificata dalle suggestioni del gruppo dei pari e dei mezzi di comunicazione di

massa.

La famiglia, perciò, non può sottrarsi al proprio compito formativo, ma la scuola non deve

sottovalutare la sua funzione e la sua responsabilità nel processo educativo. La collaborazione tra

scuola e famiglia trova fondamento nel patto formativo che, se col crescere dell’età vede sempre più

protagonista il giovane, deve continuare a considerare i genitori un interlocutore importante.

La scuola, inoltre, non può non continuare a potenziare le nuove tecnologie dell’informazione e

della comunicazione, utilizzate in modo interattivo dai giovani in famiglia e negli ambienti di

socializzazione. Tali tecnologie possono, infatti, offrire un contributo formidabile ad una didattica

strutturata come un’impresa comune, e valorizzare la dimensione relazionale come dimensione

costitutiva, essenziale dell’apprendimento.

La scelta dell’istruzione tecnica e professionale da parte dei giovani è condizionata non solo

dalle condizioni socioeconomiche della famiglia ma anche dall’immagine del lavoro e della tecnica

che viene loro trasmessa a partire dalla scuola primaria.

Una parte dei giovani è attratta dalla concretezza degli insegnamenti, dall’esistenza dei

laboratori, dall’alternanza scuola-lavoro, dalle attività interdisciplinari e di progetto, perché prova il

bisogno di uscire dalla pura astrattezza di saperi disciplinari di cui non si avverte il riferimento alla

realtà e quindi il senso e l’utilità. Questi giovani si aspettano che gli istituti tecnici e professionali

pag. 16

siano un’occasione per avvicinare la cultura così come questa prende forma e sostanza nella vita

reale, oltre che una via per entrare nel mercato del lavoro: cercano una "scuola dell’innovazione"

con un’offerta formativa aggiornata nei contenuti e nei metodi.

L’attrattiva di un apprendimento che si presenta come "utile", collegato all’operatività, è

maggiore per i ragazzi che dimostrano minore attitudine allo studio teorico o che desiderano un

rapido inserimento lavorativo, ma poiché fino ad oggi l’istruzione tecnica e professionale ha

modificato solo in misura ridotta i propri metodi di insegnamento, ne è conseguito quel forte

aumento della dispersione che ne danneggia l’immagine. La soluzione del problema della selezione

e degli abbandoni sta fondamentalmente in un radicale rinnovamento della didattica, che implica sul

piano strutturale una diversificazione dei percorsi. Più che in altri ambiti scolastici si richiede ai

docenti la consapevolezza che in questi istituti si gioca una grande questione democratica: la

rimozione o almeno il contrasto di quelle disuguaglianze in entrata le quali, se non si riesce a

rimotivare gli allievi, finiscono per bloccare ogni processo di emancipazione e di mobilità sociale.

La scuola può svolgere appieno il suo compito se si presenta come una comunità accogliente ed

esperta, fondata su un patto educativo; una comunità che aiuta i giovani all’esercizio della

cittadinanza attiva e responsabile, all’esperienza del metodo democratico, al rispetto della legalità,

al valore della gratuità e del dono nelle relazioni personali, all’importanza del bene comune.

Però questi riferimenti etici non diventano prassi coerente se nella scuola manca un’anima, una

comune ispirazione, una prospettiva, una passione che coinvolge allievi e docenti nel gusto della

scoperta, della ricerca, nella costruzione del sapere, nella soddisfazione di creare qualcosa di nuovo,

di proprio, di distintivo; qualcosa che dia significato alla propria storia, alle proprie scelte, ad un

progetto di una società più giusta e solidale. Se Martin Luther King disse "I have a dream" e non,

invece, "Ho un piano quinquennale", evidentemente un motivo c’è: gli uomini hanno bisogno di

condividere un sogno per dare il meglio di se stessi, devono poter immaginare in modo discontinuo

ciò che potrebbe realizzarsi. Oggi, in un mondo sempre più complesso e in continua trasformazione,

l’immaginazione è il valore aggiunto per quanti vogliono creare qualcosa di nuovo sul piano

economico, formativo, politico, religioso e culturale. Per gli uomini e per le organizzazioni il futuro

appartiene a chi sa immaginarlo.

pag. 17 

 

Gli insegnanti come interpreti del cambiamento

Il docente nell’istruzione tecnica e professionale, più che in altri percorsi di studio, svolge una

funzione non di mera trasmissione del sapere ma di accompagnamento, di guida, di organizzazione

dell’apprendimento. E’ un ruolo che molti docenti già stanno sperimentando, ma che richiede un

sostegno da parte del sistema e una più estesa diffusione, oltre ad una formazione nella fase iniziale,

di un aggiornamento continuo in itinere, come condizione imprescindibile di ogni riorganizzazione

e rilancio dell’istruzione superiore. Senza il consenso dei docenti non ci sarà non solo l’adozione di

metodologie aggiornate ed efficaci, ma nemmeno il passaggio da una scuola dell’insegnamento ad

una scuola dell’apprendimento centrata sugli studenti; da una trasmissione delle nozioni ad una

formazione per competenze: una formazione finalizzata a mettere in grado chi apprende di

utilizzare "in situazione" le proprie conoscenze e attitudini, trasformando il reale secondo un

obiettivo prefissato. E’ compito del docente individuare situazioni concrete in cui il soggetto che

apprende entra in relazione "vitale" con la teoria da apprendere.

Attraverso l’esperienza, i ragazzi mobilitano le proprie capacità e vedono il sapere come un

oggetto sensibile, una realtà ad un tempo simbolica, affettiva, pratica ed esplicativa. Nel procedere

secondo questo metodo, il docente diviene, oltre che un esperto di una particolare area disciplinare,

anche il "mediatore" di un sapere che "prende vita" nel rapporto con la realtà, come risorsa per

risolvere problemi ed in definitiva per vivere bene. Questo scoperta personale del sapere richiede

che gli insegnanti sappiano interpretare il vissuto degli allievi, le loro attese e le loro difficoltà, così

da favorire in essi il rapportarsi alla scuola con uno spirito amichevole e curioso e il condividere

con gli altri questa esperienza, acquisendo una cultura effettivamente personale.

In questo processo di apprendimento attivo gioca un ruolo fondamentale la valutazione, che

supporta ogni ragazzo informandolo sull’evoluzione del suo percorso formativo, individuando le

cause dei risultati negativi, per arrivare a motivarlo e a responsabilizzarlo, assegnandogli compiti

adeguati alle sue possibilità, ma anche riconoscendo e valorizzando gli esiti positivi per far crescere

in una "pedagogia del successo" quella fiducia in se stesso, quella autostima che sono indispensabili

per riuscire meglio nei compiti successivi.

La relazione fra insegnante e alunno è il punto centrale e insostituibile del processo educativo

che avviene nella scuola, e dalla sua qualità nasce anche la capacità di conferire valore, senso al

sapere tecnico e scientifico, di motivare gli alunni alla fatica dell’approfondimento, alla creazione di

eventi e al raggiungimento di risultati, ma va sottolineato che essa non può fare a meno della

competenza tecnica e metodologica. Però l’azione del singolo docente può esprimere tutte le sue

pag. 18

potenzialità positive solo se gli Istituti scolastici, utilizzando appieno le funzioni attribuite dalle

norme sull’autonomia scolastica, adottano le misure organizzative concernenti gli orari, i curricoli,

l’articolazione dei gruppi e delle classi, misure che possono incrementare la ricerca e la

sperimentazione metodologica, la progettazione collegiale dei docenti e il monitoraggio delle

attività didattiche.

Qualità ed efficacia dell’azione educativa sono però legate anche all’intervento di altri attori, in

primo luogo i dirigenti scolastici, cui spetta, oltre alla gestione dell’esistente, più che in altre

tipologie di scuole, anche il compito di sostenere il corpo docente a tenere il passo con la realtà

produttiva, l’innovazione tecnologica e le nuove professioni. Soprattutto da loro dipende

l’orientamento della scuola verso il miglioramento continuo dell’offerta formativa, attraverso

processi di valutazione e di autovalutazione, e la sua rispondenza alle richieste dei giovani e della

società.

Ma, insieme alle altre figure professionali che operano nella scuola, agli stessi tecnici di

laboratorio spetta un ruolo decisivo nell’innovazione e nel trasmettere ai giovani l’orgoglio di un

efficiente svolgimento del proprio lavoro e la consapevolezza del valore della cultura e della

competenza tecnica. Dalla collaborazione fra tutte queste componenti dipende la creazione nelle

scuole di un clima costruttivo che favorisca la crescita culturale ed umana degli studenti.

Sfruttando le possibilità offerte dall’autonomia, la comunità di apprendimento che si crea nella

scuola può realizzare, attraverso l’attività progettuale dei docenti, quei profondi cambiamenti nelle

modalità di insegnamento che sono indispensabili per realizzare le finalità di questi indirizzi di

istruzione.

L’interazione tra scuola, impresa e territorio

Accanto alla scuola, e tenendo conto dello spazio occupato da vecchi e nuovi media, giocano un

ruolo importante nell’apprendimento in tutte le fasi della vita quelli che si usa definire stakeholders:

l’impresa, il territorio, i soggetti economico-sociali, le comunità professionali, gli enti locali. La

convergenza nell’azione, o ancor meglio l’alleanza fra di essi, rendono più efficace la formazione

scolastica, offrendo occasioni reali di crescita: ciò è vero in modo particolare nell’istruzione tecnica

e professionale, che nel rapporto con la realtà territoriale trova le ragioni della sua stessa esistenza.

Il rapporto con i soggetti economico-sociali, le imprese e le comunità professionali, si sviluppa

in primo luogo in un confronto sulla determinazione degli indirizzi e dei curricoli. La

pag. 19

collaborazione nelle singole scuole si sviluppa nella progettazione delle attività didattiche, negli

stages e nell’alternanza studio-lavoro. Queste attività permettono agli istituti tecnici e ancor più agli

istituti professionali di realizzare occasioni di applicazione delle conoscenze tecnologiche apprese e

nuovi apprendimenti di carattere operativo e organizzativo. I luoghi di lavoro sono contesti

cognitivi, sedi di relazioni sociali fondamentali per fornire agli allievi conoscenze aggiornate

sull’organizzazione del lavoro, sulla cultura d’impresa, sui mercati di riferimento, sulle norme che

regolano i contratti e il lavoro. L’informazione sulla domanda da parte del mondo del lavoro e delle

professioni, infine, è un elemento determinante per la scelta: non è irrilevante la considerazione che

in molte parti del paese e per alcuni indirizzi la domanda di diplomati superi di circa il 30%

l’offerta, consentendo di trovare più rapidamente lavoro.

Condizione necessaria per il concretizzarsi di una collaborazione proficua fra scuola e impresa è

l’assunzione di responsabilità di entrambe le parti: la scuola, svolgendo appieno il proprio compito

di formazione in ambito scolastico, l’impresa dimostrando nei fatti la propria capacità sia di porsi

come luogo di apprendimento sia di saper utilizzare le competenze acquisite dai diplomati e di

inserirle nel quadro di un autentico sviluppo socio-economico dei territori.

L’istruzione tecnica e professionale, infatti, non può non essere innervata al territorio in cui

opera, aderente alle esigenze produttive della comunità locale e in collegamento con i distretti

tecnologici o industriali ubicati nel territorio. I territori con le loro specificità, la ricchezza della loro

storia e delle loro tradizioni, col loro tessuto commerciale, artigianale e industriale, vanno

interpretati e valorizzati nel loro potenziale formativo e conferiscono valore e significato alla

gestione autonoma dei singoli istituti, permettendo loro di costruire un’offerta formativa che

coniuga il locale col globale, il territorio con la nazione e con il mondo. L’istruzione tecnica e

professionale va gestita secondo una logica di “governance” in forza della quale tutti i soggetti -

istituzionali, formativi, economici, sociali - sono coinvolti nelle loro prerogative e potenzialità in

una prospettiva di rete paritaria e cooperativa e strutturano un vero “sistema” formativo. Molto

importante è il ruolo che le regioni e gli enti locali possono svolgere al riguardo.

L’uso della rete, che sul piano planetario vede l’interazione di milioni di soggetti - interconnessi

tramite e-mail, condivisione di documenti, blog, telefonia a basso costo, comunità e chat – che

usano Internet come piattaforma globale di scambio, ha creato nei giovani, la consapevolezza

dell’“intelligenza distribuita”, come risultato di una cooperazione spontanea e non comandata, con

la “creazione di un’intelligenza connettiva” in cui ogni singolo individuo o gruppo mantiene la

propria identità. In tale contesto, ogni individuo è oggi nelle condizioni di partecipare

pag. 20

all’innovazione e di creare ricchezza in tutti i settori dell’economia. In tal modo la nozione di

territorio si va enormemente dilatando.

Nella società della conoscenza globalizzata, e in continua trasformazione, la condizione per

sopravvivere è mantenersi all’interno di un processo di apprendimento continuo, in cui diviene

labile il confine fra ambiente di lavoro e istituzioni formative; il passaggio dalle une alle altre va

facilitato e reso fluido: la capacità autonoma di apprendimento diviene essenziale non solo per il

sistema economico, ma per evitare i rischi di marginalizzazione che soprattutto i gruppi più deboli

corrono quando le competenze professionali diventano obsolete. La formazione continua è dunque

uno strumento di tutela, oltre che occasione di mobilità verticale, ma a patto che valorizzi tutte le

occasioni e le agenzie di apprendimento presenti nel territorio.

In questa prospettiva il ruolo della scuola non viene sminuito, semmai esaltato, perché al suo

interno si pongono le basi consociative e metodologiche per i personali percorsi formativi che

verranno poi arricchiti e modificati nei contesti dove l’individuo opera e lavora, se si riesce a

garantire agli studenti un plafond di conoscenze che formano il linguaggio comune che permette la

comunicazione e la collaborazione fra persone di generi, generazioni, ambienti e culture diverse.

 

 

 

4. RIDISEGNARE I PERCORSI DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

Criteri generali per il riordino

Gli Istituti Tecnici e Professionali si configurano come un comparto dell’offerta formativa

pubblica; al suo interno prendono forma percorsi della Istruzione Tecnica e percorsi dell’Istruzione

Professionale, ciascuno con le proprie specificità.

Il confronto europeo evidenzia come nella maggioranza dei paesi Ue si tenda a costruire un

sistema di istruzione tecnica e professionale organico e non così frammentato come nel caso

italiano. La tendenza europea è infatti quella di incoraggiare il proseguimento della formazione, a

livello superiore o nella formazione continua, collegato alla possibilità di aggiornamento,

specializzazione e ulteriore qualificazione, secondo la prospettiva del “lifelong learning”.

Ciò comporta la necessità di evitare al massimo la duplicazione inutile di offerte e percorsi

formativi. Da qui l’esigenza di rivedere anche nel nostro paese i percorsi formativi e di definire,

pag. 21

nell’ambito dell’attuale ordinamento, una maggiore distinzione fra i livelli e le varie tipologie di

percorsi formativi, che devono avere ognuna una specifica finalità.

Tale distinzione prevede: percorsi finalizzati all’acquisizione di un diploma tecnico di livello

secondario superiore a valenza nazionale, aperti alla prosecuzione nella formazione terziaria anche

per l’accesso ad albi professionali; percorsi professionalizzanti terminali che mirano all’inserimento

diretto nel mondo del lavoro e delle professioni. Secondo gli indirizzi dell’Ue i percorsi di durata

quinquennale (corrispondenti in linea di massima al livello 4 della classificazione EQF), possono

essere resi compatibili con uscite intermedie (soprattutto per gli IP) - ai fini del conseguimento di

qualifiche e diplomi - nei sistemi di formazione professionale regionali, anche nell’esercizio

dell’apprendistato.

I possibili criteri specifici di differenziazione tra i due tipi di percorso possono essere individuati

più precisamente a livello di finalità, profili degli indirizzi, sbocchi prevalenti post-diploma,

struttura curricolare, contenuti e metodologia formativa.

Per quanto riguarda la loro finalità, gli istituti tecnici – come vedremo più oltre – hanno

l’obiettivo di far acquisire una padronanza dei quadri scientifici di riferimento e dello sviluppo delle

tecnologie, mentre gli istituti professionali dovrebbero focalizzarsi sulle dimensioni applicative e

contestualizzate delle tecnologie. In sostanza, ipotizziamo che la differenza stia nella diversa natura

sia della complessità delle funzioni da assumere in uscita sul mercato del lavoro, sia del rapporto

con il mercato. Ad esempio si può convenire che il diplomato degli istituti tecnici sia in grado di

presidiare alcuni processi produttivi generali, interpretabili dal lato dell’offerta di mercato di

prodotti e servizi, e coordinandone gli aspetti tecnologici e/o gestionali; mentre il diplomato degli

istituti professionali sappia meglio presidiare il lato della domanda attraverso l’applicazione delle

tecnologie a processi specifici, padroneggiandone soprattutto gli aspetti di relazione con il contesto

territoriale.

Per quanto riguarda gli indirizzi la situazione appare più complessa. Non basta infatti un

riferimento ai profili professionali in uscita, ma bisogna tener conto sia delle filiere professionali,

sia del fatto che alcune competenze sono spendibili in molti settori, mentre altre sono molto più

specialistiche. Si tratta di un passaggio delicato per assicurare la rispondenza dei singoli percorsi

alle domande e ai fabbisogni delle diverse realtà del mondo del lavoro e, quindi, il collegamento

con le specifiche realtà produttive del territorio. Si potrebbe allora individuare come variabili

discriminanti per gli IT le tecnologie e le tecniche, per gli IP invece i settori e i contesti. Andranno

pag. 22

poi identificati gli indirizzi, le cui caratteristiche principali dovrebbero rispondere ai criteri di

gradualità e flessibilità attesi dal mondo del lavoro e richiesti dai giovani.

Visto che la quota prevalente degli studenti che frequentano gli istituti tecnici prosegue gli studi

all’Università, i percorsi degli IT dovrebbero considerare anche l’orientamento all’Università,

mentre altre specificazioni riferibili agli attuali indirizzi potranno essere spostate nei Istituti Tecnici

Superiori o nei percorsi IFTS. Per quanto concerne gli IP conviene pensare ad indirizzi di valenza

nazionale, che abbiano una flessibilità tale da collegarli strutturalmente con le esigenze dei contesti

locali. La costituzione su base territoriale dei poli tecnico-professionali rappresenta da questo punto

di vista un’ulteriore opportunità di razionalizzazione dell’offerta formativa tecnica e professionale.

Per quanto riguarda la struttura curricolare, è opportuno ipotizzare un impianto flessibile, ma

riconducibile ad uno schema in cui - ferma restando la caratterizzazione delle macroaree tecniche e

professionali fin dall’inizio del quinquennio - il primo e secondo anno siano caratterizzati da

traguardi di competenza comuni a tutti i percorsi, con differenziazioni progressive per ambiti e

indirizzi. Il sistema di offerta dovrà essere regolato da un insieme di traguardi formativi, articolati in

competenze, abilità/capacità e conoscenze, secondo il modello già sviluppato per il nuovo obbligo

di istruzione. Tali riferimenti mirano alla riconoscibilità e comparabilità degli apprendimenti (in

termini i risultati di apprendimento), a garanzia degli studenti e degli altri beneficiari interessati

(imprese, famiglie, …). Essi costituiscono anche il parametro di riferimento per la valutazione degli

apprendimenti e si articolano secondo gli assi culturali comuni (dei linguaggi, matematico,

scientifico-tecnologico, storico-sociale) e specifici. In termini di autonomia didattica è opportuno –

a partire dall’attuale quota nel primo e secondo anno del 20% del monte ore - prevedere negli anni

successivi una quota crescente secondo criteri generali che assicurino la certificabilità di omogenei

risultati di apprendimento degli studenti a conclusione del quinquennio in ambito nazionale. I

maggiori spazi di autonomia consentiranno di articolare progressivamente gli indirizzi per

corrispondere ai fabbisogni formativi del mondo del lavoro e del territorio.

Per quanto riguarda gli aspetti metodologici e la progettazione didattica, pur orientata

sinergicamente a formare le competenze chiave irrinunciabili e a favorire situazioni di

apprendimento autenticamente personali, è opportuno stabilire per gli IT e gli IP modalità e tempi

diversi nel monte ore di teoria, nell’utilizzo dei laboratori e nello stage. In particolare gli IP

privilegeranno fin dai primi anni formule didattiche in grado di favorire lo sviluppo di processi di

apprendimento attivi, centrati sull’esperienza e sulla pratica di laboratorio.

pag. 23

La nuova missione formativa e culturale dell’istruzione tecnica e professionale

Nel definire la missione della istruzione tecnica e professionale occorre considerare sia

l’ispirazione comune che gli aspetti peculiari. Istruzione tecnica ed istruzione professionale

dovrebbero condividere un quadro educativo, culturale e professionale che mira a formare i cittadini

della società della conoscenza, con un’offerta formativa che valorizza la cultura del lavoro e delle

professioni.

Il modello formativo, in cui formazione scientifico-tecnologica, consapevolezza dei contesti

sociali e culturali, capacità relazionali e comunicative costituiscono un insieme sinergico, dovrebbe

combinare respiro culturale e adattamento al contesto produttivo. La centralità di chi apprende

comporta poi il riconoscimento di tutti gli apprendimenti, comunque acquisiti, e la possibilità di

passaggio da un percorso all’altro sulla base di un sistema di crediti formativi, anche per recuperare

eventuali scelte poco consapevoli. Per questo l’offerta formativa deve seguire una logica di

personalizzazione e prevedere percorsi strutturati, ma anche progetti ad hoc, sopratutto in vista della

prevenzione e del contrasto dei fenomeni di dispersione e di emarginazione.

In termini generali, l’offerta formativa dovrà essere organizzata per macro aree tecniche

professionali a largo spettro sin dall’inizio del quinquennio e per indirizzi progressivi miranti a

figure professionali tendenzialmente polivalenti, finalizzate all’acquisizione di livelli sempre più

alti di padronanza, coerenti con le esigenze del mondo del lavoro e delle professioni.

Sul piano del processo didattico, gli studenti saranno portati a consolidare e innalzare

progressivamente le competenze chiave per l’apprendimento permanente attraverso lo studio

individuale, il dialogo e il confronto con gli altri, l’elaborazione di saperi condivisi, la riflessione

sull’esperienza, la valorizzazione della loro personale creatività. Il tutto in relazione alle finalità

generali del secondo ciclo e all’equivalenza di tutti i percorsi che lo caratterizzano ai fini della

crescita educativa, culturale e professionale, dello sviluppo della loro autonoma capacità di giudizio

e dell’esercizio della responsabilità personale e sociale.

I giovani, al termine dei percorsi degli istituti tecnici e degli istituti professionali, dovrebbero

poter acquisire una più approfondita conoscenza di sé, una maggiore capacità di relazione con gli

altri e di orientamento nelle scelte successive per lo studio e per il lavoro attraverso la maturazione

di solide competenze linguistiche, matematiche, scientifiche-tecnologiche e storico-sociali. Queste

acquisizioni corrispondono agli assi culturali comuni di base messi in evidenza dalle intese e dagli

pag. 24

accordi raggiunti negli ultimi anni in sede di Conferenza Unificata Stato Regioni e autonomie

locali, secondo le indicazione della Ue.

Gli assi culturali specifici di ciascun indirizzo risultano invece dall’articolazione dei saperi e

delle competenze che caratterizzano i profili di uscita e vengono proposti, con quote orarie

differenziate e progressive, a partire dal primo anno di studi, secondo indicazioni che saranno

definite dai Regolamenti. In ogni caso viene garantita la valenza orientativa dei percorsi, in

particolare del primo e del secondo anno di studi, nel quadro delle responsabilità correlate alla

autonomia didattica e organizzativa degli istituti scolastici.

In particolare, la missione della istruzione tecnica è finalizzata a garantire l’approfondimento

della cultura scientifica e delle basi di riferimento teoriche delle tecnologie, fornendo allo studente

le capacità necessarie per comprendere criticamente le problematiche scientifiche e storico-sociali

collegate alla tecnologia e alle sue espressioni contemporanee (nel segno dell’ high-tech), favorendo

l’acquisizione di una perizia applicativa e pratica, assicurando lo sviluppo della creatività e della

inventiva progettuale. Tale approccio, oltre a facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro, deve

consentire la possibilità di accedere anche alla formazione terziaria successiva, così da rendere

possibile un cammino di studi orientato soprattutto verso lauree di tipo scientifico e tecnico.

La missione dell’istruzione professionale è finalizzata a garantire, nell’ambito di aree produttive

sufficientemente ampie, capacità operative di progettazione e realizzazione di soluzioni, per la

gestione di processi, impianti e/o servizi. Tali capacità, pur orientate all’espressione di competenze

di tipo tecnico-relazionale (nel segno dell’ high-touch), vanno inquadrate in una adeguata

conoscenza dei fondamenti scientifici e tecnologici. I caratteri distintivi della formazione debbono

essere la capacità di personalizzare gli usi delle tecnologie in un contesto con assetti organizzativi e

strumenti tecnologici specifici.

 

 

 

 

Il nuovo profilo degli Istituti Tecnici

Gli istituti tecnici hanno durata quinquennale e offrono ai giovani conoscenze teoriche e

applicative spendibili in ampi contesti di studio, professionali e di lavoro, nonché una gamma di

abilità cognitive necessarie a risolvere problemi, a sapersi gestire autonomamente in ambiti

caratterizzati da innovazioni continue, assumendo progressivamente anche responsabilità per la

valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti.

pag. 25

Gli istituti tecnici forniscono agli studenti i saperi e le competenze necessari per inserirsi

direttamente nel mondo del lavoro, nonché per accedere a percorsi di livello terziario, nazionale e/o

regionale, universitari, degli istituti tecnici superiori (ITS) e dell’IFTS, nonché ai successivi

percorsi di studio e di lavoro per l’accesso alle professioni intellettuali.

I percorsi degli istituti tecnici sono articolati in un’area di istruzione generale comune a tutti e in

ampie aree di indirizzo sin dal primo anno, riferite ad ambiti tecnologici, a processi produttivi e ai

servizi del terziario avanzato, nonché riferite ai successivi percorsi di studio e di lavoro per

l’accesso alle professioni intellettuali.

Tali percorsi si sviluppano secondo metodologie caratterizzate da: analisi e soluzione dei

problemi, lavoro per progetti, orientamento alla gestione di processi in contesti organizzati,

approccio all’uso di modelli e linguaggi specifici. Queste metodologie si acquisiscono attraverso:

lo sviluppo della didattica laboratoriale, in modo appropriato ai soggetti, agli obiettivi e

ai contenuti dell’apprendimento;

 

il collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni, compresi il volontariato ed il

privato-sociale;

 

un organico raccordo con il sistema dell’istruzione e della formazione professionale

regionale, nell’ambito dei Poli tecnico-professionali;

 

uno stretto rapporto con l’università, gli istituti tecnici superiori e le sedi della ricerca,

pubbliche e private.

 

Strumenti culturali specifici degli Istituti Tecnici

Negli istituti tecnici, oltre agli strumenti culturali sopra delineati, i giovani acquisiscono

competenze che li pongono in grado di:

interpretare il rapporto fra scienza e tecnologia, superando la tradizionale sequenza

propedeutico-applicativa;

 

individuare il carattere dinamico inerente lo sviluppo socio-economico, scientifico,

tecnologico e organizzativo, in relazione al progredire delle tecniche d’indagine e

all’evoluzione dei sistemi tecnologici;

 

conoscere gli elementi fondanti delle tecnologie del settore di riferimento (materiali,

tecnologie, sistemi, processi, principi organizzativi e normative);

pag. 26 

 

cogliere le implicazioni sociali, produttive, economiche e ambientali dell’innovazione

tecnologica e delle sue applicazioni;

 

costruire ed utilizzare modelli per la simulazione e la gestione di processi economici,

amministrativi e tecnologici;

 

applicare metodologie di progettazione, gestione, controllo e documentazione di processi

economici, amministrativi, tecnologici ed organizzativi;

 

assumere comportamenti affidabili, responsabili e proattivi nei confronti dello sviluppo

socio-economico del territorio, dell’ambiente e della sicurezza dei luoghi di lavoro, con

particolare riferimento all’innovazione tecnologica;

 

orientare il proprio autosviluppo professionale, interpretando le offerte di formazione

continua e permanente esistenti.

 

Il nuovo profilo degli Istituti Professionali

Gli istituti professionali hanno durata quinquennale e forniscono ai giovani la formazione

generale, tecnica e professionale riferita alla cultura e alle attività lavorative, nonché una gamma di

abilità cognitive necessarie a risolvere problemi, sia per sapersi gestire autonomamente in ambiti

caratterizzati dalla personalizzazione del prodotto e del servizio, sia per assumersi responsabilità nel

monitoraggio, nella valutazione e nel miglioramento dei risultati di lavoro.

I percorsi degli istituti professionali consentono in particolare ai giovani di acquisire saperi e

competenze per inserirsi direttamente nel mondo del lavoro; proseguire gli studi nel sistema

dell’istruzione e formazione tecnica superiore e all’università; accedere alle professioni, a partire

dai settori già presenti negli ordinamenti degli istituti professionali.

I percorsi degli istituti professionali sono articolati in un’area di istruzione generale comune a

tutti e in ampie aree di indirizzo sin dal primo anno. Nei primi due anni gli assi culturali relativi

all’assolvimento dell’obbligo di istruzione per l’acquisizione dei saperi di cittadinanza si sviluppano

soprattutto attraverso l’esperienza di laboratorio, per promuovere la riflessione critica sui

fondamenti scientifici, tecnologici e organizzativi della cultura dei macro-settori economici.

I successivi percorsi del terzo, quarto, quinto anno si sviluppano secondo criteri di gradualità e

flessibilità in relazione alle esigenze del mondo del lavoro e del territorio, fermo restando lo

sviluppo e il consolidamento degli strumenti culturali comuni alla complessiva area dell’istruzione

tecnico-professionale. Gli istituti professionali inoltre possono realizzare, ma solo in regime di

sussidiarietà, percorsi per il conseguimento di qualifiche e diplomi professionali, in base all’intesa

pag. 27

in Conferenza Unificata Stato Regioni Città e Autonomie locali di cui all’art.13, comma quinquies,

della legge 40/07.

L’innovazione metodologica richiesta a questi istituti, si qualifica in particolare attraverso:

lo sviluppo di attività in stage e alternanza;

il ricorso ad approcci didattici di tipo induttivo, attraverso una didattica laboratoriale e,

ove necessario, anche di modalità di simulazione;

 

ogni opportuno collegamento con il mondo del lavoro e dell’impresa, compresi il

volontariato ed il privato-sociale, con la formazione professionale e con l’apprendistato

 

Strumenti culturali specifici degli Istituti Professionali

Negli istituti professionali, oltre agli strumenti culturali già richiamati, i giovani acquisiscono

competenze che li pongono in grado di:

conoscere gli elementi fondanti delle tecnologie del settore di riferimento (materiali, tecnologie,

procedure, normative e manuali tecnici e diagnostici);

operare in contesti tecnico-professionali variabili, caratterizzati da saperi e da specifiche

competenze applicative, in relazione sia all’ambiente socio-economico, sia al contesto

tecnologico-tecnico ed organizzativo;

 

interiorizzare procedure produttive, tecniche e gestionali, al fine di organizzare le

proprie attività operative;

 

impostare e fornire servizi su misura del cliente/utente;

assumere comportamenti responsabili e proattivi nei confronti dell’ambiente e della

sicurezza dei luoghi di lavoro;

 

orientare il proprio autosviluppo professionale, interpretando le offerte di formazione

continua e permanente esistenti.

pag. 28

 

Appendice: composizione della Commissione ministeriale per la riorganizzazione

degli istituti tecnici e professionali (nominata con Decr. Dip. n. 81 del 14 dicembre

2007)

Presidente

Prof. Alberto Felice DE TONI – Preside Facoltà di Ingegneria Università di Udine

Coordinatore

Prof. Arduino SALATIN – Direttore “IPRASE Trentino” - Istituto provinciale per la ricerca, l’aggiornamento e la sperimentazione educativi di Trento

Componenti

Prof. Arturo CAMPANELLA – Dirigente scolastico Istituto tecnico industriale “Malignani” di Udine

Prof. Luigi CAROLLO – Docente di Discipline meccaniche e tecnologia Istituto professionale per l’industria e artigianato “Comandini” di Cesena

Dott. Alessandro CLAVARINO – Esperto in materia di sistemi formativi integrati

Prof. Luciano CLEMENTINI – Docente di Fisica Istituto professionale per l’industria e l’artigianato “Ricci” di Fermo (AP)

Prof. Claudio DEMARTINI - Vice rettore del Politecnico di Torino

Prof. Graziano DRAGONI - Direttore generale Fondazione Politecnico di Milano

Prof. Massimo EGIDI – Rettore Università LUISS “Guido Carli” di Roma

Prof. Mario FIERLI – Coordinatore del programma di sviluppo delle tecnologie didattiche e membro dello Steering Committee del progetto EuroSchoolnet

Prof. Antonio GIOLO – Esperto in materia di istruzione professionale

Prof. Giorgio GOLDONI – Docente di Matematica Istituto tecnico industriale “Leonardo da Vinci” di Carpi (MO)

Prof. Ubaldo GRIMALDI – Dirigente scolastico Istituto tecnico commerciale “Adriano TILGHER” di Ercolano (NA)

Prof. Arturo IVALDI – Dirigente scolastico Istituto di istruzione secondaria - Savona

Prof. Guglielmo MALIZIA – Sociologo ed esperto di organizzazione della formazione Università Pontificia Salesiana di Roma

Prof. Silvano MARSEGLIA – Dirigente scolastico Istituto tecnico commerciale e per geometri “Monnet” Ostuni (BR)

Prof. Simone MEGGIOLARO – Dirigente scolastico Istituto tecnico industriale “Einstein” di Piove di Sacco (PD)

Dr. Giancarlo MICHELLONE – Presidente dello Science Park di Trieste

Prof. Dario MISSAGLIA – Esperto in materia di rapporti scuola - lavoro

Prof. Michele PELLEREY - Professore emerito Università Pontificia Salesiana di Roma – già ordinario di Didattica

Prof.ssa Valeria PEROLI – Docente di Economia aziendale Istituto di istruzione secondaria superiore “Carlo dell’Acqua” di Legnano (MI)

Prof. Antonio PIVETTA – Docente di Meccanica applicata Istituto tecnico industriale “Pininfarina” di Moncalieri (TO)

Prof. Angelo PUCILLO – Docente di Informatica Istituto tecnico commerciale “Ramponi” di Benevento

Prof. Giulio Cesare RATTAZZI – Esperto in materia di autonomia scolastica

Prof.ssa Luisa RIBOLZI – Docente di sociologia dell’educazione - Facoltà di Scienze della formazione Università di Genova

pag. 29

Prof. Franco RIGOLA – Dirigente scolastico Istituto tecnico industriale “Quintino Sella” di Biella

Prof.ssa Giuliana ROSETTI CIMATTI – Dirigente scolastico Istituto Professionale

per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “Scappi” di Castel San Pietro Terme (BO)

Prof. Giovanni SEDIOLI – Membro della Fondazione Aldini Valeriani per lo sviluppo della cultura tecnica

Prof.ssa Anna Maria SERMENGHI – Dirigente scolastico Istituto tecnico commerciale “Sciascia” di Agrigento

Prof. Michele STARITA – Docente di Economia aziendale Istituto tecnico commerciale “Galiani” di Napoli

Prof. Silvano TAGLIAGAMBE – Docente Filosofia della Scienza Università di Sassari

Prof. Carlo TRIGILIA – Professore ordinario di Scienza della politica e sociologia Università di Firenze ed esperto internazionale di sviluppo locale e nazionale

Prof. Rodolfo ZICH – Presidente della fondazione WIRELESS di Torino (ex Rettore del Politecnico di Torino) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Referenti del Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale e del Ministero dello Sviluppo economico

Dott. Andrea BIANCHI – Direttore generale per lo Sviluppo Produttivo e la Competitività

Prof. Michele COLASANTO –Direttore del Dipartimento di Sociologia –

Professore ordinario di Sociologia – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Ing. Giorgio GHIGLIONE – Componente del nucleo per le politiche industriali

Prof. Dario NICOLI - Docente di Sociologia dell’organizzazione - Facoltà di scienze dell’educazione – Università Cattolica di Brescia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Allegati o Link utili:


Fonte: http://www.pubblica.istruzione.it
Data originaria di pubblicazione: 20/1/09 h. 20:30:00




Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.
(N.B.: se qualcuno volesse dare un parere o intervenire nel merito dell'articolo può farlo tramite la sezione `Scrivimi` inviandolo a Webprof. Grazie.)
 




Ricerca
Ricerca:
· Cerca altri articoli nello stesso argomento: Istituti Professionali
· Cerca altri articoli dello stesso autore: Webhome

Number One
Articolo più letto relativo a Istituti Professionali:
Programma Ministeriale di Matematica Nuovi Istituti Professionali Settore Servizi Biennio Area Comune Riforma Gelmini


OPZIONI:
 Invia Articolo a un Amico  Invia Articolo a un Amico

Mi spiace ma queste altre opzioni sono disponibili solo per i membri (quindi registrati) della WebCommunityLab:

  Solo Membri WebCommunityLab: registrati!

facebook

diggita

blink it

segnalo

tag on del.icio.us

furl it

search technorati

Wi Live

Save to YahooMyWeb

reddit this

oknotizie

digg this




 

Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 



* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community




Selezione News Scuola by profScaglione.it

» Scuola, il ministro Bianchi: "Più dell'80% dei nostri ragazzi è in presenza"

"C'è stato un peggioramento del Paese e si è risentito"


» AFAM e obbligo vaccinale: le indicazioni del MUR
L'obbligo in vigore dal 1° febbraio riguarda il personale a tempo indeterminato, determinato e con incarichi di insegnamento...

» Nota 1234 del 27 gennaio 2022 ? Indicazioni applicazione obbligo vaccinale AFAM
Nota 1234 del 27 gennaio 2022 ? Indicazioni applicazione obbligo vaccinale AFAM

» Nota 1249 del 27 gennaio 2022 - Attivazione servizio Verifica green pass di NoiPa - Richiesta urgente di dati
Nota 1249 del 27 gennaio 2022 - Attivazione servizio Verifica green pass di NoiPa - Richiesta urgente di dati

» PCTO e alternanza scuola lavoro: la FLC CGIL sostiene le mobilitazioni degli studenti del 28 gennaio 2022
Solo una tragedia come quella di Udine costringe tutti a porre nuovamente al centro della discussione un tema che sembrava...





Ricerca in `Selezione News` by profScaglione.it

SCUOLA (0)
(notizie dal mondo della scuola)
SCUOLA/Lombardia (13)
SCUOLA/Nazionale (5)
SCUOLA/Riforma Superiori (3)
SCUOLA/Bergamo (7)

QUOTIDIANI (0)
(news dai principali quotidiani italiani)
Gazzetta dello Sport (11)
La Repubblica (12)
Corriere della Sera (15)

ALIMENT.NE-SALUTE (0)
Tutte le News inerenti l`alimentazione, la nutrizione e le patologie correlate all`alimentazione
Alim.ne-Salute/Varie (10)
Ministero della Salute (11)

Ci sono 3 categorie principali, 9 sotto-categorie e 509761  news.
Puoi effettuare una ricerca tra le news:
Cerca:




Benvenuto!  Ciao!

Benvenuto nel nostro Sistema di Ricerca.
Qua puoi cercare all'interno della WebCommunityLab di profScaglione.it utilizzando tutta la potenza di Google.
Scrivi una o più parole nel box di ricerca qua sotto e ti appariranno i risultati.

Ricerca personalizzata

Cerca nel Web:Cerca nel Web con Google




Progetti profscaglione.it

Nome Progetto Rapporti Lavori Status Progressione
Ambienti della WebCommunityLab 1 0 6. Testing 95% terminato95% terminato
Enciclopedia di Scienza degli Alimenti e Biologia 1 0 2. Avvio 10% terminato10% terminato





 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 5.382 secondi (260)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine