Crea il tuo Account

Home Page
  Mi Piace WebCommunityLab  Segui WebCommunityLab  Cerca nel Sito Notizie Scuola Materiali Didattici News Community Forums Tuo Account
    



 
 Ti trovi in:Home Page > Ambiente Didattica-Alimentazione  >  Ricette

Riconoscimenti profScaglione.it

©

Info Utenti

Login

Nickname:
Password:
Login:

 

Social Registration Registrati
Passa da qui se hai già un account su Facebook

Termini di Servizio

Clicca su Accetto Termini Servizio per la loro accettazione e per dichiarare di avere almeno 13 anni: ti compariranno i loghi Social con cui potrai registrarti istantaneamente!


 

Ciao Utente Anonimo



Registrati direttamente qua su profScaglione.it

   Registrati


Hai perso la tua Password?




 

Guarda Lista Membri WebCommunityLab
Utenti

Membri del Sito:
Ultimi Membri Registrati alla WebCommunityLab Ultimo registrato:
     Pikachu 
Numero totale Membri WebCommunityLab Complessivi: 1687

Persone Online:
Numero degli Ospiti Online in questo momento Ospiti: 52
Numero dei Membri Online in questo momento Iscritti: 0
Numero complessivo utenti online in questo momento Totale: 52

Traffico:



Navigazione Sito

 Ambienti 
 HOME PAGE
 Ambienti
 Info-Statistiche
 Notizie-Scuola
 Didattica-Alimentazione
 Social-Community
 Giochi-Svago
 Aiuto-Risorse
 Info 
 Info-Statistiche
 Dedica Sito
 Chi siamo?
 Riconoscimenti
 Staff
 Contattaci
 Mappa Sito I
 Mappa Sito II
 Raccomanda il Sito
 Progetto_El_Awards2
 Presentazione WebCommunityLab
 Progetti
 Fai Proposte sui Progetti
 Partecipa alla WebCommunity
 Privacy
 TerminiServizio
 Materiali di Servizio
 Attività Didattica
 Bibliografia-Crediti
 Rss Notizie Scuola
 Rss Community
 Rss Enciclopedie Vocaboli
 Rss Ricette Community
 Rss Alimenti Community
 Rss Video YouTube
 Sistema Ricerca Globale
 Statistiche 
 Info-Statistiche
 Ricette più Viste
 Ricette più Votate
 Alimenti più Visti
 Alimenti più Votati
 Statistiche Forum
 Sondaggi
 Top Ten
 Sistema Ricerca Globale
 News Scuola 
 Notizie-Scuola
 News Scuola
 Argomenti Notizie Scuola
 News Ctg Prof
 News Ctg Stud-Prof
 News Ctg Studenti
 News Ctg Genitori-Stud
 News Ctg Presidi
 News Ctg Scuole
 News Ctg ATA
 News Ctg IPSSAR Nembro
 News Ctg Tutti
 Archivio Notizie Scuola
 Tags Scuola
 Forum Esami di Stato
 Forum Nuovi IPSSAR
 Post-it Mail
 Rss Scuola
 Sistema Ricerca Globale
 Didattica 
 Didattica-Alimentazione
 News Alimentazione
 Argomenti Alimentazione
 News Ctg Classi 1^
 News Ctg Classi 2^
 News Ctg Classi 3^
 News Ctg Classi 4^
 News Ctg Classi 5^
 News Ctg Tutte le Classi
 News Novità Sito
 Archivio News Alimentazione
 Materiali
 Enciclopedie
 Prove Strutturate
 Interrogatore
 Forums
 Mappa Ipertestuale Alimentazione Classe 5^
 Tags Alimentazione
 Ricette
 Alimenti
 Cruciverba-Alimentazione
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Gallery Classi 3^
 Calcolo I.M.C.
 Fabbisogni Energia
 Equivalenze
 Classifica Membri WCL
 Acronimi
 Rss Alimentazione
 Rss Ministero Salute
 Expose
 Sistema Ricerca Globale
 Social-Community 
 Social-Community
 Fan-Facebook-Twitter
 Bacheca Membri
 Il Tuo Account
 Sms
 Messenger
 The Wall - Muro
 Messaggi Privati
 Lista Utenti
 Chat
 Lista Utenti
 Classifica Membri WCL
 Compleanni
 Poesie
 Racconti Narrativa
 Guestbook Sito
 Proponi Download
 Cartoline Virtuali
 Citazioni
 Barzellette
 Sistema Ricerca Globale
 Giochi 
 Giochi-Svago
 Tris
 Impiccato Cl. 1^
 Impiccato Cl. 2^
 Impiccato Cl. 3^
 Impiccato Cl. 4^
 Impiccato Cl. 5^
 Scacchi
 MasterMind
 Sudoku
 Coloku
 Cruciverba-Alimentazione
 Cerca Parole
 Sala Giochi
 Crea Avatar
 Sistema Ricerca Globale
 Svago e Relax 
 Giochi-Svago
 Barzellette
 Gazzetta dello Sport
 Rss La Repubblica
 Rss Corriere Sera
 Ricette
 Citazioni
 Cani
 Gatti
 Pesci
 Uccelli
 Rettili
 Automobili
 FIFA World Cup
 CalcioEuropei 2008
 Sistema Ricerca Globale
 Aiuto 
 Aiuto-Risorse
 Come_Registrarsi
 Aiuto Online
 Contattaci
 Invio Files Materiali
 MyTutoriaUp
 Sistema Ricerca Globale
 Cerca in Acronimi
 Cerca in Barzellette
 Cerca in Poesie Amore
 Cerca in Altre Poesie
 Cerca Utenti
 Cerca Notizie Scuola
 Cerca News Community
 Cerca nei Forums
 Cerca in Ricette
 Cerca in Alimenti
 Cerca in Enciclopedia Alimenti
 Cerca in Enc. TSPC-TSPS
 Cerca in Gallery Multimediale
 Cerca nei Downloads
 Cerca in Rss
 Risorse 
 Aiuto-Risorse
 Invia Articolo o Ricerca
 Downloads
 Proponi Download
 Crea Password
 Post-it Mail
 Codice Fiscale
 Crea Tuo SitoWeb
 Crea Tua WebPage
 Whois
 Nuke Generator
 GUIstuff
 Nuke Tools
 PHP-Nuke Tools
 Flash Tools
 Style Tools
 Crea Bottoni
 Creazione Banner
 Testo Scorrevole
 Testo 3d
 Convertitore Date Unix
 Byteconverter
 Sistema Ricerca Globale
 Partecipa 
 Partecipa alla WebCommunity
 News Alimentazione
 Invia Articolo Scuola
 Invio Files Materiali
 Invia Vocabolo Enciclopedia
 Invia Ricetta
 Invia Alimento
 Invia Tua Data Compleanno
 Invia Tuo Muro
 Invia Tua Poesia
 Invia Barzelletta
 Proponi Download
 Invia Compleanno
 Invia Img x Gallery
 Fai Proposte sui Progetti
 Segnala o Consiglia
 Sistema Ricerca Globale

Ricette Allievi Casuali

Enciclopedie

Enciclopedia Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Fenilbutazone
 Mitocondri
 Microrganismo
 Molecola
 Estere

Enciclopedia Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia

Ultimi vocaboli inseriti:
 Criollo
 Temperaggio
 [Semi di cacao]
 Grado alcolico
 Filtrare

Concetti Alimentazione

Ricerca Globale





Social

Condividi WebCommunityLab su
Facebook e Twitter


la WebCommunityLab è su Facebook!

Diventa Fan della WebCommunityLab:


la WebCommunityLab è su Twitter!


Guarda il canale wcl su YouTube!

Vai alla pagina della WebCommunityLab su YouTube

 

Count Down

Alla Fine della Scuola mancano .....
4 anni, 40 giorni, 2 ore, 21 minuti, 34 secondi fa


WebCommunityLab Mobile

WebCommunityLab di profScaglione.it è anche Mobile: le ultime 10 `News del Sito` e le ultime 10 `News della WebCommunityLab`, direttamente da cellulari, palmari e smartphone, attraverso delle pagine `leggere` create appositamente per questo scopo! Da non usare con il normale pc!
Questo è il link da digitare sul tuo Cellulare:
www.profscaglione.it/mobile

  
 

Navigazione Ambienti WebCommunityLab

Info-Statistiche
News Scuola
Didattica & Alimentazione
Social-Community
Giochi $ Svago
Help


 

Le Ricette della WebCommunityLab


Ricette





Home Ricette

Cerca | Richiedi ricetta

Le più lette | Le più votate

Conversioni di misura



 

GUARDA TUTTE|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z|0|1|2|3|4|5|6|7|8|9
Nome
Categoria
Categoria
Antipasti
Antipasti
(5)
Bevande
Bevande
(0)
Cena
Cena
(8)
Colazione
Colazione
(0)
Contorni
Contorni
(1)
Desserts
Desserts
(8)
Dolci
Dolci
(16)
Feste
Feste
(8)
Formaggi
Formaggi
(0)
Fritture
Fritture
(1)
Frutta
Frutta
(0)
Insalate
Insalate
(0)
Minestre
Minestre
(2)
Pane
Pane
(0)
Paste asciutte
Paste asciutte
(5)
Pesci
Pesci
(2)
Pizze Focacce
Pizze Focacce
(1)
Pranzo
Pranzo
(10)
Primi Piatti
Primi Piatti
(17)
Ricette Base
Ricette Base
(0)
Risotti e Polente
Risotti e Polente
(1)
Salse Varie
Salse Varie
(0)
Secondi piatti
Secondi piatti
(5)
Spuntini
Spuntini
(1)
Sughi Condimenti
Sughi Condimenti
(0)
Vari Alimenti
Vari Alimenti
(0)
Verdure
Verdure
(0)


Ritorna a Elenco Ricette

Pagina stampabilePagina stampabile
Invia in emailInvia in email



Torta al cioccolato e te`



Porzioni:             10

Preparazione:   45 minuti

Cottura:             35 minuti

Categoria:         Dolci

Difficoltà:           Media











Introduzione e Origine storico-culturale


ORIGINI DEL CACAO

In principio nacque il cacao. E fu subito gastronomia. L' alone di sacralità e mistero che ha fin dall'inizio circondato l' albero del cacao, il suo frutto ( la cabossa ) e il suo seme ( detto comunemente fava ) favorì il suo uso rituale, che prevedeva necessariamente tutta una sequenza di manipolazioni complesse molto simili a quelle dell'alta cucina. Pochi sono i documenti sulla preparazione della "cioccolata" nel periodo precedente la conquista spagnola del Centro America da parte di Cortés e dei suoi, ma dai glifi e dai vasi olmechi, come dalle precise rappresentazioni maya, è possibile risalire a varie "ricette" che prevedevano il rimescolamento accurato di pasta di cacao con acqua e spezie miste. Una fase importante della preparazione era quella con cui la bevanda si faceva spumeggiante, in seguito a ripetuti versamenti e rimescolamenti. La cioccolata precolombiana, comunque, si gustava sia fredda che calda; anzi pare che i Maya dello Yucatàn la bevessero calda, mentre gli Aztechi la preferivano fredda. Nel 1556 un "Anonimo Conquistatore", che doveva essere un "gentiluomo" al seguito di Hernàn Cortés pubblica a Venezia una descrizione di Tenochtitlan in cui si pada della preparazione della cioccolata. Questa testimonianza è importante perché documenta una vera preparazione gastronomica, forse persino quella di una specie di budino, visto l'uso di farina di mais nel composto, ma oltre tutto fa presente che già in era precolombiana si produceva il burro di cacao. La popolazione indiana dei Lacandoni, considerati i discendenti diretti degli antichi Maya, possiede tuttora una miriade di ricette per preparare la cioccolata; sia con gli ingredienti locali della tradizione antica ( vaniglia, achiote, fior di spigo, sapodilla, mais, miele, chili e pepe garofanato ) che con "variazioni" introdotte sicuramente dagli Spagnoli: zucchero di canna, riso, cannella e pepe nero. La consistenza gastronomica di queste leccornie è quella del "frappé" o, per dirla come in Centro e Sud America, "batido". Nonostante la possibile aggiunta di miele, comunque, tutti sanno che le prime ricette di cioccolata introdotte nelle corti spagnole erano amare e piccanti. Solo le elaborazioni successive, dovute alla fantasia di speziali e confettieri, trasformarono la "cioccolata amara" in un goloso dolce. Chi fosse rimasto sorpreso dall'insolito connubio di cacao e peperoncino ( o pepe ) potrà meditare su quanto riportato da Sophie D. Coe e Michael D. Coe nel bellissimo libro La vera storia del cioccolato. Da Modica a Torino, il gusto degli Italiani è unito dal cioccolato. Il cuore di tutto è racchiuso nel chicco di cacao, frutto originario del Messico, che nei secoli ha raggiunto le sponde di tutto il mondo. La leggenda Azteca narra che la nascita della pianta del cacao sia legata alla morte di una principessa che sacrificò la propria vita per non svelare ai nemici il nascondiglio del tesoro lasciatole dal suo sposo partito per la guerra. Dal sangue della giovane innamorata ebbe vita una pianta il cui frutto custodiva i semi di cacao: amari come la sofferenza, forti come la virtù e rossi come il sangue. I primi chicchi di cacao furono importati dai dominatori Spagnoli intorno al 1519, ed è proprio durante la loro dominazione in Sicilia, che il cacao fu introdotto in Italia e precisamente nella “Contea di Modica”, la Contea più grande del Regno di Sicilia, dove si avviò la lavorazione artigianale del cioccolato che si è conservata fino ai nostri giorni. La cioccolata divenne una tra le bevande più alla moda nelle “botteghe del caffè” della Venezia del settecento. Da allora la creatività dei maestri cioccolatieri di tutta l’Italia si è sbizzarrita. Così nel XVIII secolo, a Torino, prese forma il primo cioccolatino, inventato da Doret. Sempre a Torino nel 1852 nacque il celebre Gianduiotto, cioccolatino fatto con cacao e nocciole tritate e tostate.

ORIGINI DEL TE’

Il termine “foglie di tè” compare per la prima volta negli antichi scritti cinesi circa 3.000 anni fa. Sembra infatti siano stati proprio i cinesi a utilizzarne per primi le foglie e i rametti. Il termine “tè” proviene da un dialetto della costa cinese e si pronuncia Tei, mentre in altre regioni della Cina si legge Cha. Seguendo vie di terra, da queste regioni il tè trovò diffusione in Russia, in Asia Centrale, in India e nei paesi Arabi, dove viene indicato con il termine Cha, mentre in Europa per indicare questa bevanda viene utilizzato il temine Tè perché i primi carichi arrivarono dalla zona costiera della Cina, seguendo la via del mare. Le popolazioni della Cina mangiavano il tè che veniva arrotolato, affumicato e messo in salamoia, oppure condito con sale, aglio e grasso. Il consumo del tè come bevanda risale al VI, VII secolo, quando i mercanti cinesi iniziarono a smerciarlo ai monaci nei templi; era infatti ritenuto corroborante e favorevole alla concentrazione mentale. Si narra sia stato l’imperatore Shen Nong a scoprire le virtù benefiche delle foglie del tè messe in infusione, facendolo così entrare a far parte della farmacopea cinese. Iniziò la sua affascinante ricerca per identificare e catalogare diverse varietà e qualità di tè e vennero stabilite regole per la sua coltivazione, lavorazione.Durante la dinastia Tang, il tè veniva messo in infusione con altri ingredienti, perdendo così il suo originale aroma. Dopo alcuni tentativi si scoprì che mettendo in infusione le foglie spezzate era possibile mantenere l’aroma e l’essenza del tè e quindi ottenere un risultato migliore. Durante la dinastia Song la tecnica fu affinata: le foglie del tè venivano messe nel recipiente e in seguito vi veniva versata sopra l’ acqua calda: il calore dell’acqua sprigionava il tipico aroma del tè. Nel corso delle dinastie Yuan e Ming si iniziò a produrre e conservare il tè sciolto, anziché confezionarlo in torte compresse come si era fatto in tempi precedenti. Il tè veniva messo in infusione usando le foglie sciolte, che non venivano più spezzate. Durante la dinastia Ming la teiera divenne un accessorio indispensabile per la preparazione del tè che veniva poi servito in tazze di porcellana bianca per esaltarne il colore. In Giappone il consumo di tè era ristretto ai circoli di corte e monastici. Fu il monaco Saicho che all’inizio del nono secolo, portò le piante del tè in Giappone e le piantò, mentre si deve al monaco Eisai l’avere portato dalla Cina il metodo di preparazione delle foglie: dalla raccolta delle foglie al primo mattino, alla tostatura a fuoco lento, alla conservazione. Lo stesso Eisai scrisse una grande opera intitolata “Note sugli effetti curativi del tè” in cui descrisse come, sia l’ infuso sia la pianta del tè, fossero il segreto di una lunga vita, raccomandandone quindi un maggiore uso e consumo. Il tè arrivò in Europa all’inizio del XVII secolo per mano degli Olandesi o dei Portoghesi che all’epoca commerciavano con la Cina: dapprima le merci di scambio erano seta e spezie, poi il tè. Gli Olandesi importavano il tè soprattutto dall’isola di Giava per poi esportarlo in Italia, Francia e Germania. In Russia il tè fu portato nel 1600 in dono allo zar Alessio. Il commercio regolare di tè in Russia iniziò nel 1689, via terra con i cammelli, in cambio di pellicce: il viaggio durava 16-18 mesi. Questo commercio via terra con le carovane continuò fino al completamento della via ferrata transiberiana, che permise scambi notevolmente più veloci. Le varietà del tè hanno spesso nomi esotici: Darjeeling Flowery Orange Pekoe, Ceylon Broken Orange Pekoe, questi nomi indicano le principali caratteristiche che distinguono un tè dall’altro; la terra di origine e le dimensioni delle foglie. Un tè raffinato e aromatico proviene dalla regione di Darjeeling, un distretto settentrionale sulle pendici meridionali dell’Himalaya, ed è piuttosto chiaro e di sapore delicato. Nell’Assam, provincia dell’India settentrionale, si produce un tè molto scuro, di sapore intenso e speziato, colore nero e retrogusto tipico, ed è così forte che anche dopo averlo posto in infusione più volte non perde intensità di sapore, per cui è molto utilizzato in molte miscele ( blends ). Il tè di Ceylon, molto aromatico, ha un sapore leggermente acre, il suo colore è un avia di mezzo tra i due sopracitati. I tè africani hanno avuto molto successo negli ultimi anni, in Kenya i migliori tè sono raccolti durante la siccità. Il tè verde è ottenuto dalla stessa pianta del tè nero, si differenzia da quest’ultimo solo perchè non viene fermentato e quindi non subisce alcun mutamento chimico, questa tipologia di tè è particolarmente amata nei Paesi dell’ Asia orientale, in particolare è fondamentale per la cerimonia del tè giapponese. Il tè di Oolong non rientra nè nella categoria dei tè neri ne in quella dei tè verdi, infatti all’esterno è fermentato mentre all’interno resta verde. Il tè può essere aromatizzato in vari modi, pezzi di frutti, fiori,spezie e aromi sono usati per avere prodotti variegati; il più famoso tra i tè aromatizzati è l’Earl Grey inventato nel XIX secolo secondo una ricetta del Ministro degli Esteri Britannico dell’epoca: Edward Grey. Al tè si aggiunge dell’ olio essenziale di bergamotto, che gli conferisce sapore fiorito e leggermente acidulo. Altri tè aromatizzati sono ottenuti aggiungendo vaniglia, gelsomino, arancia, ciliegie selvatiche, ribes nero, mango, limone, menta o mela.

IL TE’ AL GIORNO D’OGGI

Il tè nelle sue diverse qualità e miscele è la bevanda più consumata al mondo. I paesi maggiori produttori di tè sono Cina, Taiwan, Giappone, India, Sri Lanka, Bangladesh, Pakistan, Kenia, Malesia, Indonesia, Vietnam, Argentina e alcune zone del Sud America. Le aree di coltivazione sono quelle compresse tra latitidine 40° nord e latitudine 30° sud in Africa. In India si usa arricchire il tè con spezie e aromi, come cardamomo, pepe, chiodi garofano, noce moscata. Secondo la tradizione il tè chay si prepara mettendo nell’acqua calda un po’ di zenzero fresco, il tè e lo zucchero e aggiungendo infine il latte. In altre zone dell’India il tè viene aromatizzato con scorze di arancia o limone, oppure, nelle zone ad altitudini più elevate, con rum. In Tibet il tè viene preparato ancora come secoli fa, cioè facendo bollire le foglie di tè nero in acqua bollente con il cardamomo e aggiungendo poi burro rancido e di latte di yak. In Cina il tè viene consumato in alte quantità, seguendo ancora oggi un antico rituale, secondo regole stabilite: la temperatura varia a seconda del tipo di tè, vicino all’ebollizione se si tratta di tè nero, intorno agli 80-85°C per tè fermentati e a 70°C per i tè verdi. In Giappone la cerimonia del tè viene chiamata Cha No Yu: anche qui, come per la Cina, la preparazione del tè è considerato un momento importante: nel paese sono molte le scuole del tè, desinate soprattutto alle donne. L’acqua viene fatta bollire in una teiera di ferro; in ogni tazzina di ceramica viene versato un cucchiaino di tè verde in polvere; viene poi versata l’acqua e mescolato il tutto con un frustino di bambù. Quando compare una leggera schiuma il tè può essere servito. Gli arabi insaporiscono il tè con foglie di menta fresca e lo servono in bicchieri anziché nelle tazze. Molto complesso anche il rituale del tè dei Tuareg, gli uomini blu del Sahara: secondo tradizione vengono consumati tre tè alla menta diversi, uno di seguito all’altro. Si passa dal primo tè, forte e amaro (come la morte), servito alzando la teiera, così che si formi un po’ di schiuma nella tazza, al secondo tè per il quale viene aggiunta altra acqua bollente nella teiera e altre foglie di menta per un risultato più dolce (la vita), per finire con un tè molto più zuccherato e leggero ( l’ amore ). Questa complessa cerimonia richiede circa 2-3 ore. In Inghilterra è molto elevato il consumo di tè diversi in diversi momenti della giornata: i tè aromatizzati vengono consumati da soli, mentre le varietà Assam, Ceylon e Darjeeling con l’aggiunta di zucchero e latte. Gli Irlandesi (4 chili di consumo di tè procapite all’anno) sostituiscono il latte con la panna, più nutriente. Anche in Russia il consumo di tè è alto, soprattutto per la varietà Assam, servito forte, spillando l’ acqua bollente dal samovar, una sorta di grande bollitore con due teiere, una più grande per l’acqua calda e una più piccola per l’ infuso. In Francia e in Germania il consumo di tè negli ultimi anni è cresciuto molto: le varietà preferite sono il Darjeeling, l’Assam e soprattutto il tè nero affumicato. In Italia il consumo di tè è ancora tra i più bassi in Europa (75 grammi procapite), anche se l’interesse per questa bevanda è in costante aumento anche grazie alle ormai dimostrate proprietà benefiche per la salute.

torta di cioccolato e tè



Ingredienti



Alimento - quantità in g

Alimenti: Cioccolatocioccolato fondente

630 g

Alimenti: Burroburro

180 g

uova

6 n.

cassonata ( Alimenti: ZuccheroEnciclopedia: Zuccherozucchero grezzo )

130 g

tè ben carico

14 cl

sale

un pizzico

cucchiai di farina per la Enciclopedia: Tegliateglia

3

Per l' impasto: Alimenti: Cioccolatocioccolato fondente, Alimenti: Burroburro, uova, cassonata, tè, sale;

Per la glassa: Alimenti: Cioccolatocioccolato fondente, tè, cassonata.





Istruzioni per la Preparazione (fasi di lavorazione, metodi di cottura, attrezzatura)
Presentazione del piatto


PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE

FONDERE IL Alimenti: CioccolatoCIOCCOLATO

Spezzettate 400 g di Alimenti: Cioccolatocioccolato in una terrina o in una casseruola e fatelo sciogliere a Galleria: Bagnomariabagnomaria. Lontano dalla fiamma aggiungete 125 g di Alimenti: Burroburro a tocchetti e mescolate fino ad ottenere una salsa liscia.

L’IMPASTO

Rompete 6 uova separando gli albumi dai tuorli. In un’insalatiera sbattete i tuorli con 100 g di cassonata. Aggiungete poco a poco il Alimenti: Cioccolatocioccolato fuso; mescolate bene. Incorporate 7 cl di tè tiepido o freddo.

Enciclopedia: MontareMONTARE GLI ALBUMI A NEVE

Enciclopedia: MontareMontare i 6 albumi a neve soda con un pizzico di sale. Incorporateli delicatamente al preparato di tuorli e Alimenti: Cioccolatocioccolato, avendo cura di mescolare con un movimento dall’alto verso il basso.

PROCEDIMENTO PER LA Enciclopedia: CotturaCOTTURA

Imburrate e infarinate una Enciclopedia: Tegliateglia per le torte. Versate l’ impasto. Passate in forno già caldo a 180°C per 25-30 minuti. Controllate la Enciclopedia: Cotturacottura immergendo uno stuzzicadente.

PROCEDIMENTO PER LA GLASSA

Appoggiate la Enciclopedia: Tegliateglia su una griglia, lasciate intiepidire, poi sformate la torta sulla griglia o su un piatto. Preparate la glassa: sciogliete a Galleria: Bagnomariabagnomaria 150 g di Alimenti: Cioccolatocioccolato fondente spezzettato con 7 cl di tè e 30 g di cassonata.

PER FINIRE

Versate la glassa al centro del dolce, stendetela con una spatola di metallo sulla faccia superiore e sul contorno. Con un pelapatate ricavata da 80 g di Alimenti: Cioccolatocioccolato tutti i riccioli che riuscite ed usateli come decorazione.

ATTREZZATURA

Griglia da pasticciere

Frusta Spatola di metallo

Pentolini per Galleria: Bagnomariabagnomaria

Tortiera

Frullatore

PRESENTAZIONI DEL PIATTO

L’ energia del Alimenti: Cioccolatocioccolato, la freschezza del tè: un binomio perfetto per una merenda sostanziosa!

CONSIGLI

Ancora più gustoso se preparato il giorno prima, questo dolce è sempre di grande effetto, nonostante la preparazione piuttosto semplice.

SEGRETI DI PASTICCERIA

 Non sempre i riccioli di Alimenti: Cioccolatocioccolato riescono alla perfezione. Preparateli in anticipo per avere la possibilità di scegliere i più belli e recuperate gli scarti per l’impasto.

 Per ottenere un aspetto più lucente, aggiungete 40 g di Alimenti: Burroburro alla glassa di Alimenti: Cioccolatocioccolato.

NEL CARRELLO

Per il successo di questo piatto scegliete una varietà di tè profumata ( Earl grey ), molto caratterizzata ( China black) ;;o aromatizzata ai frutti rossi ( mora, ribes ).

PER DECORARE

Più ancora dei riccioli di Alimenti: Cioccolatocioccolato farà colpo un alchechengi in fiore. Si può utilizzare anche della Alimenti: Pannapanna montata decorando con qualche greche sulla torta. Per colorare il dolce è carino utilizzare anche confetti colorati.





Abbinamenti gastronomici (vino ed altri piatti)
Varianti


Va gustato con un bicchierino di whisky, un tè ( particolarmente profumato )o ;;una flute di spumante. WHISKY Il Whisky o whiskey ( italianizzato in acquavite o spirito d' avena durante il fascismo ) è una bevanda alcolica, ottenuta dalla distillazione di vari cereali, invecchiata in botti di legno (generalmente di quercia ). Alcuni cereali, spesso l' orzo, vengono fatti germinare e trasformati in malto. Come precedentemente accennato, esistono varie tipologie di whisky che si differenziano tra loro in base alla regione di provenienza e dei metodi di lavorazione. Le principali tipologie di whisky sono:
• Bourbon whiskey
• Canadian whisky
• Irish whiskey
• Rye whiskey
• Scotch whisky
• Tennessee whiskey
Il whisky raccoglie appassionati in molte parti del globo. In Giappone ci sono alcune distillerie che producono whisky secondo il disciplinare scozzese ed esiste anche una distilleria a Bangalore in India che produce il marchio Amrut la cui caratteristica, data dal clima tropicale, è di avere un "angel share" molto elevato (circa il 12%) e quindi di assumere caratteristiche di invecchiamento molto precoci ( gia' al quarto anno in botte) . Molti marchi e distillerie sono attualmente in mano a grandi gruppi nel settore beverage. Due dei maggiori gruppi sono la Pernod Ricard, che detiene più di 30 marchi (tra i quali Jameson, Chivas, Paddy, The Glenlivet, Scapa, Aberlour, Four Roses), e il gruppo Diageo ( J&B, Johnny Walker, Cragganmore, Glenkinchie, Dalwhinnie, Cardhu ). Ci sono segnali di deconcentrazione con l'apertura o riapertura di nuove distillerie indipendenti e la ridistribuzione di marchi ad altri gruppi quali Glen Grant passato nel corso del 2006 al gruppo Campari. SPUMANTE La storia del vino spumantizzato non parte da Dom Pérignon e dalle campagne francesi della Champagne, ma da Londra. Gli inglesi furono i primi, intorno al 1650, ad utilizzare tappi di sughero per imbottigliare il vino di importazione mentre i francesi utilizzavano ancora stracci permeabili imbevuti d'olio. Nel caso di inavvertite rifermentazioni in bottiglia, l'anidride carbonica, che non poteva fuoriuscire dai tappi in sughero, rimaneva sciolta nel vino e una volta che la bottiglia veniva stappata, si formava la schiuma. Dom Pérignon ha avuto l'intuizione di capire l'importanza del fenomeno spontaneo che avveniva nelle bottiglie tappate dagli inglesi. I primi tentativi di Enciclopedia: Fermentazionefermentazione guidata avvennero nel 1700 nella Champagne, ma con scarso successo poiché la maggior parte delle bottiglie scoppiava, e questo problema durò finché gli inglesi non inventarono bottiglie di vetro più resistenti. Lo spumante naturale si può produrre con due metodi: Champenoise o Charmat. Entrambi i metodi partono da un vino base, la rifermentazione avviene invece con metodi diversi. VARIANTI Per cambiare la ricetta aggiungete 3 cucchiai di whisky: il suo profumo si sposerà perfettamente al sapore intenso del tè. Con il Alimenti: Cioccolatocioccolato si abbina molto la pera, infatti ci sono diversi dolci ( crostate o torte morbide ) preparate con questi ingredienti. Una ricetta simile ma ancor più particolare può essere la torta al Alimenti: Cioccolatocioccolato bianco, tè verde e pistacchi.



Determinazione Costo-Piatto e Prezzo





TITOLO RICETTA:
"Torta di Alimenti: Cioccolatocioccolato e tè"
(una porzione)

Ingredienti
(nome)

Quantità netta richiesta
(g)

Costo Unitario
(euro)

Costo Totale
(euro)

Alimenti: Cioccolatocioccolato fondente

63

8.20

0.5166

Alimenti: Burroburro

18

6.20

0.1116

uova

36

3.40

0.1224

cassonata (zucchero grezzo)

13

3.50

0.0455

tè ben carico

1.4

23.50

0.0329

cucchiai farina per la Enciclopedia: Tegliateglia

0.3

0.46

0.000138

Costo delle materie prime:

= 0.83 euro

Grado di lavorazione:

Basso ... :

x 1,7

Medio ... :

x 2,5

Alto ... :

x 3

Altissimo ... :

x 3,5

Materie prime + manodopera:

= 2.50 ;;euro

Contribuzione
della portata:
 
Antipasto
e dessert
+ 2 euro
 
Primo piatto:
+ 3 euro
 
Secondo piatto:
+ 4 euro
 
Contorno:
+ 1,5 euro

Materie prime + manodopera + spese generali

= 4.50 euro ;;
Costo del Piatto

Margine guadagno:

+ 12% 13% 14% 15% 16%... 21% 22% 23% 24% 25%
Prezzo praticato:

= 5.50 euro







Analisi nutrizionale



Composizione Chimica
per una porzione del piatto
Q.tà
% Parte Edibile (P.E.)

127

ACQUA (g)

30.85

PROTEINE (g)

9.10

Enciclopedia: LipidiLIPIDI (g)

39.35

Enciclopedia: CarboidratiCARBOIDRATI DISPONIBILI (g)

45.40

- di cui Enciclopedia: AmidoAMIDO

0.20

- di cui Enciclopedia: ZuccheriZUCCHERI SOLUBILI

45.15

Enciclopedia: FibraFIBRA ALIMENTARE (g)

10

Enciclopedia: ColesteroloCOLESTEROLO (mg)

 

Alcool (g)

 

ENERGIA  
- espressa in (Kcal)

560.45

- espressa in (Kj)

2344.80

Sodio - Na (mg)

57.55

Potassio - K (mg)

270.45

Enciclopedia: FerroFerro - Fe (mg)

5.20

Enciclopedia: CalcioCalcio - Ca (mg)

54.50

Fosforo - P (mg)

204.70

Enciclopedia: TiaminaTiamina - Vit.B1 (mg)

0.08

Riboflavina - Vit. B2 (mg)

0.20

Enciclopedia: NiacinaNiacina - Vit. PP (mg)

0.45

Enciclopedia: Vitamina AVitamina A - Enciclopedia: Retinoloretinolo eq. (micro-g)

254.10

Vitamina C - Acido ascorbico (mg)

0.45







- Fonti e Autori -

Bibliografia / Sitografia:
Il piacere del cioccolato – De Agostini editore http://www.chococlub.com/cioccolato/favalli.htm http://www.gingerandtomato.com/ricette-dolci/da-modica-a-torino-breve-storia-della-diffusione-del-cioccolato-in-italia/ http://www.sufi.it/sufismo/Mulla_Nasruddin/storia_te.htm http://guide.supereva.it/gastronomia_d_europa/interventi/2007/05/294986.shtml http://www.teaway.it/?p=origins http://it.wikipedia.org/wiki/Whisky http://www.cibo360.it/alimentazione/cibi/alcol/champagne_spumante.htm
Responsabile del lavoro: 083C_lara - giovedì, 30 aprile 2009 alle ore 00:03:05
Collaboratori: lavoro individuale
Supervisione: Webprof

Altre ricette di 083C_lara: vedi


Argomenti:


Vota questa ricetta
Media voti: 5.717239 ()

Indecente: 1

Nulla: 2

Gravemente Insufficiente: 3

Decisamente Insufficiente: 4

Insufficiente: 5
Sufficiente: 6
Discreta: 7

Buona: 8

Ottima: 9

Eccellente: 10
Commenti

"Torta al cioccolato e te`" | Login/Crea un Account | 0 commenti
Threshold
I commenti sono di proprietà dell'autore del post. Non siamo responsabili del loro contenuto.


Non puoi lasciare commenti, devi prima registrarti

 





* Prove Strutturate Alimentazione *


Prove Strutturate Alimentazione


Tutte le Categorie:

 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica Classi 1^ Pr. Al.ne - Chimica Organica
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene Classi 1^ Pr. Al.ne - Igiene
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 1^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute Classi 2^ Pr. Al.ne - Alimentazione Salute
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione Classi 2^ Pr. Al.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi Classi 2^ Pr. Al.ne - Principi Nutritivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori Classi 3^ Alim.ne - Alimenti accessori
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Animale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale Classi 3^ Alim.ne - Alimenti Origine Vegetale
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande Classi 3^ Alim.ne - Alimenti: bevande
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Conservazione Classi 3^ Alim.ne - Conservazione
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Dietologia Classi 3^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Merceologia Classi 3^ Alim.ne - Merceologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Qualità Classi 3^ Alim.ne - Qualità
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 3^ Alim.ne - Ricette Classi 3^ Alim.ne - Ricette
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo Classi 4^ Alim.ne - Metabolismo
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti Classi 4^ Alim.ne - Prerequisiti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Glucidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Lipidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Protidi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Sali, Acqua
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine Classi 4^ Alim.ne - Principi Alimentari Vitamine
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi Classi 5^ Alim.ne - Conservazione Alimenti Additivi
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Dietologia Classi 5^ Alim.ne - Dietologia
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti Classi 5^ Alim.ne - Igiene Alimenti
 clicca sul link per vedere le Prove di questa Categoria ;-) : Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz. Classi 5^ Alim.ne - Trasformaz. Alteraz.


Tutte le Classi:



Classi 1^:





Classi 2^:





Classi 3^:





Classi 4^:





Classi 5^:







* Cerca Globale Sito *

block-cerca_centrale_rid





Con Sistema avanzato di Filtri per le singole Sezioni
e la possibilità (come su Google) di cercare due-tre termini ben precisi mettendoli tra le " " (virgolette: il sistema troverà tutti i documenti in cui le parole tra le virgolette compaiono tutte in quel preciso ordine).


Cerca nelle Notizie / News sulla Scuola

Cerca News Scuola
Notizie sulla Scuola


Cerca nei Forums

Cerca nei Forums
Forums Community


Cerca nelle News della WebCommunityLab

Cerca News WebCommunityLab
News della WebCommunityLab


Cerca in:
Enciclopedia Alimentazione


Cerca nella Enciclopedia Scienza degli Alimenti e Biologia
Enciclopedia Alimentazione


Cerca in:
Enciclopedia Cucina, Enologia
Salabar


Cerca nella Enciclopedia Tecnica dei Servizi, Pratica di Cucina, Enologia
Enciclopedia Tecnica dei Servizi,
Pratica di Cucina, Enologia


Cerca nella Sezione Ricette

Cerca nelle Ricette
Ricette Community


Cerca nella Sezione Alimenti

Cerca neigli Alimenti
Alimenti Community




Avviso ai visitatori

Avviso importante per i visitatori

Tutti i servizi e le notizie offerti da profscaglione.it sono rigorosamente a carattere gratuito: nonostante la cura profusa dallo Staff sono possibili refusi ed errori di diversa natura; tali servizi vengono offerti così come sono e non si fornisce alcuna garanza sulla continuità degli stessi, che possono sempre essere sospesi od interrotti in qualsiasi momento.

Si tenga inoltre presente che la WebCommunityLab di profscaglione.it è un sito in parte frutto di attività didattica che, per la sua particolare natura, richiede a volte la pubblicazione di materiale non sempre corretto, sull'affidabilita` del quale non si fornisce alcuna garanzia.

Buona navigazione 


 




Questo portale non è una testata giornalistica, è una pubblicazione aperiodica e non può quindi essere considerato
un prodotto editoriale ai sensi della Legge 7/3/01, n. 62.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta.
Tutti i materiali provenienti da http://it.wikipedia.org sono sotto licenza Creative Commons; tutto il resto: licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
La responsabilità  degli scritti (articoli, messaggi, interventi sui forum, ...) è dei relativi autori: al riguardo profscaglione.it declina ogni responsabilità.



Webmaster and Administrator: prof. Flavio Scaglione.

Generazione pagina: 1.727 secondi (188)




Toolbar orizzontale Ambineti WebCommunityLab di profScaglione.it al fondo delle pagine